Netflix in Italia: facciamo chiarezza

128
6 anni fa

7 minuti

Netflix-Family

Giovedì ho avuto la fortuna di essere tra i pochissimi invitati alla nuova e fiammante Netflix House, prima sede di Netflix in Italia in cui, insieme ad altri “influencer” italiani, sono stato educato a dovere sulla Netflix Culture e ho avuto ovviamente modo di fare domande.

L’intento è quello di far conoscere Netflix in Italia prima del suo arrivo ufficiale il prossimo ottobre.

Il tutto si è tenuto in una suite d’albergo riconvertita, Netflix non ha ancora una sede vera e propria in Italia, se volete ho girato un lungo Periscope al mio arrivo, con svariate figure pessime, soprattutto con gli altri ospiti… Erano stati invitati videomaker, artisti, fotografi, youtuber, instagrammers, twitters e anche un blogger di pessima fama… io.

L’intento chiaramente è quello, giusto, di far conoscere Netflix in Italia prima del suo arrivo ufficiale il prossimo ottobre, cercando di fare un po’ di chiarezza su quello che Netflix è e quello che non è, partendo anche ovviamente dalle basi del servizio.

Ad accoglierci per Netflix c’erano il responsabile dei social media, James Seddon e la nuovissima responsabile di Netflix southern Europe, la spagnola Cristina Sancho che, oltre ad esserebellissima, si sta occupando appunto del lancio contemporaneo di Netflix in Italia, Spagna e Portogallo.

Siamo partiti dalle basi di Netflix, vi risparmio il pippone inutile (per voi) di come funziona il servizio, della sua universalità e presenza su tutte le piattaforme, cercando di offrire sempre la stessa esperienza, dalla Playstation alla Smart TV, etc.. etc.. tutte cose che sapete benissimo.

Ho avuto modo di parlare con James e Cristina prima e durante la presentazione e ho trovato due persone molto disponibili e davvero fuori dal canone classico dell’uomo “corporate”, non vorrei dire la solita banalità, ma sembra davvero che Netflix abbia abbracciato quel concetto del “don’t be evil” tanto sbandierato da Google e altre aziende americane.

Netflix sa benissimo di avere già da anni tanti abbonati dall’Italia.

Quando ho spiegato ad esempio a James che buona parte dei miei lettori conoscono già Netflix perché usano il servizio americano “barando” con una VPN, non c’è stata alcuna sorpresa, anzi: Netflix sa benissimo di avere già da anni tanti abbonati dall’Italia ed è certamente uno dei motivi per cui alla fine si è decisa di arrivare anche da noi.

Ho chiesto poi dei famosi e presunti accordi di esclusività con certi operatori telefonici che ci hanno tormentato per settimane nei mesi scorsi quando per la prima volta si è cominciato a parlare di Netflix in Italia: non ci sarà nessuna esclusività (ma questo ormai lo sapevamo) quello che faranno e già fanno nel resto del mondo è distribuire il proprio catalogo sulle reti locali dei singoli operatori, per offrire un servizio più veloce ed efficiente.

Il sistema di streaming funziona poi esattamente come quello di Youtube: ogni video è encodato a diverse risoluzioni e viene quindi offerto all’utente in base alla velocità puntuale disponibile, evitando quindi il più possibile il buffering e l’interruzione della visione. Per guardare un video Full HD sono comunque sufficienti 4Mb/s se ve lo stavate chiedendo.

Se riuscite a guardare un video HD su Youtube, ci riuscirete anche su Netflix, no problem.
Potrete annullare l’abbonamento quando vi va e riprenderlo poi, no problem.

Un punto su cui mi sono piaciuti molto è quello dell’annullamento della subscription: non ci sono contratti da firmare chilometrici o percorsi infiniti per annullare il proprio abbonamento: basta andare sul proprio profilo e disattivare il tutto, fine. Hanno fatto anche un esempio concreto e sensato: se andate in vacanza e volete ad esempio smettere di spendere per un mese vi basta andare sul vostro account, annullare i pagamenti e riprenderli dopo un mese, no problem. Per chi ha esperienze negative con altri servizi simili questa è una grande news.

No problem ragazzi, se ci pagate il mensile potete fare come vi pare.

Altra questione che ho tirato fuori e che pensavo fosse “delicata” è quella dell’account sharing: in pratica, visto che gli abbonamenti di Netflix permettono la visione in contemporanea a due o quattro “schermi”, succede che molti si sono organizzati o si stanno organizzando per dividersi la quota mensile. Mi spiego: la subscription Full HD da 9 euro al mese comprende la visione su due dispositivi in contemporanea, quindi se io e te che leggi ci mettiamo d’accordo possiamo dividerci l’abbonamento, condividendo user e password, e pagare la metà. Quando ho spiegato questa roba a James, ancora una volta, si è mostrato tutto meno che sorpreso. We don’t care. Non gli importa, no problem ragazzi fate come vi pare, se ci pagate il mensile potete fare come vi pare. Questo concetto tornerà ancora e ancora e, devo dire, mi piace davvero tanto.

Gli abbonamenti in Italia saranno in linea con gli altri paesi europei:

1 schermo, SD 2 schermi, Full HD 4 schermi, 4K
7,99 € 8,99 € 11,99 €

Quindi in soldoni se trovate tre amici che vogliono condividere la spesa… fatevi l’abbonamento più figo e pagherete 3 euro al mese a testa al mese.

L’account italiano sarà semplicemente un account Netflix, potrete loggarvi su qualunque Netflix in giro per il mondo (andando fisicamente in quella nazione o “barando” con una VPN) e usufruendo quindi dei cataloghi locali di volta in volta. We don’t care!

Sul catalogo che sarà presente per il lancio di ottobre ancora le bocche sono tutte cucite

Sul catalogo che sarà presente per il lancio di ottobre ancora le bocche sono tutte cucite, o meglio, da quello che ho capito, ancora per davvero non sanno esattamente cosa ci sarà e cosa no, quindi ragazzi l’unica per ora è aspettare.

Si sa che tutte le serie originali saranno doppiate in italiano e disponibili anche in lingua originale con sottotitoli. Che tutte gli altri contenuti in inglese avranno i sottotitoli in italiano e altre lingue. Cose che già sapevamo.

Si sa che ci saranno anche produzioni italiane nel catalogo, come è già stato fatto per le altre nazioni. Non si sa quali e quante.

Ho chiesto come mai ancora Netflix non abbia cominciato ad includere un po’ di gamification.

Visto che si parlava della piattaforma e di come ha cambiato il modo di guardare contenuti video (serie, film, etc) in TV, ho chiesto come mai ancora Netflix non abbia cominciato ad includere un po’ digamification, come ad esempio achievement e levelling quando finisci una serie o guardi di fila tanti episodi (Binge-watching!) e la risposta mi ha un po’ sorpreso anche se torna con quanto detto fino a quel momento: a Netflix non interessa spingervi a guardare più ore di contenuti. Non ha pubblicità.

Una volta che avete pagato la vostra quota mensile, come usate la piattaforma è affar vostro.

Non vi spingeranno in alcun modo a guardare una puntata in più o a stare tutto il giorno attaccati alla TV per finire una serie, non gli interessa.

L’unico servizio che offrono all’interno della piattaforma è quello dei video suggeriti: il client è diverso per ogni utente e si adatta ai gusti che dimostrate di avere man a mano che utilizzate la piattaforma, consigliandovi di volta in volta nuovi contenuti. Insomma, un servizio utile finalizzato a farvi scoprire cose che possono interessarvi, non semplicemente a farvi stare “dentro” di più. Figata no?

Ecco un po’ di foto per farvi rosicare e dimostrare la mia paraculaggine infinita:

 

L’hype è in salita verticale.

Che dire, l’hype è in salita verticale. Netflix arriverà ad ottobre in Italia, avremo tutti un bel mese di prova per verificare se questo servizio è di nostro gradimento o no, tenendo conto che, come mi ha spiegato James, al lancio Netflix sarà il “peggiore di sempre”, visto che il catalogo evolverà velocemente nel corso delle settimane, con nuovi contenuti aggiunti di continuo… insomma non resta che aspettare.

Se avete domande particolari, sono qua, sparatele pure nei commenti e cercherò di rispondere.

Disney e Sony, accordo: i film di Spider-Man e altri franchise su Disney+
Disney e Sony, accordo: i film di Spider-Man e altri franchise su Disney+
Spaceman: Paul Dano e Kunal Nayyar si uniscono al cast
Spaceman: Paul Dano e Kunal Nayyar si uniscono al cast
Netflix spenderà 17 miliardi per i progetti del 2021
Netflix spenderà 17 miliardi per i progetti del 2021
Death Note 2: il sequel di Netflix sarà basato sul materiale originale
Death Note 2: il sequel di Netflix sarà basato sul materiale originale
Persuasione: Dakota Johnson protagonista del film Netflix
Persuasione: Dakota Johnson protagonista del film Netflix
Spaceman: Carey Mulligan co-protagonista del film con Adam Sandler
Spaceman: Carey Mulligan co-protagonista del film con Adam Sandler
Gundam live-action: un poster ufficiale conferma la produzione
Gundam live-action: un poster ufficiale conferma la produzione