Battuto all’asta per 432.500 dollari un quadro generato da intelligenza artificiale

3 anni fa

Per la prima volta il 25 ottobre è stato battuto all’asta, dalla più grande casa d’aste del mondo, Christie’s, un’opera d’arte realizzata da una intelligenza artificiale. Ed il prezzo finale è andato ben oltre le aspettative: 432.500 dollari.

Il nome dell’opera in questione è, italianizzato, Il ritratto di Edmond Belamy. E la base d’asta era molto al di sotto dell’incredibile risultato di 432.500 dollari raggiunto: partiva infatti da 7-10 mila dollari circa.

 

Il quadro è stato realizzato dal collettivo francese Obvious, utilizzando un algoritmo della classe GAN (generative adversarial networks).

Piccola nota: il creatore delle GAN è stato Ian Goodfellow, il cui cognome si traduce in francese, cercando tra sinonimi, in “bel ami“, e da questo nasce, come omaggio, il cognome Belamy dell’immaginario protagonista dell’opera.

La vendita è stata una dimostrazione di come in futuro l’intelligenza artificiale sarà una tecnologia, sicuramente insieme ad altre, che avrà un forte impatto nel mondo dell’arte del futuro.

 

Intelligenza artificiale: il robot Ai-Da viene accolto nel museo del design di Londra
Intelligenza artificiale: il robot Ai-Da viene accolto nel museo del design di Londra
Un NFT di Steve Aoki è stato venduto a 888.888,88 dollari
Un NFT di Steve Aoki è stato venduto a 888.888,88 dollari
Michelangelo risorge dall'oltretomba sotto forma di intelligenza artificiale
Michelangelo risorge dall'oltretomba sotto forma di intelligenza artificiale
La Ronda di Notte di Rembrandt è stato riprodotto in 44.8 gigapixel
La Ronda di Notte di Rembrandt è stato riprodotto in 44.8 gigapixel
L'Intelligenza Artificiale al servizio dell'arte
L'Intelligenza Artificiale al servizio dell'arte
Google Magenta ha composto la sua prima melodia
Google Magenta ha composto la sua prima melodia
Il Surrealismo Pop di Mark Ryden
Il Surrealismo Pop di Mark Ryden