Ricordi traumatici: potremo cancellarli?

14
12 mesi fa

4 minuti

ricordi traumatici

Tutti abbiamo dei ricordi di cui faremmo volentieri a meno. A volte vorremmo che la nostra memoria venisse cancellata per non ripensare ad eventi traumatici.

Nel film di Michel Gondry del 2004, “Eternal sunshine of a spotless mind” (tragicamente tradotto in italiano “Se mi lasci ti cancello”), i protagonisti Clementine e Joel, interpretati da Kate Winslet e Jim Carrey, si sottopongono ad una procedura di cancellazione dei ricordi, per annullare le memorie relative alla loro relazione andata male. (Se non vi ricordate la storia qui un breve riassunto in 8 bit)

Sedici anni fa questa storia poteva sembrare di pura fantasia ma oggi ci sono dei gruppi di ricerca che studiano un modo di cancellare dal cervello le esperienze traumatiche.

Gli scienziati della Metropolitan University di Tokyo hanno scoperto che le mosche della Drosophila perdono la memoria a lungo termine di un evento traumatico quando sono tenute al buio.

Questa è la prima conferma sperimentale che la luce ambientale abbia un ruolo nella manutenzione della memoria a lungo termine.

Il team ha anche identificato il meccanismo molecolare specifico responsabile di questo effetto.

I ricordi custoditi nella memoria a lungo termine sono notoriamente difficili da cancellare; questo lavoro può portare a nuovi trattamenti per chi soffre di traumi, forse anche alla cancellazione di ricordi traumatici che condizionano profondamente la vita.

È impossibile ricordare tutto ciò che ci accade in un giorno.

Ma un evento particolarmente scioccante può essere consolidato nella nostra memoria a lungo termine, che può avere anche un’influenza a livello molecolare e contribuire alla regolazione della sintesi di nuove proteine ​​e alla modifica dei circuiti neuronali nel nostro cervello.

Tali ricordi possono essere devastanti per una vittima, potenzialmente innescando un disturbo da stress post-traumatico.

Eppure fisiologicamente parlando, mantenere un ricordo è tutt’altro che un processo banale; è necessaria una manutenzione attiva per mantenere i cambiamenti, proteggendo dal costante riarrangiamento cellulare e il rinnovamento di un organismo vivente.

Nonostante la cruciale importanza di capire come funzioni la memoria nel cervello, il meccanismo con cui ciò accade non è ancora compreso ed è un argomento chiave per le neuroscienze oggi.

È noto che la luce, in particolare il ciclo di notte e giorno, svolga un ruolo importante nella regolazione della fisiologia animale. Gli esempi includono ritmo circadiano, umore e cognizione.

Ma che dire della memoria a lungo termine? Un team guidato dal Prof. Takaomi Sakai della Tokyo Metropolitan University ha iniziato a studiare in che modo l’esposizione alla luce influisce sulla memoria dei moscerini della frutta diurni della Drosophila.

Per valutare il condizionamento di un ricordo negativo o di un trauma a lungo termine, hanno usato osservarto il comportamento durante il corteggiamento, in cui le mosche maschili sono esposte a mosche femminili che si sono già accoppiate.

Le femmine accoppiate sono note per non essere ricettive ed esercitano uno stress sulle mosche maschili che non riescono ad accoppiarsi.

Una volta che l’esperienza è immagazzinata nella memoria a lungo termine, i maschi rifiutati non tentano più di corteggiare le mosche femmine, anche quando le femmine intorno a loro non sono accoppiate.

Il team ha scoperto che le mosche maschio condizionate dal rifiuto dell’accoppiamento e mantenute al buio per 2 giorni o più non mostravano più alcuna riluttanza ad accoppiarsi, diversamente da quelle in un normale ciclo diurno-notturno.

Ciò dimostra chiaramente che la luce ambientale ha in qualche modo modificato la ritenzione di memoria a lungo termine. Ciò non era dovuto alla mancanza di sonno; le mosche su un ciclo diurno erano leggermente private del sonno per abbinarsi alle mosche al buio, senza alcun effetto sui risultati.

I ricercatori si sono concentrati su una proteina nel cervello chiamata fattore di dispersione del pigmento (Pdf), nota per essere espressa in risposta alla luce.

Per la prima volta, hanno scoperto che Pdf regolava la trascrizione di una proteina chiamata “proteina di legame dell’elemento di risposta cAMP” (CREB) in una parte del cervello degli insetti nota per essere implicata nella memoria e nell’apprendimento.

Pertanto, hanno identificato lo specifico meccanismo molecolare con cui la luce influenza la ritenzione della memoria a lungo termine.

Le esperienze traumatiche sono molto difficili da dimenticare e possono compromettere gravemente la qualità della vita di una vittima.

Le scoperte del team dimostrano che questi ricordi possono, in effetti, essere significativamente influenzati da fattori ambientali negli organismi viventi.

Questo apre le eccitanti possibilità di nuovi trattamenti per le vittime del trauma, forse anche la capacità di cancellare i ricordi traumatici che impediscono loro di condurre una vita normale.

 

 

Qui lo studio completo:

Le formiche conservano ricordi a lungo e breve termine su diversi lati del loro cervello
Le formiche conservano ricordi a lungo e breve termine su diversi lati del loro cervello
Come gli odori evocano i ricordi
Come gli odori evocano i ricordi
Ricordi traumatici: potremo cancellarli?
Ricordi traumatici: potremo cancellarli?
Trasferiti ricordi tra lumache grazie all'RNA
Trasferiti ricordi tra lumache grazie all'RNA
Optogenetica: governare i neuroni con la luce
Optogenetica: governare i neuroni con la luce
Optogenetica: governare i neuroni con la luce
Optogenetica: governare i neuroni con la luce