Facebook VS Faceporn 0-1

9 anni fa

LOL, non ho neanche un account FB, ma questo è il mio secondo post in due giorni sulla community in blu.

Oggi usciamo dalle sale di Wall Street per entrare in quelle del tribunale presieduto dal giudice statunitense Jeffrey White, che rigetta la denuncia del social network contro la community norvegese Faceporn, rea di aver utilizzato il prefisso “Face” nel nome.

Anche se letta così la questione può far ridere, è bene ricordare che in passato Facebook è riuscita a vincere cause analoghe sulla difesa del suffisso “book” (vedi i casi Teachbook e Lamebook).

Il giudice ha decretato che non c’è diretta competizione tra i due network (essendo il primo fatto per farsi i fatti degli altri e il secondo per farsi gli altri e basta), e che contro il norvegese FacePorn non ci sono evidenze di influenze sugli utenti californiani.

Dal network in blu non sono arrivate comunicazioni ufficiali, ma la battaglia legale prosegue (anche in Norvegia).

Avrei voluto dire che stavolta FB se la prende in culo, ma mi pare che questa posizione sia condivisa da entrambi in network… :D

Via Punto Informatico | Facebook saksøker Faceporn

Facebook: il Comitato di Controllo rimanda di sei mesi la decisione su Donald Trump
Facebook: il Comitato di Controllo rimanda di sei mesi la decisione su Donald Trump
Facebook: si sta formando una class action europea
Facebook: si sta formando una class action europea
Facebook ha investito 23 milioni per la sicurezza di Zuckerberg
Facebook ha investito 23 milioni per la sicurezza di Zuckerberg
Startup: niente da fare, se non hanno il notaio
Startup: niente da fare, se non hanno il notaio
Thierry Henry abbandona i social, troppo tossici
Thierry Henry abbandona i social, troppo tossici
Facebook, ora la battaglia per le news si sposta in Europa
Facebook, ora la battaglia per le news si sposta in Europa
Donna fa causa alla Nasa per tenersi polvere lunare
Donna fa causa alla Nasa per tenersi polvere lunare