The Void: intervista ai registi e produttore del film

The Void

In bilico tra il cinema horror anni ’80 di Carpenter e un racconto di Lovecraft, The Void dei giovani autori Steven Kostanski e Jeremy Gillespie, porta il cinema di genere indietro di almeno trent’anni. Un’opera grezza, ma dalle ottime intenzioni, che si fonda su una storia semplice ma dal grande assetto scenico che strizza l’occhio al passato. Tra citazioni, grandi domande e lieve disprezzo per il cinema moderno, ho chiacchierato con i registi del film e il produttore Casey Walker.

Vi ricordate il cinema horror, quello che non si faceva troppi complessi intellettuali, ma regalava una sana e generosa dose di splatter e sangue, affondando le mani direttamente nelle più mostruose paure umane?

The Void, il lungometraggio retrò di Steven Kostanski e Jeremy Gillespie, cerca di fare proprio questo. Riprendendo la mitologia dell’arcano e del metafisico di Lovecraft, la pellicola si costruisce su una sequela di scene sempre più splatter e dense di orrori, dove i protagonisti non possono che essere vittime degli eventi.

 

The Void

 

Un film che si basa su un enorme lavoro fatto di grandi costumi, trucchi ed effetti realizzati nella vera tradizione del cinema di genere

Un film che si basa su un enorme lavoro fatto di grandi costumi, trucchi ed effetti realizzati nella vera tradizione del cinema di genere, senza abusare della CGI e che è stato realizzato grazie a una campagna su Indiegogo.

The Void  trascina lo spettatore nella bocca dell’inferno, tra simbolismi, scene cruente e interrogativi enigmatici.

In occasione dell’uscita del film, avvenuta lo scorso 7 Dicembre, ho scambiato due chiacchiere con i registi del film e il produttore Casey Walker.

 

The Void

 

Parte del film è stata finanziata grazie a una campagna su Indigogo. Secondo voi, il crowfunding può rappresentare il punto di svolta per superare gli ostacoli e i limiti spesso imposti dalle grandi produzioni?

Casey Walker: No, ha la sua serie di limiti. Non è la soluzione per tutto, ma può essere di grande aiuto.

Jeremy Gillespie: Può certamente aiutare a completare il budget di un film, ma non sono convinto che potrebbe finanziare adeguatamente un intero film. Nel nostro caso abbiamo messo quei soldi nel preparare la creatura fx, cosa che altrimenti non sarebbe stata possibile, e questo è stato di grande aiuto. Ma è anche un’impresa enorme, quasi un lavoro a tempo pieno a cui devi badare. Non è solo “denaro gratuito”, come spesso le persone pensano che sia. Non è un’esperienza che vorrei ripetere.

Steven Kostanski: Il crowdfunding non è qualcosa che abbiamo fatto volentieri. Anch’io non vorrei ripetere l’esperienza. Si, è un lavoro a tempo pieno e se non ha successo, sembra quasi che nessuno sia interessato al tuo progetto. È una mossa rischiosa, e penso che siamo stati molto fortunati con il supporto che abbiamo ricevuto per The Void.

 

Nascita e Morte: due elementi della vita che sono alla base del vostro film. Avete costruito la storia partendo da questo?

C.W.: Abbiamo dovuto aggiungere più “nascite” perché c’era molta più morte all’inizio.

J.G.: Non abbiamo iniziato coscientemente da lì, ma si è rapidamente evoluto in quello. Gran parte della storia tratta del conflitto tra questi due elementi e di come le persone scelgono di affrontarlo.

 

The Void

 

L’utero è il centro della vita ma all’interno del film è simbolo d’accesso per un’altra dimensione. Come avete studiato questo elemento?

C.W.: Jeremy ha letto molti libri sulla vagina, mentre Steve ha fatto molta ricerca all’interno dei bordelli.

J.G.: È stato certamente un elemento che abbiamo cercato di costruire attraverso l’intera storia in diversi modi. C’è un tema di nascita, passaggi, ecc. E le creature sono tutte nate da persone, un po’ come si emergere da un bozzolo. Inoltre, il triangolo è pieno di significato con le idee di fertilità, porte e resurrezione, che hanno tutte un ruolo importante nella storia.

 

Nel film ci sono molte domande che non trovano risposta. Diciamo come sono delle porte aperte. Sembra quasi che abbiate voluto portare lo spettatore a trovare da solo delle risposte a quelle domande.

C.W.: Si, è sempre stato quello il nostro obiettivo.

J.G.: Gran parte della mitologia del film tratta l’inconoscibile, quindi fin dall’inizio abbiamo deciso di essere il più meticolosi possibile nel mondo che stavamo presentando, per questo motivo abbiamo messo il pubblico nella stessa posizione dei personaggi del film. Sono personalmente un fan dell’arte che ti dà un po’ di libertà per riempire le cose in te stesso, perché è sempre più potente di quello che ti viene detto esplicitamente.

S.K.: La paura dell’ignoto è importante per creare un’atmosfera di terrore. Le persone vogliono il conforto di risposte concrete, quindi privarle di esse mette automaticamente il pubblico al limite. È una cosa difficile da impegnare in un film, perché vuoi che le persone siano coinvolte e connesse con la storia e i personaggi. Bilanciare una storia umana con una narrativa più ambigua e onnicomprensiva è necessaria per rendere efficace questo tipo di film horror incentrato sul terrore.

 

The Void

 

Avete dato un’incredibile importanza agli effetti speciali nel film. Come sono stati progettati?

J.G.: Questo è stato sempre inteso come un film horror incentrato sulle creature. Il background di Steve è in effetti pratici, e ci ha offerto molte più risorse ed esperienza rispetto alla maggior parte dei film realizzati con questo budget. Ci sono molti vantaggi per le riprese pratiche rispetto al digitale. L’attore può reagire sinceramente a qualcosa se è fisicamente lì di fronte a lui, invece di dover immaginare qualcosa che potrebbe passare attraverso più cambiamenti nel momento in cui finisce sullo schermo. Puoi anche illuminare in un modo che non sei in grado di ricreare credibilmente su un computer, per esempio. Ciò si traduce anche in molti incidenti felici, che non avresti mai concepito in origine.

S.K.: Fare dei mostri è sempre stata la mia passione, quindi questo film è stato un’occasione per impazzire e superare i limiti di tutto ciò che avevo inventato fino ad allora. È stata un’esperienza molto stimolante, perché volevamo davvero creare creature che fossero davvero spaventose e uniche.

 

The Void è un grande tributo al cinema horror anni ottanta. Ci sono molti riferimenti al cinema di Carpenter, al gore, allo splatter. C’è però anche tanto della mitologia di Lovecraft, o sbaglio?

C.W.: Si, siamo indubbiamente dei fan di H.P..

J.G.: Non volevamo fare un tributo a nulla, in realtò. Avevamo certamente un’idea del tono del film che stavamo cercando, una sorta di rovina opprimente, che poteva legarsi ai film di Carpenter. Ma non eravamo interessati a fare riferimenti espliciti. Penso che siamo stati ispirati dalla mitologia che Lovecraft ha creato, più di ogni storia specifica. Sono un grande fan di “horror cosmico” e mi piace l’idea che qualcosa al di là della comprensione umana sia la forza antagonista di una storia o il concetto di un universo cosmicamente indifferente. Personalmente ho trovato ispirazione anche in autori come Laird Barron, Thomas Ligotti, Clark Ashton Smith e Mark Danielewski.

Di recente l’horror ha fatto un passo indietro. Si trae sempre più ispirazione da uno stile molto più “old school”, penso al vostro The Void o a film come The Devil’s Candy o The Autopsy of Jane Doe. Secondo voi perché?

J.G.: Probabilmente è solo una generazione di fan del cinema che sono stati influenzati da un’era di “vecchia scuola”, diventando maggiorenni e facendo i loro film. Allo stesso modo Carpenter ha iniziato facendo film influenzati dai western Howard Hawks della sua gioventù. Le persone interiorizzano le loro influenze e alla fine diventano parte della loro estetica.

S.K.: Penso che le persone si stiano rendendo conto che i film horror più efficaci sono di quell’epoca, quindi tutti vogliono emulare quei tipi di film per cercare di ricreare quel successo.

 

The Void

 

Un evergreen all’interno del cinema, soprattutto in quello di genere, è la trasposizione letteraria, magari dando più versioni di quella stessa opera. Io penso al recente IT di Muschietti. C’è un libro o una storia, magari proprio un film, che vi piacerebbe rappresentare nel futuro?

C.W.: Troppi da elencare qui, ma sì, ho opzionato diversi libri di recente. Sto anche esplorando le storie brevi di autori come Laird Barron.

J.G.: Mi piacerebbe adattare un racconto di Laird Barron, forse qualcosa da The Imago Sequence o Occultation. Mi piacerebbe anche Almost Anything di Philip K Dick.

S.K.: “History of I-Botics” di Issac Asimov è un libro che mi piacerebbe adattare. Ho sempre voluto creare la mia versione di “I Am Legend”, ma immagino che in questo caso la nave sia salpata…

 

The Void è al cinema dal 7 Dicembre

Gabriella Giliberti

Gabriella Giliberti a.k.a. Gabriella Giliberti

Critico cinematografico, entertainment editor e video editor. Cinefila e bookaholic incallita. Ossessionata dalle serie tv. Nerd inside. Lunatica e ossessionata dai gatti. Ha fatto delle sue passioni un mestiere. Laureata in cinema e due diplomi di Alta Formazione in sceneggiatura. Collabora come giornalista video e critico cinematografico anche per Cinecittà Luce Video Magazine e Movieplayer.it. Video editor per Multiplayer.it e vlogger per Rai Gulp. Ha collaborato con Cinematographe, Vertigo 24 e Nucleo Artzine.
Aree Tematiche
Cinema Entertainment
Tag
venerdì 15 dicembre 2017 - 11:57
Edit

Lega Nerd Podcast

Lega Nerd Live

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd