Caccia ai bug: Google ha pagato oltre 21 milioni di euro in 10 anni

20
3 anni fa

In queste ore Google ha snocciolato qualche numero del suo bounty program, le ricompense economiche che scattano per chiunque sia in grado di individuare vulnerabilità o malfunzionamenti all’interno dei suoi prodotti.

Dal 2010 ad oggi Google ha pagato ai cacciatori di bug oltre 21 milioni di dollari, ma il dato interessante è che una parte rilevante delle ricompense è stata corrisposta nell’anno appena chiuso. Nel 2019 Google ha pagato ben 6.5 milioni di dollari ad oltre 461, tra White Hat hacker, ricercatori informatici e team specializzati in questa attività.

Eh già, perché Google non è l’unica azienda a retribuire i cacciatori di bug, tant’è che ormai nel settore tech è diventata la norma che l’individuazione di un grave bug —purché tempestivamente comunicata all’azienda, beninteso— comporti una ricompensa di qualche tipo. Esistono professionisti che ormai campano esclusivamente, o quasi, trovando i problemi delle piattaforme tecnologiche. 

Google nel 2019 ha quasi raddoppiato le ricompense, considerato che nel 2018 aveva corrisposto ai ricercatori informatici circa 3,4 milioni di dollari.

Google ha corrisposto 800mila dollari per le vulnerabilità individuate all’interno dell’ecosistema Google Play, 1 milione tondo per Chrome, 1,9 milioni di dollari per le vulnerabilità relative ad Android e 2,1 milioni di dollari per tutti gli altri servizi (dal motore di ricerca, a Gmail, passando per gli smartphone Pixel).

 

 

Google dà anche la possibilità di destinare la ricompensa in beneficenza, una scelta che è stata evidentemente effettuata da una discreta moltitudine di cacciatori di bug, dato che quest’anno ben 507mila dollari sono andati a favore di diverse organizzazioni non-profit.

In linea di massima è anche generalmente condivisa l’idea che i programmi di caccia ai bug sottraggano energia e risorse alla criminalità informatica: condividere le informazioni sulla vulnerabilità con le aziende in alcuni casi porta ad un incasso maggiore, con l’ovvio vantaggio che non si rischia nemmeno la galera. Così, secondo diversi sostenitori di questa pratica, grazie a programmi come quello di Google molti hacker avrebbero deciso di deporre “il cappello nero”, per indossare quello da hacker etici.

 

 

Google, nuova sanzione: influencer pagati per esaltare i Pixel, senza averli mai provati
Google, nuova sanzione: influencer pagati per esaltare i Pixel, senza averli mai provati
"Installare Android sugli iPhone diventi un diritto", la proposta della Free Software Foundation
"Installare Android sugli iPhone diventi un diritto", la proposta della Free Software Foundation
Il Pixel 7 non ruota più lo schermo? Non sei l'unico, segnalazioni in tutto il mondo
Il Pixel 7 non ruota più lo schermo? Non sei l'unico, segnalazioni in tutto il mondo
Google tracciava la posizione degli utenti senza il loro consenso: maxi risarcimento da 400 milioni di dollari
Google tracciava la posizione degli utenti senza il loro consenso: maxi risarcimento da 400 milioni di dollari
Google come Apple: presto aumenterà la pubblicità sul Play Store
Google come Apple: presto aumenterà la pubblicità sul Play Store
Google Pixel 8: forse conosciamo già alcune informazioni sulla sua scheda tecnica
Google Pixel 8: forse conosciamo già alcune informazioni sulla sua scheda tecnica
Il Google Pixel Watch ha un problema di ritenzione dell'immagine
Il Google Pixel Watch ha un problema di ritenzione dell'immagine

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.