Google celebra il 50° anniversario dell’allunaggio

33
2 anni fa

Il doodle di Google di oggi racconta attraverso le immagini e la voce di Mike Collins il cinquantesimo anniversario dello sbarco dell’uomo sulla Luna.

Michael Collins è la voce che narra il viaggio verso la Luna e il ritorno, riportando i momenti e le emozioni provate mentre erano lassù.

Cinquant’anni fa gli Stati Uniti sono riusciti in un’impresa che sembrava impossibile: portare l’uomo sulla Luna e riportarlo a casa sano e salvo. L’impresa cambiò il modo di pensare dell’umanità dimostrando la capacità dell’uomo di raggiungere obiettivi inimmaginabili.

L’astronauta, che ha partecipato insieme a Neil Armstrong e Buzz Aldrin alla missione Apollo 11, racconta gli aspetti tecnici e le sensazioni che ha provato in quei momenti:

Per quanto impressionante fosse la vista da vicino di questa Luna aliena, non era niente in confronto a quella della Terra in miniatura.

e aggiunge:

La Terra era lo spettacolo principale: una visione unica.

Nonostante alcune difficoltà tecniche e un po’ di tensioni dovute agli imprevisti la missione ha avuto successo ed è rimasta nell’immaginario di tutti come la più grande impresa dell’uomo e dell’umanità intera.

Questo il video tutto da ascoltare:

 

 

 

 

 

Waymo, in Arizona è partita la guerra contro le IA
Waymo, in Arizona è partita la guerra contro le IA
Google: per alcuni dipendenti è già tempo di tornare in ufficio
Google: per alcuni dipendenti è già tempo di tornare in ufficio
Google dice di no alle gag da Pesce d'Aprile
Google dice di no alle gag da Pesce d'Aprile
Nokia vuole costruire una rete 4G sulla Luna
Nokia vuole costruire una rete 4G sulla Luna
Google ha stretto un accordo con il Corriere della Sera e altre 76 pubblicazioni
Google ha stretto un accordo con il Corriere della Sera e altre 76 pubblicazioni
Google: il 64.82% delle ricerche termina senza un click verso un altro sito
Google: il 64.82% delle ricerche termina senza un click verso un altro sito
Facebook e Google fanno lobby negli USA: "no ad una legge sull'editoria come quella australiana"
Facebook e Google fanno lobby negli USA: "no ad una legge sull'editoria come quella australiana"