Le Tre Teste del Drago e la Spada Fiammeggiante

5 anni fa

8 minuti

the_dragon_has_three_heads_by_robs0n-da29lf5

In questa illustrazione creata da Robson Michel vengono riassunte un po’ delle teorie più accreditate sul finale di Game of Thrones e A Song of Ice and Fire, la saga creata da George Martin: in questo articolo ne trovate la spiegazione.

Spoiler Alert:
Se non avete ancora visto la sesta stagione di Game of Thrones e letto tutti i libri, probabilmente troverete qualche spoiler in questo articolo.

 

Tante sono le teorie nate sulla grande saga creata da Martin: alcune sono state smentite nel corso degli anni all’uscita di un nuovo libro o di una nuova stagione della serie televisiva, altre invece sono state confermate.

La bellezza di questa saga  è anche questo: Martin la sta ancora completando e ora la sta scrivendo sia per la TV che per il cartaceo, con un inseguirsi di personaggi e intrecci che sembra non avere mai fine.

Ho pubblicato su Facebook l’illustrazione che vedete in testa all’articolo e molti appassionati hanno riconosciuto al suo interno lo sviluppo possibile della serie televisiva e, forse, anche della saga cartacea.

 

[mfb_pe url=”https://www.facebook.com/leganerd/photos/10154338125408711/” mbottom=”50″]

 

Nell’immagine vediamo tre personaggi che conosciamo molto bene:

  1. Daenerys Targaryen
  2. Jon Snow
  3. Tyrion Lannister

Jon siede sul trono di spade ed è quindi dipinto come “Re degli Andali, dei Rhoynar e dei Primi Uomini” e “Signore dei Sette Regni e Protettore del Reame”. Inoltre impugna una spada fiammeggiante.

Alla sua sinistra vediamo Daenerys e alla sua destra Tyrion. Con loro anche i tre draghi della saga, DrogonViserionRhaegal.

Cercherò di essere il più conciso possibile, ci sarebbe molto di più da scrivere, ma potete approfondire su mille altri posti su internet, vi invito a guardare le fonti a fine articolo nel caso.

La base su cui poggia questo possibile “finale” è una delle profezie tratta da “La Regina dei Draghi”: Daenerys visita la Casa degli Eterni e ha diverse visioni, in parte già avverate nei libri successivi e stagioni televisive (ad esempio le famose nozze rosse), in parte in corso d’opera, per così dire.

Oltre le porte di bronzo si apriva una cavernosa sala di pietra, la più grande che lei avesse mai visto. Dalle pareti incombevano teschi di draghi morti. Su un torreggiante trono irto di protuberanze acuminate, sedeva un vecchio riccamente vestito, dagli occhi neri e dai lunghi capelli grigio argentei. “Lascia che diventi il re di ossa carbonizzate e di carne bruciata” disse l’uomo sul trono a un altro uomo più in basso. “Lascia che diventi il re delle ceneri.”

Avrete capito che qui si parla di Aerys, il re folle, che comanda a Rossart di bruciare Approdo del Re con l’altofuoco. Una scena che abbiamo sentito raccontare da Jaime nei libri (ne “I Fiumi della Guerra”) e anche nella serie televisiva.

A questo punto Daenerys vede Rhaegar con la moglie Elia e loro figlio Aegon. Quest’ultimo è stato completamente eliminato dalla serie televisiva e gli autori hanno già confermato che non comparirà.

 

“Comporrai una canzone per lui?” chiese la donna

“Ha già una canzone” rispose l’uomo “è il principe che venne promesso, e il suo canto è il canto del ghiaccio e del fuoco.”

“Deve essercene un altro” fu impossibile dire a chi l’uomo stesse rivolgendosi, se alla donna con il bimbo in braccio o a Dany. “Il drago ha tre teste.”

Su questa roba delle tre teste ci si è scervellati per anni. Il “canto del ghiaccio e del fuoco” è proprio il nome della saga di Martin e questa profezia è quindi ritenuta fondamentale per la comprensione del tutto e per prevedere un possibile finale.

Torniamo alla nostra illustrazione ed è ora chiaro che le tre teste “del drago” sono rappresentate come Jon, Daenerys e Tyrion. Questi tre personaggi avrebbero quindi sangue Targaryen e sarebbero la chiave del finale della saga.

 

 

 

Daenerys Targaryen

 

Daenerys è presto spiegata, c’è ben poco da dire: sappiamo che è la figlia di Aerys Targaryen e conosciamo molto bene la sua storia. Sia nei libri che nella serie televisiva sta per tornare nei Sette Regni a spaccare tutti i culi con i suoi draghi.

 

game_of_thrones_daenerys_targaryen_art_fantasy_dragon_wallpaper

 

 

 

Jon Targaryen

 

Jon è il nuovo arrivato in casa Targaryen. Per anni la famosa teoria R + L = J ce lo ha raccontato come figlio di Rhaegar Targaryen e Lyanna Stark. Il tutto è stato da poco finalmente confermato definitivamente dalla serie televisiva prima e da una infografica pubblicata da HBO la scorsa settimana.

 

[mfb_pe url=”https://www.facebook.com/leganerd/posts/10154334571213711″ mbottom=”50″]

 

Jon ha quindi sangue Targaryen e potrebbe essere una delle “tre teste” della profezia di Rhaegar. Ma continuiamo ad analizzare l’illustrazione: vediamo che impugna una spada fiammeggiante, che significa?

Qui dobbiamo andare molto indietro, fin dal primo libro della saga, dove abbiamo imparato a conosce altre profezie (a Martin piacciono tanto) in particolare le profezie di Azor Ahai e del Principe che fu Promesso.

Sappiamo che un giorno un eroe leggendario risorgerà per combattere gli Estranei, ma la sua identità non è ancora stata rivelata.

Negli antichi libri di Asshai sta scritto che verrà il giorno, dopo la lunga estate, in cui le stelle sanguineranno e il respiro gelido delle tenebre scenderà a incomberà sul mondo. In questa ora terribile, un guerriero estrarrà dal fuoco una spada fiammeggiante. Quella spada sarà la Portatrice di Luce, la Spada Rossa degli Eroi, e colui il quale la impugnerà sarà Azor Ahai reincarnato. E di fronte a lei le tenebre fuggiranno.

Quando la rossa stella sanguinerà e le tenebre s’addenseranno, Azor Ahai rinascerà tra il fumo e il sale per risvegliare i draghi dalla pietra.

 

Vi rimando alle fonti per una spiegazione completa anche di questa profezia, ma fatto sta che si sta avverando di libro in libro e di stagione in stagione. La reincarnazione di Azor Ahai è stata affibbiata a diversi personaggi della saga (da Daenerys a Bran Stark, Beric Dondarrion, Davos Seaworth e persino Sandor Clegane) ma la teoria attualmente più accreditata, soprattutto dopo la sua rinascita descritta nell’ultima stagione della serie TV (i libri vi ricordo che terminano con la morte di Jon) e che colui il quale impugnerà Lightbringer (la spada fiammeggiante dell’illustrazione, in italiano “Portatrice di Luce“) sarà Jon Snow. Jon quindi non solo ha sangue Targaryen e Stark (“fuoco” e “ghiaccio”!), non solo è una delle famose tre teste di drago, ma è anche la reincarnazione di Azor Ahai, il leggendario guerriero che sconfisse le tenebre.

 

gallery-1462280003-got6-e2-1img-postair-jonsnow-050216

 

Immaginiamo quindi che nel prossimo libro e nelle prossime stagioni televisive Jon venga in possesso di Lightbringer (che deve essere “forgiata tre volte” dall’acciaio di Valirya, quindi è probabile sia una evoluzione della sua attuale spada, Longclaw) e la utilizzi per scacciare l’esercito dei non morti in arrivo dal nord. Per poi salire sul trono di spade e ruleggiare alla grande, fuck yeah! :D

 

 

 

 

Tyrion Targaryen

 

Per finire abbiamo Tyrion: che ci fa anche lui nell’illustrazione? Dai libri la terza testa di drago oltre a Daenerys e Jon sembrava essere Aegon Targaryen, figlio di Rhaegar nascosto al mondo (sotto il nome di Griff il Giovane per chi ha letto i libri) per proteggerlo e bla bla bla… nella serie televisiva come scrivevo all’inizio questo personaggio è stato completamente cancellato (non che fosse un granché la sua parte nei libri a dirla tutta) e una nuova teoria è emersa prepotentemente: Tyrion è in realtà figlio di Aerys Targaryen e Joanna Lannister, la moglie di Tywin Lannister. Aerys, il re folle, avrebbe stuprato Joanna e Tywin avrebbe tenuto il tutto nascosto per proteggere l’onore di famiglia o simili. Aerys aveva già tentato qualcosa di simile durante la prima notte di nozze, allargandosi “un po’ troppo” durante la messa a letto della sposa e lamentandosi del fatto che fosse stato abolito anni prima una specie di “ius primae noctis” che, a quanto pare, avrebbe sfruttato molto volentieri con Joanna.

Questa teoria è confermata da un passaggio dei libri presente anche nella serie televisiva in cui Tywin prima di morire dice chiaramente a Tyrion che non è suo figlio e da una scena invece presente solo nella serie, quella in cui Tyrion riesce non solo ad avvicinarsi ai draghi di Daenerys, ma addirittura li libera. Sarebbe quindi la presenza di sangue Targaryen in Tyrion a dargli modo di avvicinarsi così tanto ai draghi, tanto da liberarli.

 

Tyrion-releases-Dragons-810x456

 

L’ho fatta molto breve e vi ripeto, se volete internet è piena zeppa di queste teorie. Credo però che quella immagine ben riassuma come potrebbe terminare la serie televisiva e, almeno in parte (se risolvono la “questione” Aegon) la saga cartacea.

Che ne pensate? Ditemi la vostra nei commenti!

 

Segui Game of Thrones su Lega Nerd nel nostro hub dedicato: Leganerd.com/GoT

 

 

Image credits: RoBs0n / Robson Michel

Game of Thrones: Kit Harington parla del disagio mentale provocatogli dalla serie TV
Game of Thrones: Kit Harington parla del disagio mentale provocatogli dalla serie TV
Game of Thrones: George R.R. Martin si è concesso una breve vacanza da The Winds of Winter
Game of Thrones: George R.R. Martin si è concesso una breve vacanza da The Winds of Winter
Game of Thrones: le serie animate in produzione sono ora tre
Game of Thrones: le serie animate in produzione sono ora tre
House Of The Dragon: Milly Alcock e Emily Carey nel cast
House Of The Dragon: Milly Alcock e Emily Carey nel cast
Game of Thrones: Martin non si aspettava che la serie tv si sarebbe conclusa prima dei romanzi
Game of Thrones: Martin non si aspettava che la serie tv si sarebbe conclusa prima dei romanzi
ELDEN RING: rivelato lo straordinario gameplay trailer dell'Action-RPG FromSoftware
ELDEN RING: rivelato lo straordinario gameplay trailer dell'Action-RPG FromSoftware
Il Trono di Spade: su Sky il canale dedicato per i 10 anni dal primo episodio
Il Trono di Spade: su Sky il canale dedicato per i 10 anni dal primo episodio