La famiglia degli squali sega si allarga

90
3 anni fa

5 minuti

squalo sega

Due nuove specie di squali sega a sei branchie sono stati trovati nell’Oceano Indiano Occidentale da un team internazionale di scienziati marini.

La scoperta di nuove specie animali ha quel sapore ottocentesco delle spedizioni nei nuovi mondi. Ancora oggi non è raro scoprire una nuova specie di insetti o di minuscoli anfibi tropicali, ma la scoperta una nuova specie di squalo, uno squalo sega, è davvero un fatto emozionante.

Figuriamoci due in un colpo solo!

Il Pliotrema kajae e il Pliotrema annae scoperti di recente – affettuosamente conosciuti come gli squali sega a sei branchie di Kaja e Anna – sono stati scoperti durante una ricerca sulle attività di pesca su piccola scala operanti al largo delle coste del Madagascar e Zanzibar.

Pubblicando le loro scoperte oggi sulla rivista PLOS ONE, il team di studio afferma che la scoperta di due nuovi squali evidenzia quanto poco sappiamo ancora della vita nell’oceano e dell’impatto che stiamo avendo su di essa.

L’autore principale, il dott. Simon Weigmann, con sede presso il laboratorio di ricerca Elasmobranch Research Laboratory di Amburgo, ha spiegato:

Gli squali sega a sei branchie sono davvero piuttosto straordinari poiché la maggior parte degli squali sega ha solo cinque fessure branchiali per lato. Quindi è stato davvero emozionante trovare una nuova specie di squalo sega a sei branchie e trovare due nuove specie – beh, è ​​stato semplicemente sorprendente!

La presenza degli squali sega nell’Oceano Indiano occidentale è ancora scarsamente documentata. Ma considerando le loro distribuzioni di profondità, entrambe le nuove specie sono probabilmente dissturbate dalla pesca. Questa ipotesi, unita alla portata limitata e all’apparente rarità di entrambe le nuove specie, solleva preoccupazioni sul fatto che siano vulnerabili alla pesca eccessiva e che potrebbero essere in declino.

La pesca intensiva potrebbe essere particolarmente allarmante per lo squalo sega a sei branchie “di Anna” (Pliotrema annae) a causa della sua piccola taglia, per la sua rarità e per la preferenza di poco profonde, profondità da 20 a 35 m.

Due rostri di P.kajae sono state raccolte dal dott. Ruth Leeney ricercatrice presso il Museo di storia naturale di Londra e molti altri esemplari di questa nuova specie sono stati trovati in diverse collezioni museali. I due esemplari di P.annae sono stati raccolti da Ellen Barrowclift, il dott. Andrew Temple e il dott. Per Berggren dell’Università di Newcastle, nel Regno Unito, e il dott. Narriman Jiddawi dell’Istituto di ricerca sulla pesca, Zanzibar.

Il dott. Temple, coautore dello studio, ha dichiarato:

L’anno scorso il nostro team ha sottolineato l’enorme sottostima di squali e razze catturati nell’Oceano Indiano sud-occidentale e l’urgente necessità di estendere gli sforzi a livello globale per valutare l’impatto di queste attività di pesca sulle specie vulnerabili.  Queste scoperte rafforzano sia l’importanza dell’Oceano Indiano occidentale in termini di biodiversità di squali e razze, ma mettono anche in luce quanto sia limitata la conoscenza delle specie che popolano queste.

Il dott. Berggren, coautore del documento e leader del laboratorio MEGA fauna di Newcastle, aggiunge:

Questo progetto testimonia anche il valore degli scienziati che lavorano con le comunità locali. Senza l’aiuto dei pescatori non avremmo scoperto questi animali. La loro conoscenza del loro ambiente non ha eguali ed è nostra missione aiutarli a preservare gli animali marini e gli ecosistemi che fare affidamento per sopravvivere

Come suggerisce il nome, lo squalo sega è un tipo di squalo più noto per il suo muso simile a una sega. Trovato principalmente nelle acque temperate di tutti e tre i grandi oceani, il numero di squali sega è diminuito negli ultimi due decenni a causa della pesca commerciale.

Gli squali sega possono raggiungere fino a circa 1,5 metri di lunghezza e hanno un muso lungo bordato di denti aguzzi che si alternano in dimensioni.

Hanno anche una coppia distintiva di barbigli nel mezzo del muso – organi sensoriali simili a baffi intorno alla bocca dello squalo che lo aiutano a rilevare la sua preda.

Anche se lo squalo sega e il pesce sega condividono somiglianze nell’aspetto, differiscono per diversi aspetti. Gli squali sega sono più grandi, non hanno barbigli e le loro branchie si trovano nella parte inferiore del corpo (come tipico delle razze).

Gli squali sega sono carnivori, vivono di una dieta a base di pesce, crostacei e calamari e usano il muso seghettato per uccidere la loro preda. Il rapido movimento del muso da un lato all’altro taglia la preda in pezzi sottili che possono essere ingoiati facilmente.

Entrambe le nuove specie differiscono dall’unica specie a sei branchie precedentemente nota, Pliotrema warreni, nella posizione dei loro barbigli: in P. kajae e P. annae, queste sono situate a circa metà strada dalla punta della sega – la punta rostrale – alla bocca, rispetto a P. warreni, dove si trovano a circa due terzi, molto più vicini alla bocca.

Una caratteristica speciale di P. annae è il rostro generalmente più corto rispetto a P. kajae e P. warreni.

Abbiamo parlato della ricerca sulla pelle degli squali, recentemente, qui.

Qui, invece, lo studio completo: Revision of the sixgill sawsharks, genus Pliotrema (Chondrichthyes, Pristiophoriformes), with descriptions of two new species and a redescription of Pwarreni Regan (journals.plos.org)

Piante anti-bomba
Piante anti-bomba
Piante anti-bomba
Piante anti-bomba