BRICKNAUTS

Un LEGO è per sempre

3
213
17 Marzo 2020

lego

Secondo una nuova ricerca, un mattoncino LEGO potrebbe sopravvivere nell’oceano per ben 1300 anni.

Tutti noi, sin dall’infanzia, abbiamo potuto testare l’indistruttibilità e la solidità dei LEGO. Soprattutto quando li troviamo di notte sul percorso letto-bagno. Ma quanto davvero sono in grado di durare nell’ambiente?

Uno studio condotto dall’Università di Plymouth ha esaminato fino a che punto gli oggetti del sempre popolare giocattolo per bambini (e non solo) riescano a resistere nell’ambiente marino.

Confrontando la massa di singoli mattoni trovati sulle spiagge, erosi dall’azione delle onde, rispetto a pezzi inutilizzati equivalenti per età, i ricercatori hanno stimato che gli oggetti potrebbero durare in mare per un periodo compreso tra 100 e 1300 anni.

Lo dicono rafforzando il messaggio secondo cui le persone devono riflettere attentamente su come smaltire gli oggetti domestici di tutti i giorni.

La ricerca, pubblicata sulla rivista Environmental Pollution, si è concentrata sui mattoncini LEGO ritrovati sulle coste del sud ovest dell’Inghilterra.

Negli ultimi dieci anni, le organizzazioni di volontariato della Cornovaglia – tra cui Rame Peninsula Beach Care e il LEGO Lost at Sea Project – hanno recuperato migliaia di pezzi LEGO ad altri rifiuti di plastica durante le normali pulizie della spiaggia.

Precedenti studi hanno indicato che molti di questi potrebbero essere andati persi durante le visite in spiaggia o essere entrati nell’ambiente attraverso il processo dei rifiuti domestici.

Per questo particolare studio, 50 pezzi di LEGO esposto alle intemperie – costruiti con acrilonitrile-butadiene-stirene (ABS) e raccolti dalle spiagge – sono stati lavati e poi pesati nei laboratori dell’Università, misurando anche le dimensioni dei perni di incastro, le parti che maggiormente subiscono l’usura delle onde e la risacca.

Le caratteristiche chimiche di ciascun blocco sono state quindi determinate utilizzando uno spettrometro a fluorescenza a raggi X (XRF), con i risultati utilizzati per confermare l’età dei singoli pezzi in base alla presenza di determinati elementi non più in uso.

Abbinando quegli articoli a set non trattati acquistati negli anni ’70 e ’80, i ricercatori sono stati in grado di identificare i livelli di usura e – di conseguenza – per quanto tempo i pezzi potrebbero continuare a resistere nell’ambiente marino.

Lo studio è stato condotto dal dott. Andrew Turner, professore associato di Scienze Ambientali, che in precedenza ha condotto ricerche approfondite sulle proprietà chimiche degli oggetti ritrovati sulle spiagge come rifiuti marini.

Afferma il dott. Turner:

LEGO è uno dei giocattoli per bambini più popolari della storia e parte del suo fascino è sempre stato la sua durata. È stato progettato appositamente per essere giocato e gestito, quindi potrebbe non essere particolarmente sorprendente che, nonostante sia potenzialmente nel mare per decenni non è stato logorato in modo significativo, ma la sua durata è stata addirittura una sorpresa per noi.

I pezzi che abbiamo testato si sono levigati e scoloriti, con alcune delle strutture fratturate e frammentate, suggerendo che oltre a rimanere intatti potrebbero anche rompersi in microplastiche. Sottolinea ancora una volta l’importanza delle persone che smaltiscono correttamente gli oggetti usati per assicurarsi che non comportino potenziali problemi per l’ambiente.

LEGO afferma che stanno attivamente lavorando allo sviluppo di alternative sostenibili alle attuali materie prime utilizzate e si impegnano a trovare soluzioni entro il 2030.

Lo scopo è sostituire le attuali materie prime a base di petrolio in modo che la plastica utilizzata possa essere prodotta con materie prime sostenibili o a base biologica.

Un primo successo di questo lavoro di innovazione è stato introdurre i primi elementi LEGO (alberi, foglie e cespugli) realizzati con una plastica prodotta con canna da zucchero proveniente da fonti sostenibili.

 

 

Qui lo studio completo:

Aree Tematiche
Bricknauts Natura Scienze
Tag
martedì 17 marzo 2020 - 11:39
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd