Graphic Art Collection: la collezione cult movie disegnata da Andrea Mutti

Universal Pictures Home Entertainment Italia presenta una novità molto particolare nel suo catalogo dedicato al cinema cult: la Graphic Art Collection, una nuova collana esclusiva Blu-ray dedicata al mondo dei film Cult e del collezionismo, con una speciale cover ideata e realizzata dall’artista Andrea Mutti in collaborazione con Angelo Busacchini. In occasione del lancio della collezione, disponibile da oggi 23 Ottobre abbiamo intervistato l’illustrato Andrea Mutti.

Quest’anno il Natale è arrivato con due mesi in anticipo e Babbo Natale è vestito da cinema! Di cosa sto parlando? Arriva oggi la nuovissima collezione in Blu-ray dedicata al mondo dei film Cult curata da Universal Pictures Home Entertainment Italia, Graphic Art Collection.

 

Sono ben nove i titoli inclusi in questa collana tutti da collezionare

Sono ben nove i titoli inclusi in questa collana tutti da collezionare, in cui ciascun film è stato rappresentato e re-interpretato con un’originale cover art ad opera dell’artista Andrea Mutti in collaborazione con Angelo Busacchini, che si sono occupati rispettivamente del disegno e della colorazione a mano delle singole creatività. I titoli in questione sono: Terminator Genesys; World War Z; Pet Sematary: Cimitero vivente; Ghost in the shell; Christine: La macchina infernale; Rosemary’s Baby; Atomica Bionda; 47 Ronin e l’iconico La Cosa.

Il progetto, pensato in chiave pittorica/illustrativa, è stato svolto interamente a mano, senza l’ausilio del digitale. Armato di sola matita, inchiostro e olio su tela, il prezioso lavoro di Andrea Mutti acquisisce un’enorme importanza anche a fronte della pittura realizzata sempre a mano, con l’aiuto di Angelo Busacchini.

 

Graphic Art Collection

 

Andrea Mutti è un fumettista italiano, per la precisione bresciano. Ha iniziato l’attività lavorando per le case editrici Xenia e Fenix di Roma passando poi alla Star Comics e Bonelli Editore, quindi in Francia ed in USA. L’inizio di Andrea nel mondo dei fumetti avviene nel 1994 quando, appunto, inizia la sua collaborazione con Xenia Edizioni e Fenix . Dal 1996 Mutti ha continuato il suo percorso alla Star Comics per entrare poi nella scuderia della Bonelli.

Di successi nel corso di questi anni Andrea Mutti ne ha collezionati diversi, arrivando a collaborare anche con il mondo americano della DC, Marvel e Dark Horse a partire dagli anni 2000. In occasione di questa sua originale collaborazione con il mondo del cinema, abbiamo avuto modo di scambiare qualche chiacchiera con Andrea per sapere qualcosa di più sul suo coinvolgimento con il progetto e sul suo rapporto con il mondo del cinema e dei fumetti.

 

Graphic Art Collection

Ciao Andrea, grazie per il tuo tempo. Visto che la Graphic Art Collection alla quale hai lavorato è basata su una collana di cult, che cos’è per te un cult movie?

Un film che quando lo rivedi per la decima volta chiedi agli altri di fare silenzio sennò non capisci la trama….

E qual è il film cult che ha segnato particolarmente la tua vita?

Quello che devono ancora girare! Sono troppi…Star Wars, ovvio! E da quando vidi Lo squalo per la prima volta, fare il bagno in mare è diventata un’altra cosa…

Ovviamente la tua storia come artista nasce con il fumetto. Invece, com’è il tuo rapporto con il cinema?

Molto stretto! Ho fatto anche molti anni di teatro e lo spettacolo, la magia della messa scena, mi è rimasta addosso; raccontare qualcosa, il buio in sala…. Sono uno che va al cinema anche da solo, per capirci!

Graphic Art Collection

Negli ultimi anni cinema e fumetti vanno sempre più a braccetto, anche se in una chiave che spesso non soddisfa proprio tutti, e parlo tanto degli appassionati di cinema quanto di quelli di fumetti. Tu cosa pensi in merito alla questione “cinecomics”?

