Dal MIT la batteria al grafene che ti ricarica lo smartphone con il segnale Wi-Fi e 5G

104
1 Aprile 2020

La durata della batteria è la battaglia che i produttori di smartphone non hanno ancora vinto. I dispositivi sono sempre grandi e più veloci, ma al crescer della tecnologia le care “vecchie” batterie al litio faticano ad adattarsi e offrire un’adeguata prestazione. Sono diverse le soluzioni sperimentali che cercando di offrire un’alternative, una delle ultime arriva dal Massachusetts Institute of Technology (MIT) e sfrutta le proprietà del grafene.

I ragazzi del MIT hanno messo a punto il progetto di un dispositivo in grafene in grado di catturare le onde elettromagnetiche vaganti e convertirle in energia utilizzabile. Si tratta di onde come quelle rilasciate da un forno a microonde, dagli infrarossi, o dai vari dispositivi Wi-Fi e dalle antenne LTE/5G, che emettono onde terahertz a bassa energia.

Potenzialmente si potrebbe, ad esempio, realizzare uno smartphone dotato del dispositivo in grafene e quindi capace di assorbire le onde terahertz e auto-ricaricarsi costantemente. La tecnologia potrebbe essere sfruttata anche per alimentare singolarmente i moduli a basso consumo di uno smartphone, come i moduli Wi-Fi, modem 5G e il chip GPS. Tutto questo direttamente attraverso il segnale Wi-Fi o 5G che si trova tutto intorno all’utente. In pratica, più c’è “campo” e più il cellulare si ricaricherebbe facilmente.

Funzionerebbe in modo molto simile a una cella solare, ad eccezione di una diversa gamma di frequenze, per raccogliere e convertire passivamente l’energia ambientale – commenta Liang Fu, uno degli autori dello studio.

Il prossimo passo del MIT è lo sviluppo di un prototipo funzionante. Sì, perché come già detto al momento si tratta solamente di un progetto che ancora non ha trovato una sua concretizzazione.

 

Aree Tematiche
Mobile News Tecnologie
Tag
mercoledì 1 Aprile 2020 - 15:32
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd