Riconoscimento facciale: la polizia di Londra ha già scansionato 8600 volti

33
3 anni fa

La London Metropolitan Police da gennaio ha messo a pieno regime una tecnologia di riconoscimento facciale per rintracciare i ricercati. Il sistema ha già scansionato 8.600 volti, ma soltanto in un caso la tecnologia ci ha preso.

Il sistema di riconoscimento facciale usato dalla polizia di Londra aveva infatti portato ad 8 match: otto individui che sono stati identificati come ricercati sulla base dei dati inseriti nel database delle forze dell’ordine del Regno Unito. Sette casi su otto erano in realtà dei falsi positivi, soltanto uno dei match ha portato all’identificazione di una persona realmente ricercata dalle autorità. Si tratta di un risultato non particolarmente incoraggiante: il sistema ha fatto cilecca nell’86% dei casi.

Le telecamere per l’identificazione dei ricercati sono attualmente in uso esclusivamente nella zona di Oxford Circus.

La Metropolitan Police ha già spiegato che il database usato include esclusivamente individui ricercati per crimini particolarmente seri, come reati violenti o legati al terrorismo.

We want the public to know that we are there and want to provide reassurance that we are working to make London safer.

hanno dichiarato gli agenti.

Una precedente ricerca dell’Università di Essex aveva attribuito alla tecnologia usata dalla Metropolitan Police di London un tasso di falsi positivi di 4 a 1.

 

 

In Unione Europea si sta parlando in questi giorni della possibilità che venga costituito un registro unico per il riconoscimento facciale, condiviso da tutte le forze dell’ordine degli Stati membri e integrato con il sistema di Prum. Un’ipotesi suggerita da alcuni documenti interni, e formalmente mai divulgati al pubblico, ottenuti da The Intercept.

Soltanto all’inizio dell’anno sembrava che la direzione che avrebbe preso l’UE su questa controversa tecnologia sarebbe stata decisamente diversa da quella anticipata dal report divulgato dal The Intercept: un altro documento interno della Commissione lasciava intendere che l’UE avrebbe adottato una moratoria sul riconoscimento facciale per un periodo di almeno 5 anni. Quando la settimana scorsa la Commissione ha pubblicato il suo White Paper sull’IA, della moratoria non c’era già più traccia.

Inutile dire che esperimenti dal dubbio successo come quelli portati avanti fino ad oggi dal Regno Unito e da alcuni Stati americani non fanno altro che rafforzare la tesi degli attivisti pro-privacy che reputano il riconoscimento facciale non solo inefficace, e quindi pericoloso, ma anche intrinsecamente incompatibile con la democrazia.

 

 

Interi quartieri del Regno Unito non potranno più ospitare nuove case, ed è colpa dei data center
Interi quartieri del Regno Unito non potranno più ospitare nuove case, ed è colpa dei data center
PimEye, l'inquietante sito in grado di risalire a qualsiasi persona da una foto
PimEye, l'inquietante sito in grado di risalire a qualsiasi persona da una foto
Riconoscimento facciale, in Texas Facebook rischia guai serissimi
Riconoscimento facciale, in Texas Facebook rischia guai serissimi
Il riconoscimento facciale diventa obbligatorio per pagare le tasse online, succede negli USA
Il riconoscimento facciale diventa obbligatorio per pagare le tasse online, succede negli USA
Il riconoscimento facciale per prelevare i soldi in banca, in Brasile è già realtà
Il riconoscimento facciale per prelevare i soldi in banca, in Brasile è già realtà
La Corea utilizzerà il riconoscimento facciale per sorvegliare i positivi al Covid-19
La Corea utilizzerà il riconoscimento facciale per sorvegliare i positivi al Covid-19
Clearview AI: in Europa è messo sotto accusa per le sue violazioni alla privacy
Clearview AI: in Europa è messo sotto accusa per le sue violazioni alla privacy

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.