Un nuovo Pterosauro africano

3
27 Marzo 2020

pterosauro

Una comunità di pterosauri che abitava il Sahara 100 milioni di anni fa è stata scoperta da un paleontologo dell’Università di Portsmouth e da un team internazionale di scienziati.

Gli pterosauri furono i primi vertebrati alati della Terra, con uccelli e pipistrelli che fecero la loro comparsa molto più tardi.

Hanno prosperato da circa 210 a 65 milioni di anni fa, quando sono stati spazzati via dall’asteroide che ha anche condannato i dinosauri non aviari.

Alcuni pterosauri, come i giganteschi Azhdarchidi, erano i più grandi animali volanti di tutti i tempi, con apertura alare superiore a 9,1 m (30 piedi) e altezze paragonabili alle giraffe moderne.

I fossili di tre nuovi esemplari sono stati ritrovati in un piccolo villaggio chiamato Beggaa, appena fuori Erfoud, nel sud-est del Marocco.

Il professor David Martill di Portsmouth e ricercatori degli Stati Uniti e del Marocco hanno identificato le tre nuove specie di pterosauri dentati.

Questi pterosauri, il cui nome significa lucertole alate,  facevano parte di un antico ecosistema fluviale in Africa pieno di vita, tra cui pesci, coccodrilli, tartarughe e diversi dinosauri predatori.

La ricerca è stata condotta da Megan Jacobs della Baylor University, in Texas, che ha lavorato a fianco del professor Martill e Nizar Ibrahim dell’Università di Detroit Mercy.

I nuovi fossili, la cui scoperta è stata pubblicata sulla rivista Cretaceous Research, stanno aiutando a scoprire la storia evolutiva dell’Africa molto poco conosciuta durante il periodo dei dinosauri.

Le nuove scoperte mostrano che gli pterosauri africani erano abbastanza simili a quelli trovati in altri continenti.

Questi predatori volanti si libravano sopra un mondo dominato da predatori, tra cui cacciatori simili a coccodrilli e dinosauri carnivori.

È interessante notare che erbivori come sauropodi e dinosauri Ornitischi fossero rari. Molti predatori, inclusi i pterosauri dentati, avevano la possibilità di predare una sovrabbondanza di pesci.

Il professor Martill ha dichiarato:

Siamo in un’epoca d’oro per scoprire i pterodattili. Solo quest’anno abbiamo scoperto tre nuove specie e siamo solo a marzo.

Qui vi avevamo parlato recentemente di altri pterosauri scoperti in Canada.

I nuovi pterosauri identificati dai ricercatori da pezzi di mascelle e denti, trovati nei letti cretacei centrali del Marocco Kem Kem, avevano un’apertura alare di circa 3-4 metri.

La loro apertura alare misurava circa 3-4 m (10-13 piedi), con ossa sottilissime e piene d’aria, molto simili agli uccelli. Ciò ha permesso a queste fantastiche creature di raggiungere dimensioni incredibili ed essere ancora in grado di decollare e volare nei cieli

ha detto Jacobs

Questi pescatori aerei afferravano la loro preda al volo, usando una serie omicida di grandi denti a punta che formavano un’efficace presa per i denti.

Grandi pterosauri come questi sarebbero stati in grado di foraggiarsi su grandi distanze, simile agli uccelli di oggi come condor e albatri.

Queste nuove scoperte forniscono un’importante finestra sul mondo dei pterosauri africani. Sappiamo molto di più sugli pterosauri di luoghi come l’Europa e l’Asia, quindi descrivere nuovi esemplari dall’Africa è sempre molto eccitante

ha affermato Ibrahim, assistente professore di biologia alla Detroit Mercy

Una delle specie, Anhanguera, era precedentemente conosciuta solo in Brasile. Un altro, Ornithocheirus, era stato trovato fino ad ora solo in Inghilterra e in Asia centrale.

Qui la ricerca completa:

Aree Tematiche
Archeologia Scienze
Tag
venerdì 27 Marzo 2020 - 14:22
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd