Clonate in Cina le prime scimmie affette da disturbi cerebrali

287
3 anni fa

In Cina sono state ottenute tramite clonazione cinque scimmie che soffrono di disturbi del sonno, allo scopo di avere a disposizione esemplari malati per studiare tali patologie e trovarne più efficacemente soluzioni.

Dopo il discusso esperimento delle gemelle:

 

Dalla Cina arriva un altro traguardo scientifico. Sono state infatti clonate cinque scimmie che soffrono di disturbi del sonno e conseguenti problemi psichiatrici.

La tecnica utilizzata in questa sperimentazione è la stessa che ha permesso di clonare la pecora Dolly e successivamente le due scimmie Zhong Zhong e Hua Hua.

Ancora una volta il risultato cinese sfiora vari limiti: quello scientifico mostrando cosa la Cina è in grado di fare, e quello etico ponendo il quesito se l’uomo abbia o meno il diritto di creare animali destinati a soffrire a causa di disturbi.

La ricerca serve, a quanto dichiarato, come primo passo per avere soggetti su cui poter studiare malattie del cervello e testare l’efficacia delle relative medicine. In futuro inoltre prevedono di clonare scimmie con altri tipi di disturbi.

Il risultato è stato comunicato con due articoli sul National Science Review.

 

 

Neuralink, Musk vuole connettere una scimmia a un video game
Neuralink, Musk vuole connettere una scimmia a un video game
L'Intelligence USA accusa la Cina di voler rubare il DNA americano
L'Intelligence USA accusa la Cina di voler rubare il DNA americano
Il vaccino cinese di Sinopharm é efficace al 79 per cento
Il vaccino cinese di Sinopharm é efficace al 79 per cento
Cervello: massa e forma le caratteristiche principali che hanno contribuito all'evoluzione dell'uomo
Cervello: massa e forma le caratteristiche principali che hanno contribuito all'evoluzione dell'uomo
Donald Trump ritira gli Stati Uniti d'America dall'OMS
Donald Trump ritira gli Stati Uniti d'America dall'OMS
Il business della clonazione degli animali domestici
Il business della clonazione degli animali domestici
Coronavirus: il virus non è partito dal mercato di Wuhan
Coronavirus: il virus non è partito dal mercato di Wuhan