Yakuza 6 & Yakuza Kiwami

4 anni fa

5 minuti

Negli spazi di SEGA nello showfloor dell’E3 di Los Angeles abbiamo potuto giocare un po’ con l’ultimo capitolo della serie Yakuza e con Kiwami, il remake dell’originale.

Una sorta di alpha e omega della serie, il sesto capitolo infatti è stato già detto più volte che sarà l’ultimo atto della storia di Kazuma Kiriyu, mentre Yakuza Kiwami ripropone con una nuova veste grafica appositamente rimasterizzata per PlayStation 4 l’originale primo capitolo della serie, uscito per PlayStation 2, che ha visto la nascita della leggenda dello stesso Kazuma come Drago di Dojima.

Qui sullo showfloor dell’E3 2017 di Los Angeles, presso gli spazi di SEGA, era possibile giocare a entrambi i titoli per una prova complessiva di mezz’ora in cui abbiamo potuto osservare le migliorie del restauro di Kiwami e le incredibili potenzialità di Yakuza 6. Non si trattava infatti di demo work in progress in quanto entrambi i titoli sono già disponibili in Giappone, semplicemente la release occidentale tarda come sempre per questioni legate alla localizzazione in inglese (in quanto si tratta, per chi non lo sapesse, di giochi piuttosto verbosi e in cui la componente narrativa è totalmente al centro dell’azione).

Spesso infatti si commette l’errore di descrivere Yakuza come una sorta di “GTA nipponico” senza l’online, cosa che decisamente non è. La serie è infatti fortemente incentrata sulla narrazione delle vicende di Kazuma e di tutti gli altri personaggi introdotti nei vari capitoli.

 

 

 

 

In Kiwami, si ripercorrerà l’arco narrativo del personaggio nascente di Yakuza, il gioco inizia con il protagonista della serie, Kazuma Kiryu, che viene rinchiuso in prigione per l’assassinio del patriarca della sua famiglia (che egli però non ha realmento commesso). A peggiorare le cose, durante i 10 anni della sua prigionia, non solo il clan di Kiryu lo espelle dalla Yakuza, ma 10 miliardi di ¥ (all’circa $ 100 milioni di dollari) scompaiono dal tesoro del clan.

L’amore d’infanzia di Kazuma è inoltre scomparso e tutta la malavita giapponese gli dà la caccia per il denaro mancante. Kiryu è perso finché non riuscirà a trovare la ragazza orfana Haruka, con cui instaurerà un rapporto che lo aiuterà a rimanere umano, mentre le vicende del gioco portano a galla una rete di tradimenti e di politica malavitosa, e starà a Kazuma venire a capo di ciò che sta distruggendo i già delicati equilibri della Yakuza e risolvere la situazione, tra diversi colpi di scena che rendono la sceneggiatura di questo primo capitolo della saga piena di pathos e davvero indimenticabile.

Yakuza Kiwami si limita a riproporre l’originale Yakuza con una veste grafica del tutto rinnovata (la stessa del prequel Yakuza 0) per PlayStation 4, lasciando invariato tutto il resto. Se non avete mai giocato a un titolo della serie o siete rimasti affascinati dal prequel recentemente uscito anche in occidente, non c’è modo migliore di Kiwami per proseguire o iniziare la vostra avventura in Yakuza. Di seguito il nuovo trailer appena rilasciato da SEGA proprio per l’E3 2017. Vi ricordiamo che Kiwami uscirà in occidente il 29 agosto 2017.

 

 

Yakuza 6: The Song of Life, come detto in apertura,  si configura come il capitolo che andrà a concludere l’arco narrativo del protagonista, Kazuma Kiryu. Egli  dovrà combattere ancora una volta contro fazioni del Tojo Clan e proteggere Haruka, la quale è stata ridotta quasi in fin di vita a causa di uno strano incidente accaduto ad Onomichi.

Dal punto di vista grafico si tratta in assoluto del miglior Yakuza di sempre.

La ragazza, dopo aver abbandonato la vita da idol girl, ha anche avuto un figlio di nome Haruto, del quale Kiryu dovrà prendersene cura. La mafia cinese e la mafia jingweon sudcoreana faranno il loro ritorno in questo capitolo che si prospetta più pieno d’azione rispetto a Yakuza 5 e che esce per la prima volta esclusivamente su PlayStation 4. Dal punto di vista grafico infatti si tratta in assoluto del capitolo migliore mai realizzato, con animazioni e dettaglio generale davvero notevole e ambientazioni ma così colorate, luminose e piene di vita.

 

 

Yakuza 6 è ambientato ancora una volta a Kamurocho, e per la prima volta anche nella cittadina storica di Onomichi (nei pressi della città di Hiroshima). Sebbene molto meno legnoso che in passato, il sistema di combattimento resta simile a quello a cui la serie ci ha abituato, con l”aggiunta di maggiori effetti speciali e con la possibilità, non appena riempita un’apposita barra dell’energia, di attivare una modalità denominata Ultimate Hit Mode che permette al giocatore di effettuare ulteriori Heat Actions sugli avversari e di combattere con l’ausilio di innumerevoli oggetti.

I combattimenti potranno svolgersi anche all’interno di negozi e mini market, consentendo al giocatore di devastare l’ambiente circostante. Kazuma Kiryu dovrà anche edificare una propria gang per respingere gli attacchi dei clan rivali e detenere il controllo delle varie aree. Non sono ancora disponibili informazioni circa la data d’uscita occidentale di Yakuza 6, già disponibile in Giappone dall’8 dicembre 2016. Intanto vi lasciamo all’ultimo trailer che è stato pubblicato da SEGA, anche per questo capitolo, in occasione dell’E3 2017.

 

 

 

Segui l’E3 2017 insieme a noi anche sui nostri social e non perderti nessuna notizia grazie al nostro hub dedicato: /e32017
Spider-Man No Way Home: l'analisi del trailer
Spider-Man No Way Home: l'analisi del trailer
Eddie Murphy: i 10 migliori film con il popolare attore comico
Eddie Murphy: i 10 migliori film con il popolare attore comico
WandaVision, la spiegazione del finale
WandaVision, la spiegazione del finale
Il Principe cerca Figlio, la recensione: Eddie Murphy come Black Panther
Il Principe cerca Figlio, la recensione: Eddie Murphy come Black Panther
WandaVision, la recensione dell’episodio finale: Wanda (e Visione) all along
WandaVision, la recensione dell’episodio finale: Wanda (e Visione) all along
Fino All’Ultimo Indizio, la recensione: quando l'indagine diventa ossessione
Fino All’Ultimo Indizio, la recensione: quando l'indagine diventa ossessione
Albert Einstein
Albert Einstein