Droghe psichedeliche: era un vero trip o te lo sei immaginato?

3
31 Marzo 2020

droghe psichedeliche

Negli ultimi tempi è cresciuto molto l’interesse per un eventuale impiego di droghe psichedeliche nella cura per la depressione.

Un nuovo studio della McGill University suggerisce che, nel giusto contesto, alcune persone potrebbero sperimentare effetti di tipo psichedelico anche assumendo un placebo.

L’effetto placebo è osservabile quando un paziente assume farmaci “falsi” credendoli però genuini.

I ricercatori hanno riportato alcuni dei più forti effetti placebo sugli stati di alterazione della coscienza nella letteratura relativa ai farmaci psichedelici.

Lo studio rafforza il potere del contesto in contesti psichedelici. Con il recente riemergere della terapia psichedelica per disturbi come la depressione e l’ansia, i medici potrebbero essere in grado di sfruttare questi fattori contestuali per ottenere esperienze terapeutiche simili da dosi più basse, che ulteriormente migliorare la sicurezza dei farmaci. In effetti, il 61% dei partecipanti all’esperimento ha riportato alcuni effetti dopo aver consumato il placebo.

ha dichiarato Jay Olson, ricercatore presso il Dipartimento di Psichiatria di McGill e autore principale di questa ricerca che è stata recentemente pubblicata su Psychopharmacology.

I partecipanti, che si aspettavano di prendere parte a uno studio sugli effetti della droga sulla creatività, hanno trascorso quattro ore insieme in una stanza che era stata allestita per assomigliare a una festa psichedelica, con dipinti, luci colorate e un DJ.

Per rendere credibile il contesto e nascondere l’inganno, lo studio ha coinvolto anche dieci assistenti di ricerca in camici bianchi, psichiatri e una guardia di sicurezza.

Ai 33 partecipanti era stato detto che sarebbe stato loro somministrato un farmaco che assomigliava al principio attivo presente nei funghi psichedelici e che avrebbero sperimentato cambiamenti nella coscienza nel corso di 4 ore.

In realtà, tutti hanno consumato un placebo.

Tra i partecipanti c’erano diversi attori che erano stati addestrati per recitare in maniera convincente gli effetti della droga apparente.

I ricercatori hanno pensato che questo avrebbe aiutato a convincere i partecipanti che tutti avevano consumato un farmaco psichedelico e che li avrebbero portati a sperimentare effetti placebo.

Quando è stato chiesto alla fine dello studio, la maggioranza (61%) dei partecipanti ha riferito di alcuni effetti del farmaco, che vanno da lievi modifiche agli effetti che assomigliano all’assunzione di una dose moderata o alta di un farmaco reale, sebbene ci siano state notevoli variazioni individuali.

Ad esempio, diversi partecipanti hanno affermato di aver visto i dipinti sui muri muoversi o rimodellare stessi.

Altri si sono descritti come pesanti… come se la gravità avesse una presa più forte, uno ha avuto un calo prima che un’altra onda lo colpisse.

Diversi partecipanti hanno riferito di essere sicuri di aver preso una droga psichedelica.

Questi risultati possono aiutare a spiegare le “sballate di contatto” in cui le persone sperimentano gli effetti di un farmaco semplicemente circondandosi di altri che lo hanno consumato. Più in generale, il nostro studio aiuta a far luce sulla componente di “potenziamento del placebo” inerente a tutti gli interventi medici e terapeutici e sulle influenze sociali che modulano questi effetti di potenziamento.

Gli effetti del placebo possono essere stati sottovalutati negli studi psichedelici. L’attuale tendenza verso il “micro-dosaggio”, che prevede il consumo di minuscole quantità di farmaci psichedelici per migliorare la creatività, ad esempio, può avere una forte componente placebo a causa di aspettative culturali diffuse che inquadrano la risposta

afferma Samuel Veissière, un antropologo cognitivo che insegna nel Dipartimento di Psichiatria alla McGill e ha supervisionato lo studio.

Qui lo studio completo:

Vi abbiamo parlato di droghe anche qui.

Aree Tematiche
Psicologia Scienze
Tag
martedì 31 Marzo 2020 - 14:23
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd