Buco nell’ozono, finalmente buone notizie

3
26 Marzo 2020

buco nell'ozono

I prodotti chimici che riducono lo strato di ozono protettivo della Terra sono anche responsabili dei cambiamenti nella circolazione atmosferica dell’emisfero meridionale.

Una nuova ricerca pubblicata su Nature ha scoperto che questi cambiamenti si sono interrotti e potrebbero persino essere invertiti come causa delle misure introdotte dal protocollo di Montreal, un trattato internazionale che ha gradualmente eliminato l’uso di sostanze chimiche che riducono lo strato di ozono.

Questo studio si aggiunge alle crescenti prove che dimostrano la profonda efficacia del protocollo di Montreal. Non solo il trattato ha stimolato la guarigione dello strato di ozono, ma sta anche guidando i recenti cambiamenti nei modelli di circolazione dell’aria nell’emisfero meridionale

ha affermato l’autore principale Antara Banerjee, che lavora nella divisione di scienze chimiche della National Oceanic and Atmospher Administration (NOAA).

Il buco dell’ozono, scoperto nel 1985, si è formato ogni primavera nell’alta atmosfera sopra l’Antartide. L’esaurimento dell’ozono raffredda l’aria, rafforzando i venti del vortice polare e influenzando i venti fino allo strato più basso dell’atmosfera terrestre. Ve ne avevamo parlato qui.

Precedenti studi hanno collegato queste tendenze di circolazione ai cambiamenti climatici nell’emisfero australe, in particolare le precipitazioni in Sud America, Africa orientale e Australia, e ai cambiamenti delle correnti oceaniche e della salinità.

Il protocollo di Montreal del 1987 ha gradualmente eliminato la produzione di sostanze che distruggono l’ozono come i clorofluorocarburi (CFC).

A partire dal 2000 circa, le concentrazioni di tali sostanze chimiche nella stratosfera hanno iniziato a diminuire e il buco dell’ozono ha iniziato a recuperare.

In questo studio, Banerjee e i suoi coautori hanno dimostrato che intorno al 2000, anche la circolazione dell’emisfero meridionale ha smesso di espandersi verso il polo, una pausa o una leggera inversione delle tendenze precedenti.

La sfida di questo studio era dimostrando la nostra ipotesi: il recupero dell’ozono sta effettivamente guidando questi cambiamenti della circolazione atmosferica e non è solo una coincidenza

ha detto Banerjee.

Per fare ciò, i ricercatori hanno utilizzato una tecnica statistica in due fasi chiamata rilevazione e attribuzione: rilevare la probabilità che determinati modelli di variazioni del vento osservate siano dovuti alla sola variabilità naturale e, in tal caso, se le variazioni possano essere attribuite all’attività dell’uomo, considerando fattori come le emissioni di sostanze chimiche che riducono lo strato di ozono e CO2.

Usando simulazioni al computer, i ricercatori hanno prima determinato che la pausa osservata nelle tendenze della circolazione non poteva essere spiegata da cambiamenti naturali nei soli venti. Successivamente, hanno isolato gli effetti dell’ozono e dei gas serra separatamente.

I ricercatori hanno dimostrato che mentre l’aumento delle emissioni di CO2 ha continuato ad espandere la circolazione vicino alla superficie verso il polo, solo i cambiamenti di ozono potrebbero spiegare la pausa nelle tendenze di circolazione.

Prima del 2000, sia l’esaurimento dell’ozono che l’innalzamento dei livelli di CO2 spingevano verso l’alto la circolazione vicino alla superficie.

Dal 2000, la CO2 ha continuato a spingere questa circolazione verso il polo, bilanciando l’effetto opposto del recupero dell’ozono.

L’identificazione della pausa indotta dall’ozono nelle tendenze di circolazione nelle osservazioni del mondo reale conferma, per la prima volta, ciò che la comunità scientifica che studia l’ozono ha da tempo ipotizzato

ha affermato John Fyfe, scienziato di Environment and Climate Change Canada e uno dei coautori di articoli.

Con l’ozono che inizia a riprendersi e i livelli di CO2 continuano a salire, il futuro è meno certo, anche per quelle regioni dell’emisfero meridionale il cui tempo è influenzato dal flusso polare e quelle ai margini delle regioni asciutte.

La definiamo una “pausa” perché le tendenze della circolazione al rialzo potrebbero riprendere, rimanere piatte o invertite. È il tiro alla fune tra gli effetti opposti del recupero dell’ozono e l’aumento dei gas a effetto serra che determineranno le tendenze future

ha affermato Banerjee.

 

Qui lo studio completo:

 

Aree Tematiche
Natura Scienze
Tag
giovedì 26 Marzo 2020 - 11:24
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd