Le peggiori CD cover della storia #LegaNerd

Non giudicare un libro dalla copertina

Questa frase è tanto vera quanto giusta, ma c’è un limite a tutto: alla decenza, al decoro e, soprattutto, al buon gusto.
Tutte queste splendide copertine non posseggono nessuna di queste caratteristiche, vere e proprie icone del trash incapaci di valorizzare i loro già poveri contenuti, oppure di affossare quel poco di buono che contengono. Ma vanno amate così, per quello che sono: piccoli capolavori moderni di una società sempre più variegata e multietnica, anche nei gusti.
Procediamo alla loro analisi, dunque, in una spirale di follia capace di turbare anche le menti e gli spiriti più stoici. Siate coraggiosi, ne avrete bisogno.

Ken:for request only

Mostra Approfondimento ∨

Ken: solo su richiesta. Cosa debba essere richiesto non ci è dato sapere, ma lo sguardo vitreo da stupratore di Ken non promette nulla di buono. Io, per sicurezza, evito di chiederglielo. Nota di merito al tupé.

Orion: Reborn
Mostra Approfondimento ∨

Elvis non è morto e, anche se fosse deceduto, è comunque risorto. Orion è la prova vivente che il Re è vivo, anche se mascherato per celare la sua vera identità. Un fine stratagemma che ci ha nascosto l’amara verità per tutti questi anni.

Stryken: First strike

Mostra Approfondimento ∨

Tralasciamo il palese plagio ai danni degli Slayer. Tralasciamo anche l’orribile qualità grafico-scenografica della copertina. Soffermiamoci invece sul fatto che il componente del gruppo sulla destra sia Ben Stiller, qui alle prese nella sua celebre interpretazione di Derek Zoolander.

Battleaxe: Burn this town

Mostra Approfondimento ∨

Il bambino di Shining è cresciuto e si è dato al metal, ma non ha abbandonato il suo triciclo. Ci si chiede quale terribile incidente abbia provocato danni così evidenti al suo braccio sinistro.La prospettiva, invece, continua ad essere un’opinione, ma lo amiamo comunque.

The handsome beasts: Bestiality;;

Mostra Approfondimento ∨

L’ho riguardata un numero considerevole di volte, ma ancora non ne riesco a capire il motivo della sua esistenza. È l’uomo a sembrare un maiale? O il maiale ad assomigliare all’uomo? Ma, soprattutto, chi cazzo è il maiale dei due? Da notare che l’esemplare a sinistra sembra dotato di zoccoli e, oltretutto, ispiri molto più sporco di quello posto a destra.
#uomorosomaiale.

Nelson: Because they can
Mostra Approfondimento ∨

Nelson è un genio incompreso, non riesco a darmi alcuna altra spiegazione. Due cani e due parrucche, che altro chiedere? Da notare la fine assonanza tra “Because they can” e cani: una licenza poetica involontaria degna di un ubriaco Leopardi.

Heino: Liebe mutter…

Mostra Approfondimento ∨

Andy Warhol incontra lo strabismo. I fiori lasciano presagire un appuntamento romantico, ma gli occhi non mentono: è un appuntamento oculistico.

Knorkator: Hasenchartbreaker;

Mostra Approfondimento ∨

Chi ha picchiato i Kiss? Una copertina degna delle migliori esibizioni di freak. Diane Arbus li avrebbe sicuramente amati.

Scorpion: Animal Magnetism

Mostra Approfondimento ∨

Gli Scorpions ne sanno a pacchi e questa copertina ne è la prova: sia la ragazza che il cane sono rapiti dal fascino magnetico dell’uomo di spalle. Ma lui se ne fotte e, mano in tasca e birra nell’altra, guarda l’oceano. Simpatico sottolineare come donne e cani siano considerati più o meno allo stesso livello, con la differenza che quest’ultimi i panini non li sanno fare.

The Ritchie Family: Bad Reputation

Mostra Approfondimento ∨

L’apoteosi del trash: tre donne vestite da motocicliste circondate da uomini che, in realtà, sembrano solo dei cartonati. Da notare l’uomo in fondo, al centro, che si sta trasformando in un panda nell’indifferenza generale, oltre a quello sulla destra, intento a picchiare il gomito di una delle cantanti. Ritroviamo il dobermann degli scorpions che, ovviamente, se ne fotte di quello che sta accadendo e continua a pensare all’uomo della copertina precedente.

Manowar: anthology

Mostra Approfondimento ∨

LOL, cos’altro aggiungere ai Manowar? Solo una cosa: ultragaaaaaaay!

Harry and Terry: Live

Mostra Approfondimento ∨

Concludiamo questo eccitante viaggio con Harry & Terry: live. Non so chi dei due sia il pupazzo, ma di certo mai titolo fu più sbagliato. Il poverino, ad un’esistenza così grama, gradirebbe sicuramente una morte veloce e indolore. Eutanasia per Harry (o Terry, bah)!

[nggallery id=491]

Via:
Tutte queste splendide copertine sono tratte liberamente da Cover Browser. Esploratelo un po’, ne vale la pena.

Qui, invece, vi è l’articolo sullo stesso tema scritto da @bradipo . Ci vedremo in tribunale.

Aree Tematiche
Cazzate Musica
Tag
venerdì 13 aprile 2012 - 17:51
Edit

Lega Nerd Podcast

Lega Nerd Live

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd