Giappone: dai Samurai a Mazinga – Dall’11 ottobre a Treviso

7 anni fa

Manifesto-Giappone-2v3

A tutti gli appassionati di Giappone, vi ricordiamo che Casa dei Carraresi (centro espositivo di Treviso) ospiterà una nuova grande mostra dall’11 ottobre 2014 al 22 febbraio 2015: Giappone: dai samurai a Mazinga.

La cultura tradizionale del Giappone antico, ricordata soprattutto per le figure dei Samurai e delle Geishe, per rituali che emanano spiritualità e sacralità, come l’affascinante “cerimonia del tè”, si affiancherà ai nuovi modelli, generati dal mondo dei manga e delle anime, tra i quali spiccheranno protagonisti memorabili come Mazinga, Goldrake e tanti altri Super Robots.

Le atmosfere del mitico “Sol Levante” aleggeranno a Casa dei Carraresi soltanto per 4 mesi.

Per questo desideriamo presentarvi in anticipo le opportunità previste per i gruppi: visite guidate, pacchetti con pranzi e cene, anche in location esclusive all’interno della sede espositiva.

Con la speranza che possiate lasciarvi incantare ancora una volta dalle meraviglie di questa cultura, vi salutiamo allegando questa foto esclusiva di questo Mazinga gigante arrivato proprio oggi.

 

Giappone: dai Samurai a Mazinga
c/o Casa dei Carraresi Via Palestro, 33/35 31100 Treviso
tel. 0422 513150
giapponedaisamuraiamazinga.com

La mostra di Zerocalcare: tutto il fumettista romano, dagli esordi a "Macerie Prime"
La mostra di Zerocalcare: tutto il fumettista romano, dagli esordi a "Macerie Prime"
Hokusai, sulle orme del Maestro a Roma
Hokusai, sulle orme del Maestro a Roma
Tatuaggi all'estero: la mia esperienza in Giappone
Tatuaggi all'estero: la mia esperienza in Giappone
Assassin's Creed Origins in mostra a Lucca Comics & Games 2017
Assassin's Creed Origins in mostra a Lucca Comics & Games 2017
Michael Whelan in mostra a Lucca
Michael Whelan in mostra a Lucca
L'Omaggio al genio di Bruno Munari in mostra a Lucca Comics
L'Omaggio al genio di Bruno Munari in mostra a Lucca Comics
Al Vitra la prima retrospettiva su Alexander Girard
Al Vitra la prima retrospettiva su Alexander Girard