Libertà di parola e di espressione

15 Maggio 2012

La libertà di parola è, nel mondo moderno, considerata un concetto basilare nelle democrazie liberali. Il diritto alla libertà di parola non è tuttavia da considerarsi illimitato: i governi possono, sotto l’aiuto delle Nazioni Unite e dei Paesi che vi prendono parte, decidere di limitare particolari forme di espressione, come per esempio l’incitamento all’odio razziale, nazionale o religioso, oppure l’appello alla violenza contro un individuo o una comunità, che anche nel diritto italiano costituiscono reato.

Libertà di parola? We don’t approve.

Pur non esistendo dubbi, riguardo il fatto che la libertà di manifestazione del pensiero faccia parte di quelle libertà fondamentali che la Costituzione italiana protegge, è corretto per la generalità dei cittadini, che questa libertà abbia dei limiti.

Questi sono posti dalla legge e devono trovare fondamento in precetti e principi costituzionali o espressamente dichiarati o comunque riconducibili alla Carta costituzionale. Il diritto di manifestare il proprio pensiero, infatti, non è tutelato incondizionatamente e non garantisce secondo quanto previsto dalla Costituzione una libertà illimitata della sua manifestazione.

Per questo motivo, davanti a questo diritto sono posti dei limiti che derivano dalla tutela del “buon costume” o dall’esistenza di beni o interessi diversi che sono allo stesso modo protetti e garantiti dalla Costituzione, con l’intento di limitare tutte quelle azioni che andrebbero a danneggiare la sicurezza pubblica, la cui tutela costituisce una delle finalità immanenti del sistema.

Da notare che il concetto di diritto deve necessariamente coesistere con il concetto di “limite” nell’ambito dell’ordine pubblico. Le varie sfere giuridiche, limitandosi tra loro, cercano di mantenere quell’equilibrio in grado di mantenere la convivenza civile ordinata.
E’ quindi da escludere che la Costituzione enunciando il diritto di libera manifestazione del pensiero, voglia consentire quelle attività in grado di turbare la tranquillità e l’ordine pubblico, non sottraendo così alle forze dell’ordine la funzione di prevenzione dei reati.

Tra le proposte che girano sui social network c’è quella di un patentino per postare i video su YouTube.

Fonte

orsovolante

‎"La principale differenza tra una cosa che potrebbe rompersi e una cosa che non può in alcun modo rompersi è che quando una cosa che non può in alcun modo rompersi si rompe, di solito risulta impossibile da riparare"
Aree Tematiche
Cultura Video
Tag
martedì 15 maggio 2012 - 0:05
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd