Darwin Day: la celebrazione della ricerca scientifica

29
2 anni fa

Si è celebrato ieri 12 febbraio il Darwin Day ispirato dalla teoria dell’evoluzione di Charles Darwin per sensibilizzare le persone sull’importanza della ricerca scientifica nel rispetto dei valori di razionalismo e di laicità. La giornata si fa coincidere proprio con il giorno della nascita di Darwin.

Una tradizione nata in Inghilterra e negli Stati Uniti subito dopo la morte di Darwin nel 1882 , diffusasi rapidamente a livello mondiale, continua tutt’oggi con l’organizzazione di eventi e incontri nei musei e nei laboratori di tutto il mondo con il fine di promuovere e divulgare conoscenze scientifiche. Non solo una giornata ma eventi che possono protrarsi fino alla fine di marzo.

L’obiettivo è creare una vera e propria consapevolezza scientifica per tutti dove è possibile assimilare delle conoscenze scientifiche di base per imparare ed esprimersi correttamente in termini scientifici.

La teoria dell’evoluzione di Darwin pubblicata nel 1859 è ancora attuale e la sua validità è dimostrata ancora oggi: la variabilità ed eredità dei caratteri innati, adattamento all’ambiente, lotta per la sopravvivenza, selezione naturale ed isolamento geografico sono i punti cardine della teoria.

I più deboli non sopravvivranno perché non hanno le capacità di adattarsi al nuovo ambiente, solo i più forti ce la faranno: questa è la selezione naturale.

Gli individui sono in continua lotta per la sopravvivenza in competizione tra loro per accaparrarsi le risorse naturali. L’ambiente opera in questa situazione una selezione naturale e  gli individui che hanno le caratteristiche migliori avranno maggiori possibilità di sopravvivenza e di trasmettere questi tratti favorevoli ai loro discendenti. I più deboli non sopravvivranno perché non hanno le capacità di adattarsi al nuovo ambiente, solo i più forti ce la faranno: questa è la selezione naturale.

La teoria dell’evoluzione elaborata da Darwin è importante per la storia dell’umanità sia perché si basa su prove scientifiche e sia perché si contrappone a quella più di moda all’epoca, e l’unica possibile fino a quel momento, del creazionismo dove le specie sono il frutto della creazione di Dio e quindi perfette ed immutabili.

 

 

Fringuelli di Darwin: ti becco dal becco (e lo confermo con la genetica)
Fringuelli di Darwin: ti becco dal becco (e lo confermo con la genetica)
Charles Darwin, lo scienziato che ha cambiato la visione dell'uomo
Charles Darwin, lo scienziato che ha cambiato la visione dell'uomo
La barriera corallina vive grazie ai piccoli pesci criptobentonici
La barriera corallina vive grazie ai piccoli pesci criptobentonici
Il nuovo viaggio di Darwin secondo Luca Novelli
Il nuovo viaggio di Darwin secondo Luca Novelli
Darwin e Lamarck: lo scontro infinito sull'evoluzione
Darwin e Lamarck: lo scontro infinito sull'evoluzione
35 accessori per gli amanti della scienza
35 accessori per gli amanti della scienza
Siamo davvero altruisti?
Siamo davvero altruisti?