Come detto in altre interviste, spero in un leggero rallentamento. Temo davvero in un’indigestione visiva da questo punto di vista. Intendo, devi avere la voglia di vedere qualcosa; se, invece, ne cacci fuori 10 all’anno uno via l’altro…. Perdi un po’ di questa sorpresa, di quel momento di attesa che è sempre magico. .Tra serie tv e cinema ce ne sono davvero tanti. Io starei attento…

Il fumetto, esattamente come il cinema, è un validissimo mezzo artistico per rappresentare il mondo che ci circonda attraverso la propria percezione, idee e pensiero. Eroi e villain non sono altro, spesso e volentieri, le due facce della stessa medaglia. Siamo tutti un po’ eroi e un po’ villain. Credi che questo messaggio, questa rappresentazione, sia ancora forte nei fumetti e nel cinema? E magari proprio nei cinecomics?

Beh, il tema è stato approfondito molto. Non c’è più una visione manichea del bene e del male, ci sono sfumature grigie molto affascinanti. Il fumetto ha forse più tempo per sviluppare questo dettaglio.

 

Graphic Art Collection

 

Tornando a bomba sul focus di questa chiacchierata, come è nata l’idea dei Graphic Art Collection?

È nata da Universal che mi ha contattato attraverso uno dei sui director che fu mio allenatore di calcio! Fantastica questa cosa!

Siete stati tu ed Angelo Bussacchini a scegliere i titoli?

No, ci hanno proposto vari titoli, poi alcuni li abbiamo persi per via di questioni legate al copyright degli attori.

Ci sono altri titoli, al di fuori di questi, che avresti inserito personalmente nella collezione?

Scindler’s list, Maria Maddalena e Halloween. Ma ce ne sarebbero mille!

 

Graphic Art Collection

 

Ha selezionato tu i soggetti per ogni singola tavola? E come sono state realizzate?

Una volta eseguito un layouts fotografico con immagini delle pellicole, facevo una bozza a matita e poi una seconda versione molto dettagliata e precisa. Poi si passava alla fase colore con tutte le rifiniture del caso. Un processo lungo ma esaltante!

Ti sei ispirato a scene che ti hanno particolarmente colpito?

Sicuramente hanno aiutato, anche se volevo portare la cosa su un livello diverso, un po’ più narrativo…

Qual è stata l’illustrazione che più ti ha dato soddisfazione e perché?

THE THING… film che adoro!

 

Graphic Art Collection

 

Quale tra questi è il film a cui sei più legato? E perché?

Come detto sopra, The Thing per la sua atmosfera claustrofobia e incerta; ma anche Rosemary’s baby… agghiacciante nella sua “semplicità”!

È un’esperienza che ti piacerebbe ripetere o che pensi ripeterai?

Mi auguro di si!

Magari la prossima volta ti troveremo proprio come storyboardista di un film, o pensi che mi sto allargando troppo?

Certo che no! Anche perché una delle mie serie, Port Of Earth, diventerà un tv show per Amazon Prime… Stay tuned!

Ottimo! Non vediamo l’ora! Grazie mille ancora per il tuo tempo!

Grazie a voi!

 

La collana Graphic Art Collection sarà disponibile su Amazon dal 23 ottobre nel formato Blu-ray. Ogni prodotto sarà racchiuso all’interno dell’esclusiva O-Ring da collezionare, in edizione limitata e numerata. Una collezione di valore assoluto davvero imperdibile per ogni appassionato, grazie anche all’apporto creativo di Andrea Mutti, fumettista e storyboarder di molti marchi prestigiosi tra cui Marvel, DC, Dark Horse, IDW, Universal.

 

Gabriella Giliberti

Gabriella Giliberti a.k.a. Gabriella Giliberti

Critico cinematografico, entertainment editor e video editor. Cinefila e bookaholic incallita. Ossessionata dalle serie tv. Nerd inside. Lunatica e ossessionata dai gatti. Ha fatto delle sue passioni un mestiere. Laureata in cinema e due diplomi di Alta Formazione in sceneggiatura. Collabora come giornalista video e critico cinematografico anche per Cinecittà Luce Video Magazine e Movieplayer.it. Video editor per Multiplayer.it e vlogger per Rai Gulp. Ha collaborato con Cinematographe, Vertigo 24 e Nucleo Artzine.
Aree Tematiche
Cinema Entertainment Home Video Incauto Acquisto News
Tag
mercoledì 23 ottobre 2019 - 15:15
Edit

Lega Nerd Podcast

Lega Nerd Live

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd