Kickstarter si sta dimostrando lo specchio degli sviluppatori Italiani

5 anni fa

10 minuti

Crowdfunding

Da circa sei mesi Kickstarter, il più famoso sito di crowdfunding al mondo, è aperto anche agli italiani; prima, per poter lanciare la propria campagna, serviva un appoggio in UK o in USA, mentre adesso chiunque abbia un’idea può creare il proprio progetto e sperare di essere supportato per poterlo portare a termine. La parola chiave, in questo contesto, è proprio chiunque.

totò

Sono anni, ormai, che sento dire che l’industria dello sviluppo di videogiochi in Italia sta decollando; che finalmente ci siamo; che è la volta buona. Tutte affermazioni che ricordano la politica interna, le dichiarazioni di quelli che stanno a Roma e fanno cose. E, infatti, come per la politica, queste affermazioni sono solo una sequenza di cazzate, fumo negli occhi per chi ci vuole credere. Perché la realtà delle cose è un’altra: lo sviluppo dei videogiochi in Italia è da terzo mondo (senza offesa per il terzo mondo).

Siamo arretrati e la maggior parte delle persone che fa questo mestiere si improvvisa. Di solito, quando parlo di queste cose uso un termine preciso: cialtroni.

Ora, prima che qualcuno si metta a gridare che questo articolo è superficiale perché in Italia le cose serie ci sono, vi anticipo: so benissimo che ci sono realtà serie, e anche grandi aziende (tipo Milestone o Ubisoft). Il problema è che si contano sulle dita di una mano e, in percentuale, se vi avvicinate a questo mondo incontrerete molti più cialtroni che professionisti.

Gente che crede che un gioco tripla A si possa fare con 30 mila euro. Gente che pensa di poter fare i milioni con un gioco mobile perché “oh ma quelli di Angry Birds l’hanno fatto e cosa ci vuole a fare un giochino?”. Gente che crede agli articoli su Repubblica (tipo questo).

Tutta gente che non solo non ha idea di cosa sia davvero il mercato e l’industria dei videogiochi, ma che risulta dannosa a livello di immagine e di credibilità per chi, invece, cerca di portare avanti la carretta da anni, provando a dimostrare che in Italia, volendo, si fanno anche giochi in maniera seria.

I progetti su Kickstarter sono solo la cassa di risonanza della realtà delle cose.

Questo è quanto; che vi piaccia o no, che siate d’accordo o meno, questa è la realtà delle cose. Ineluttabile. E quello che si trova su Kickstarter non è che uno dei risultati di questa situazione; di sicuro non è la causa, ma è solo la cassa di risonanza della realtà delle cose.

Se provate a farvi un giro su Kickstarter selezionando la categoria Giochi e luogo Italia, troverete, nel caso dei videogiochi, praticamente solo proposte ridicole.

Ma visto che siete pigri, ho iniziato a fare una selezione per voi.

E vi giuro che è stato dannatamente difficile selezionarne solo 15 da elencarvi, perché, credetemi, potevo metterne almeno il doppio. I miei occhi lacrimano ancora sangue, ma qualcuno doveva pur sacrificarsi.

 

 

 

Le costanti

Le costanti delle campagne Kickstarter cialtrone sono:

  • Campagna in Inglese maccheronico – se non sapete l’inglese, pagate qualcuno per scrivere i vostri testi; se non lo sapete parlare, optate per i sottotitoli al vostro parlato italiano o per un ridoppiaggio.
  • Nessuna presentazione del team che svilupperà il progetto – se non vi presentate, come pensate di poter ispirare fiducia in chi, in teoria, dovrebbe finanziarvi?
  • Costi sbilanciati rispetto a quello che è il goal che vogliono raggiungere – capiamoci: 100k è il costo di tre sviluppatori per un anno (stando bassi). Se volete fare un gioco della dimensione di Skyrim vi serviranno 100-200 sviluppatori per almeno tre anni. Come fate a presentare una campagna per un mmo open world gta-skyrim-pacman-like per 20k? Unica spiegazione: pagate i collaboratori in noccioline e i collaboratori sono scimmie.

Per comodità, ho raccolto le campagne degne di essere analizzate in tre macro categorie.

 

 

 

Giochi Ingenui

 

Sono quei progetti creati o da ragazzini che vogliono fare le cose da grandi oppure da chi non capisce nulla di questo mondo

I progetti di giochi ingenui sono quelli creati o da ragazzini che vogliono fare le cose da grandi (e che magari un giorno le faranno, eh, però adesso non ce la fanno), oppure da chi, appunto, non capisce nulla di questo mondo. Di solito sono accompagnati da una campagna priva di veri riferimenti al team, alle fasi di sviluppo che dovranno affrontare o ai reali costi.

