Foreste tropicali: biodiversità e assorbimento del Carbonio

42
3 anni fa

4 minuti

foresta tropicale

Le foreste tropicali sono una parte importante del ciclo globale del carbonio poiché assorbono e immagazzinano grandi quantità di CO2. Ma qual è l’efficenza di questo processo?

Non è ancora chiaro quanto la capacità di queste foreste di assorbire e immagazzinare carbonio differisca tra foreste con una elevata o bassa biodiversità.

E nell’aria del nostro pianeta i livelli sono altissimi.

La nuova ricerca dell’ International Institute for Applied Systems Analysis (IIASA) di Vienna fa luce su questa domanda con l’obiettivo di migliorare la nostra capacità di prevedere la forza degli ecosistemi tropicali come punti di assorbimento globali di carbonio.

Gli autori del nuovo studio pubblicato su Scientific Reports, hanno studiato quante specie e quanti i servizi ecosistemici associati sono necessari per il funzionamento dell’ecosistema tropicale.

Quantificare la capacità di sequestrare il carbonio, ci permetterà di prevedere i futuri cambiamenti del clima che influenzano lo stoccaggio del carbonio dell’ecosistema e che potrebbero innescare ulteriori cambiamenti climatici attraverso aumento delle emissioni di gas serra.

È importante essere in grado di costruire scenari realistici sul funzionamento degli ecosistemi tropicali per migliorare le attuali strategie di conservazione e gestione in modo che possano continuare a fornire i loro preziosi servizi in futuro.

Volevamo scoprire quanti dettagli abbiamo bisogno di conoscere per fare valide ipotesi in termini di forza di assorbimento del carbonio da parte delle foreste tropicali, in altre parole, quanto carbonio è effettivamente sequestrato dalla vegetazione tropicale? Inoltre, volevamo sapere se sono i fattori biotici, cioè le differenze tra le specie di piante che sono responsabili della cattura di più o meno carbonio dall’atmosfera; o se le differenze sono dovute a fattori abiotici o locali come le proprietà del suolo, che influenzano anche la forza di assorbimento del carbonio nei tropici ecosistemi

spiega l’autore principale dello studio Florian Hofhansl, ricercatore presso l’IIASA.

Secondo i ricercatori, si presume che comunità più biodiverse catturino le risorse disponibili in modo più efficiente a causa della complementarietà delle nicchie e delle preferenze di alcune specie a condizioni specifiche. I risultati mostrano che i fattori abiotici e biotici interagiscono tra loro per determinare la quantità di carbonio che può essere immagazzinata dall’ecosistema, in base alla disponibilità di altre risorse come acqua e sostanze nutritive. Ciò indica che sarebbe necessario tenere conto di fattori multipli e correlati per arrivare a proiezioni plausibili della forza del futuro assorbimento di carbonio dell’ecosistema.

Un’analisi basata sulla modellizzazione di percorsi statistici ha rivelato che, a parte i fattori climatici, come la temperatura e le precipitazioni, fattori come la struttura del suolo e la chimica sono importanti quando si tratta della composizione della comunità di piante tropicali in quanto influenzano la disponibilità di risorse di acqua e sostanze nutritive.

A questo proposito, lo studio ha esaminato specificamente le differenze tra alberi, palme e liane. Ciascuno di questi gruppi differisce in termini di quantità di carbonio che sono in grado di immagazzinare a causa delle differenze nella loro strategia ecologica. Le liane, ad esempio, crescono rein maniera veloce e provano a raggiungere il baldacchino (le chiome degli alberi) per avere accesso alla luce del sole. Però le liane non immagazzinano tanto carbonio quanto un albero per raggiungere la stessa altezza nel baldacchino.

Le palme sono però le più sottovalutate. L’analisi ha dimostrato che le palme sono più abbondanti su suoli con elevata densità e bassa disponibilità di fosforo, mentre alcune specie di alberi sono presenti su suoli meno densi con elevata disponibilità di acqua.

Questa diversa distribuzione relativa alle preferenze delle specie vegetali porta la differenza nella composizione delle comunità. Inoltre, i ricercatori hanno osservato che, abbastanza prevedibilmente, i siti con meno risorse contengono comunità vegetali meno diversificate rispetto a quelle con abbondante acqua del suolo e apporto di nutrienti.

Le proiezioni su larga scala degli effetti del cambiamento globale sulle foreste tropicali, tuttavia, in genere ignorano i fattori sottostanti che innescano le differenze nella composizione della comunità vegetale.

Di conseguenza, la maggior parte degli approcci attualmente applicati non rappresentano accuratamente i processi cruciali dell’ecosistema, come lo stoccaggio del carbonio nella vegetazione. Ciò è principalmente dovuto al fatto che le tecniche di telerilevamento si integrano in genere su ampie aree spaziali, calcolando così la media della diversità del paesaggio locale.

I modelli di vegetazione di solito ignorano la risposta variabile delle diverse comunità vegetali ai fattori climatici.

Gli autori affermano che i risultati dei loro studi potrebbero essere utilizzati per migliorare gli attuali modelli di vegetazione permettendo così agli scienziati di affinare le proiezioni del funzionamento dell’ecosistema delle foreste tropicali in scenari futuri di cambiamento climatico.

 

 

Qui lo studio completo:

Mar Ligure: una rete di 300 metri sul fondale inquinava e soffocava la biodiversità
Mar Ligure: una rete di 300 metri sul fondale inquinava e soffocava la biodiversità
Aula Natura: la prima nata in Umbria
Aula Natura: la prima nata in Umbria
Rifugio Bosco Mutti: una casa per le rondini
Rifugio Bosco Mutti: una casa per le rondini
Castagneto di Granaglione: Centro nazionale per la biodiversità
Castagneto di Granaglione: Centro nazionale per la biodiversità
Inghilterra: ex sito industriale trasformato in una riserva naturale
Inghilterra: ex sito industriale trasformato in una riserva naturale
Cieli stellati e biodiversità: difenderli spegnendo la luce
Cieli stellati e biodiversità: difenderli spegnendo la luce
Alberi in meno sul Pianeta: oltre il 60% di foreste scomparse
Alberi in meno sul Pianeta: oltre il 60% di foreste scomparse

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.