The Mask: Da Zero a Psicopatico.

9 anni fa

Ssssspumeggiante! È il momento di fare casino… C, A, S, I… no? Mi dispiace lo faccio!

Alzi la mano chi non ha mai visto il film con Jim “Faccia di Gomma” Carrey e lo squallidissimo sequel in CG dedicato a questo simpatico personaggio con la faccia tutta verde.

Personalmente credo di esserci cresciuto, visto che quando ero piccolo il film (il primo, per carità del cielo) lo davano praticamente a intervalli regolari di 6 mesi, roba da far impallidire le repliche di Dragonball :o

Il fatto interessante di tutta la faccenda, è che La Maschera non nasce come il personaggio burlone e giocherellone che abbiamo imparato a conoscere e amare, tutt’altro.

Le origini del mito

“The Mask”, letteralmente “La Maschera” (e ma va’!), nasce dalla penna di John Arcudi (testi) e Doug Mahke (disegni) nel 1989 sulle pagine di “Mayhem”, edito dalla Dark Horse Comics (300, Hellboy e Akira, tanto per citarne alcuni).

Chiaramente ispirato al Batmaniano Joker e a tutto quel “pantheon pulp” dei fumetti degli anni 80′ (uno dei tanti che mi viene a mente è il Lobo della DC), almeno all’inizio, la storia segue il già pluricitato film, Stanley Ipkiss, un deboluccio e nevrotico impiegato di banca, si imbatte in una antica maschera di giada; indossandola, Stanley acquisterà incredibili poteri, a scapito della sua sanità mentale, purtroppo.

Il delirio di onnipotenza lo porterà a vendicarsi di tutti i torti subiti e ad assumere il nomignolo di “Big Head” (e chissà come mai..), lasciando dietro di se’ morte e distruzione.

I Poteri

un esempio esplicativo

La Maschera che, proseguendo con la storia, scopriremo essere un manufatto appartenente al dio delle malefatte Loki, dona a colui che la indossa poteri sovrannaturali che violano qualsiasi legge naturale, inibendo gli istinti morali del soggetto e rendendolo un antieroe con la passione dell’ultraviolenza.

Non è dunque raro, in un fumetto di Mask, vedere lo stesso comportarsi come un cartone animato, con continue citazioni ai capolavori dei primi decenni del novecento, da Bugs Bunny a Beep Beep passando per Tom e Jerry; in un continuo parodiarsi e autoparodiarsi.

Solo che si presenta un deciso ribaltamento dei ruoli: se nei cartoni sopracitati la violenza è si massiccia ma comunque “edulcorata” (i protagonisti che la subiscono, infatti non muoiono ma sopravvivono generando un effetto comico sullo spettatore) qua la violenza è vera, e chi la subisce spesso muore fra atroci sofferenze.

In definitiva la Maschera (o Big Head, come volete chiamarlo) risulta essere una lettura interessante ma non adatta a tutti, ed è stata, a mio avviso, una mossa intelligente riadattare il personaggio per un film per il grande mercato mainstream.

Magari in questa epoca di reboot zoppicanti, di copie malriuscite e nichilismo cosmico (?) si potrebbe girare un bel film sul personaggio nudo e crudo.

Voi cosa ne pensate?

Per saperne di più:
Dark Horse Comics
Wikipedia

Mystery Girl: Tiffany Haddish sarà la protagonista del film
Mystery Girl: Tiffany Haddish sarà la protagonista del film
Il Trono del Re: Alien Universe a fumetti, dal cinema alla cellulosa
Il Trono del Re: Alien Universe a fumetti, dal cinema alla cellulosa
Canto di Natale: 11 adattamenti per il cinema e la TV da guardare
Canto di Natale: 11 adattamenti per il cinema e la TV da guardare
Jim Carrey come Joker nel video che lo sostituisce a Joaquin Phoenix
Jim Carrey come Joker nel video che lo sostituisce a Joaquin Phoenix
Jim Carrey nei panni di Biden ripropone una battuta di Ace Ventura
Jim Carrey nei panni di Biden ripropone una battuta di Ace Ventura
Jim Carrey al Saturday Night Live per la Presidential Debate Parody
Jim Carrey al Saturday Night Live per la Presidential Debate Parody
Le 13 migliori serie TV tratte da fumetti
Le 13 migliori serie TV tratte da fumetti