Depressione, una nuova cura con stimolazione magnetica

37
3 anni fa

5 minuti

depressione

Una nuova forma di stimolazione cerebrale magnetica è in grado di alleviare rapidamente i sintomi di una grave depressione.

Il 90% dei partecipanti in un piccolo studio condotto dai ricercatori della Stanford University School of Medicine ha avuto significanti miglioramenti dopo il nuovo trattamento con la stimolazione magnetica intracranica.

I ricercatori stanno conducendo uno studio più ampio, in doppio cieco, in cui metà dei partecipanti riceve un trattamento falso.

I ricercatori sono ottimisti sul fatto che il secondo studio si dimostrerà altrettanto efficace nel trattamento di persone le cui condizioni non sono migliorate con i farmaci, la terapia del linguaggio o altre forme di stimolazione elettromagnetica.

Il trattamento si chiama Stanford Accelerated Intelligent Neuromodulation Therapy o SAINT.

È una forma di stimolazione magnetica transcranica, approvata dalla Food and Drug Administration per il trattamento della depressione.

I ricercatori hanno riferito che la terapia migliora gli attuali protocolli approvati dalla FDA aumentando il numero di impulsi magnetici, accelerando il ritmo del trattamento e indirizzando gli impulsi in base al neurocircuito di ciascun individuo.

Prima di sottoporsi alla terapia, tutti i 21 partecipanti allo studio erano gravemente depressi, secondo diversi test diagnostici per la depressione. Successivamente, 19 di loro sono stati inseriti nel range “non depresso”.

Sebbene tutti i partecipanti abbiano avuto pensieri suicidi prima della terapia, nessuno di loro ha riferito di avere pensieri suicidi dopo il trattamento. Tutti e 21 i partecipanti non avevano precedentemente sperimentato miglioramenti con farmaci, stimolazione magnetica transcranica approvata dalla FDA o terapia elettroconvulsiva.

Gli unici effetti collaterali della nuova terapia sono stati l’affaticamento e alcuni disagi durante il trattamento, secondo lo studio. I risultati saranno pubblicati sull’American Journal of Psychiatry.

Non c’è mai stata una terapia per la depressione resistente al trattamento che ha rotto i tassi di remissione del 55% nei test in aperto. Si ritiene che la terapia elettroconvulsiva sia il gold standard, ma ha solo un tasso di remissione medio del 48% nella depressione resistente al trattamento. Nessuno si aspettava questo tipo di risultati.

ha affermato Nolan Williams, MD, assistente professore di psichiatria e scienze comportamentali e autore senior dello studio.

Nella stimolazione magnetica transcranica, le correnti elettriche da una bobina magnetica posizionata sul cuoio capelluto eccitano una regione del cervello implicata nella depressione.

Il trattamento, come approvato dalla FDA, richiede sei settimane di sessioni una volta al giorno. Solo circa la metà dei pazienti sottoposti a questo trattamento migliora e solo circa una terza esperienza di remissione dalla depressione.

I ricercatori di Stanford hanno ipotizzato che alcune modifiche alla stimolazione magnetica transcranica potrebbero migliorare la sua efficacia.

Gli studi hanno suggerito che una dose più forte, di 1.800 impulsi per sessione anziché 600, sarebbe più efficace.

I ricercatori sono stati cautamente ottimisti della sicurezza del trattamento, poiché quella dose di stimolazione era stata utilizzata senza danni in altre forme di stimolazione cerebrale per disturbi neurologici, come il morbo di Parkinson.

Altri studi hanno suggerito che l’accelerazione del trattamento contribuirebbe ad alleviare la depressione dei pazienti più rapidamente.

Con SAINT, i partecipanti allo studio sono stati sottoposti a 10 sessioni al giorno di trattamenti di 10 minuti, con pause di 50 minuti nel mezzo.

In media, tre giorni di terapia erano sufficienti per consentire ai partecipanti di avere sollievo dalla depressione.

I ricercatori hanno anche ipotizzato che indirizzare la stimolazione in modo più preciso migliorerebbe l’efficacia del trattamento.

Nella stimolazione magnetica transcranica, il trattamento è mirato alla posizione in cui si trova la corteccia prefrontale dorsolaterale della maggior parte delle persone.

Questa regione regola le funzioni esecutive, come la selezione di memorie appropriate e l’inibizione di risposte inadeguate.

Per SAINT, i ricercatori hanno utilizzato l’imaging a risonanza magnetica dell’attività cerebrale per individuare non solo la corteccia prefrontale dorsolaterale, ma una sottoregione particolare al suo interno.

Hanno individuato in ogni partecipante la sottoregione che ha una relazione con il cingolato subgenuale, una parte del cervello che è iperattiva nelle persone che soffrono di depressione.

Nelle persone depresse, la connessione tra le due regioni è debole e il cingolato subgenerico diventa iperattivo. Stimolare la sottoregione della corteccia prefrontale dorsolaterale riduce l’attività nel cingolato subgenerale.

ha affermato Keith Sudheimer, PhD, professore assistente di psichiatria e autore senior dello studio.

Per testare la sicurezza, i ricercatori hanno valutato la funzione cognitiva dei partecipanti prima e dopo il trattamento.

Non hanno trovato effetti collaterali negativi; in effetti, hanno scoperto che la capacità dei partecipanti di passare da un compito mentale all’altro e di risolvere i problemi era migliorata, un risultato tipico per le persone che non sono più depresse.

Un mese dopo la terapia, il 60% dei partecipanti era ancora in remissione dalla depressione.

Sono in corso studi di follow-up per determinare la durata degli effetti antidepressivi.

I ricercatori hanno in programma di studiare l’efficacia di SAINT su altre condizioni, come disturbo ossessivo-compulsivo, dipendenza e disturbi dello spettro autistico.

 

 

Qui lo studio completo:

Vi abbiamo parlato di depressione anche qui.

Jackson Pollock: l’arte astratta piace al nostro cervello
Jackson Pollock: l’arte astratta piace al nostro cervello
Lavoro: luoghi comuni che minacciano il cervello
Lavoro: luoghi comuni che minacciano il cervello
Disturbo alimentare: insoddisfazione corporea e social media
Disturbo alimentare: insoddisfazione corporea e social media
Concentrazione: quando la perdi, migliori l'apprendimento
Concentrazione: quando la perdi, migliori l'apprendimento
Sofferenza: ecco perché pensi che qualcuno ne sia responsabile
Sofferenza: ecco perché pensi che qualcuno ne sia responsabile
Bussola emotiva: ecco perché serve
Bussola emotiva: ecco perché serve
Terapia:  aspetti da considerare alla prima seduta
Terapia: aspetti da considerare alla prima seduta