Il chilogrammo è aumentato

10 anni fa

bf9077e66ec3e6a8fbe81f15704e5869

 

Ebbene, miei fedeli Nerds® lo standard internazionale del chilogrammo, il cilindro di una lega di platino e platino-iridio che stabilisce l’unità fondamentale della massa è cambiato, aumentando di decine di microgrammi la propria massa.

Premessa

Il chilogrammo è la massa di un particolare cilindro di altezza e diametro pari a 0,039 m di una lega di platino-iridio depositato presso l’Ufficio internazionale dei pesi e delle misure a Sèvres, in Francia.

Wikipedia

Con l’adozione del chilogrammo nel Sistema Internazionale delle unità d misura nel 1875, venne creato un pezzo cilindrico chiamato International Prototype Kilogram (IPK).         La massa di questo blocco di metallo è di 2,2 libbre (1 Kg per l’appunto), definendo fisicamente il chilogrammo come uno delle sette unità di misura standard internazionali.

Nel 1940 vennero distribuiti quaranta prototipi nei Paesi che firmarono l’adesione alla Convenzione del Metro(inizialmente 17, mentre oggi contano poco più di 100 Paesi aderenti).

 

 

Massa lorda

Per Impedire la contaminazione questi prototipi sono stati fatti di forma cilindrica, forma che impedisce l’accumulo di polvere e detriti.

I IPK vengono conservati in laboratori ad aria filtrata con temperatura e pressione costante. Ciò non impedisce al prototipo di essere contaminato dall’esterno.

La “pulizia” dei IPK viene fatta manualmente da un tecnico che strofina i cilindri con una pelle scamosciata imbevuta di alcool.

 

Il perché dell’aumento

Tramite la spettroscopia a raggi X, gli scienziati hanno ricreato virtualmente la superficie del IPK, scoprendo che aveva accumulato microgrammi di carbonio e contaminazioni da mercurio.

L’origine di queste contaminazioni deriva da emissioni di carbonio di automezzi, mentre il mercurio è causato dalla rottura di termometri presenti nel laboratorio.

 

Cosa influenza questo cambiamento?

L’importanza di un cambiamento della massa non è importante per la vita comune, ma è estremamente importante per le ricerche scientifiche, che verrebbero invalidate, e per ambiti di masse radioattive, che potrebbero compromettere l’utilizzo di tali materiali in ambito energetico.

 

Le soluzioni

Oltre la pulizia manuale, nascono varie alternative per risistemare il prototipo.Un metodo è il trattamento con l’ozono e raggi ultravioletti capaci di spezzare i legami del carbonio senza la necessità di contatto con il cilindro, ma non potranno rimuovere il mercurio.

 

Il futuro del IPK

Non è roseo in quanto, a lungo termine, verrà abbandonato il legame con l’oggetto.       Si cerca infatti di creare un dispositivo che simuli la stessa quantità di forza esercitata dal IPK, permettendo di calcolare la massa.

 

Fonti:

 

Cannabis contro le radiazioni
Cannabis contro le radiazioni
Nasce il "supermetallo"
Nasce il "supermetallo"
Lega Italiana per la tutela dei Diritti degli Introversi
Lega Italiana per la tutela dei Diritti degli Introversi
Il chilogrammo perde peso
Il chilogrammo perde peso
Il chilogrammo perde peso
Il chilogrammo perde peso

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.