 

snow

 

15. 4030 New Life Future – tipo: ma chi lo sviluppa? come? quando? perché?

14. A Matter of Caos – questi volevano volare basso ma si sono dimenticati che, per attirare investitori, serve anche mostrare un minimo di qualità. Minima eh. Però, in compenso, vanno fieri di essere una “startup” citata nei prestigiosi quotidiani locali. Come direbbe Stanis La Rochelle: “è tutto troppo italiano”. E avrebbe ragione da vendere.

13. DEADLY WALKERS – questi ci provano, hanno pure un’azienda e fanno B2B. Ma non ce la fanno: usciti dal mercato dei giochini promozionali per gente come “il supermercato Despar“, hanno pensato che Unity + AssetStore = gioco vero. Che è un po’ la madre di tutte le cazzate di questo periodo.

12. Phoneutria – Questo mi fa quasi tenerezza: chiedeva 5k per “A New generation game, with new game type”. Vi prego, guardate il video. Basta quello.

11. Resitax9x1 – A parte il nome da codice fiscale… ma cosa cazz… se qualcuno riesce a capire di che gioco si tratta, me lo faccia sapere. Perché non c’è una riga di descrizione. In compenso l’autore ci fa sapere che lui fa il backup dei dati tutti i giorni, sotto la voce “Costi e Rischi”.

10. Legend of Elanor – questo è davvero la summa di tutti i problemi della categoria “giochi ingenui”. Chiariamolo una volta per tutte: usare gli asset presi dall’AssetStore di Unity o simili può andare bene se sapete come utilizzarli. Non basta prendere dei personaggi, un background e un sistema fatto per fare “gli RPG”* e fare il nuovo Zelda. Davvero.

9. Polywar – l’idea è pure carina, eh. Peccato che chiedano 500 euro. E che secondo loro i rischi di questa campagna sono “THE only risk is not having enough money to keep servers up and graphic quality, for the rest there are no real problems or difficulties.” Eh, sticazzi.

8. (Vincitore della categoria) Athlon Hunters – 51 sviluppatori (di cui 3 programmatori, perché giustamente è il reparto meno importante…) per fare il primo al mondo “the first Free-To-Play Roguelike MOBA (Multiplayer Online Battle Arena) videogame that supports Oculus Rift’s technology and Virtual Reality also for competitive games.” A me viene da piangere.

 

 

 

Giochi Orribili

Sono quei progetti la cui qualità è talmente bassa che solo in Italia potevamo avere il coraggio di presentarli

I giochi orribili sono quelli la cui qualità è talmente bassa che solo in Italia possiamo avere il coraggio di lanciare una campagna su una cosa simile, sperando di raccogliere i soldi. Sono i pronipoti dei giochi che compravo in edicola su floppy anni fa, sviluppati da qualche universitario che aveva bisogno di pagare due tasse. Il problema è che hanno la stessa qualità di quei giochi; e quelli erano per l’Amiga 500.

eyes

 

7. Wagstaff’s Adventures – un altro titolo incomprensibile; e dalla qualità tipo “Ornella Vanoni nuda”. Io vi giuro che Maurizio Sansone lo voglio conoscere. E voglio il suo autografo.

6. Capri Connection – la saga di Capri è “famosa” da anni (avevo 10 anni e 15 kg in meno la prima volta che mi sono imbattuto nei loro giochi). E la qualità è rimasta la stessa; se all’epoca era tipo “vabbé, ma è che sta roba”, oggi è più “voglio strapparmi gli occhi e non vedere mai più nulla”.

5. Games for Land – questo non si accontenta di fare un gioco brutto, ma sei giochi tutti assieme. Brutti. Ma perché?

4. RiddleDrum – il professor Zelante (che sarà tipo il nostro Kawashima) ci presenta un bellissimo Quiz game che però non ce l’ha fatta. Eppure gli sviluppatori chiedevano solo 500 euro, eh. Gente seria, comunque, visto che erano concentrati su una problematica da non sottovalutare: “Our main fear is having too much players for our webservice to substain them all.” Eh, certo. Troppi utenti. Troppi.

3. (Vincitore della categoria) – Phenomenally powerful princess Pink – questo c’è riuscito. Chiedeva 500 euro, gliene hanno dati 2500. Chi? CHI? Voglio il nome di quello che ha pledgiato 2000 euro per questo gioco. Guardate il video. E siatemi vicini.

 

 

 

Giochi Truffa

 

Vi basterà aprire i link. Giuro.

I giochi truffa sono giochi… che no dai, non ve lo spiego neanche che siete ragazzi svegli. Vi basterà aprire i link. Giuro.

 

what

 

2. Dungeon Master Rebirth – facciamo il remake di Dungeon Master… che tanto “non ha una licenza”. Dai, Armando, c’hai pure due figli, fai la persona seria. Che se per caso i soldi te li dava qualcuno, ti beccavi pure una denuncia. Certo che DM ha una licenza, il fatto che tu lo possa scaricare dai siti abandonware non vuol dire che puoi usare quel marchio. Giuro.

1. (Vincitore dell’internet tutta) X-Wings vs Tie Fighter 2015 – facciamo il remake di X-Wings vs Tie Fighters che tanto… Oh, aspetta! Lui la voleva comprare la licenza. E chiedeva solo 1 milione e mezzo. Che ti basta per comprare la X del titolo, probabilmente.

 

 

 

Menzioni speciali

 

A. Gamingvisor – questo lo cito, anche se non è un videogioco, perché vorrei avvisare tutti quelli che gli stanno dando dei soldi che è un progetto che suscita qualche perplessità. Voglio dire: Oculus è in sviluppo da anni, ha i soldi di Mr. Facebook e ci lavora Mr. Doom. E avevano chiesto 250k nella campagna Kickstarter, per iniziare. Qui parliamo di gente che chiede 50k per fare una roba che boh: ti fa giocare qualunque gioco con un visore 3D. Pure quelli della PS3. Come fanno? Come applicano l’head tracking a giochi che non lo supportano? Con la magia, ovviamente :D

B. 4thWar Equipment – menzione d’onore a questo progetto; era sensato (e aveva raccolto anche una quantità interessante di soldi, ma non è arrivato al goal purtroppo), come quasi tutte le cose che gli italiani stanno promuovendo su Kickstrarter per quanto riguarda i boardgame. Ma la menzione è per la grandissima mossa di marketing dei video e delle foto: gran bei due polmoni :D

 

 

 

Conclusione

 

kickstarter-logoConcludendo, non so che dirvi. Non c’è neppure da essere amareggiati perché ormai sono anni che la situazione è questa; è un campo bistrattato da quasi tutte le istituzioni, i corsi seri iniziano a spuntare solo adesso e ci sono davvero troppe persone che pensano di poter fare i soldi con poco sforzo perché tanto sono “giochini”.

I videogiochi si fanno solo in un modo: con i soldi e con la professionalità.

Volete fare videogiochi? Fatelo. Ma fatelo seriamente (che non significa fare The Witcher, significa fare un gioco calibrando bene il tiro in base a competenze / possibilità e capendo di cosa ha bisogno il mercato).

E smettetela di perdere tempo cercando di tirare su soldi con Kickstarter, che tanto non ve li da nessuno e fate solo la figura dei cioccolatai.

Rimboccatevi le maniche, fatevi il mazzo per imparare davvero il mestiere, fate esperienza e poi cercate di mettere su un’azienda in maniera seria.

Perché alla fine i videogiochi si fanno solo in un modo: con i soldi e con la professionalità. E in Italia manca quasi sempre sia l’uno che l’altro. In compenso, abbiamo Gioventù Ribelle.

Eddie Murphy: i 10 migliori film con il popolare attore comico
Eddie Murphy: i 10 migliori film con il popolare attore comico
WandaVision, la spiegazione del finale
WandaVision, la spiegazione del finale
Il Principe cerca Figlio, la recensione: Eddie Murphy come Black Panther
Il Principe cerca Figlio, la recensione: Eddie Murphy come Black Panther
WandaVision, la recensione dell’episodio finale: Wanda (e Visione) all along
WandaVision, la recensione dell’episodio finale: Wanda (e Visione) all along
Fino All’Ultimo Indizio, la recensione: quando l'indagine diventa ossessione
Fino All’Ultimo Indizio, la recensione: quando l'indagine diventa ossessione
Raya e l'Ultimo Drago, la recensione
Raya e l'Ultimo Drago, la recensione
Raya e l'Ultimo Drago, dalle parole di registi, sceneggiatori e producer
Raya e l'Ultimo Drago, dalle parole di registi, sceneggiatori e producer