Pikes Peak International Hill Climb

11 anni fa

5 minuti

Pikes Peak: The Race to the Cloud

Come promesso nel precedente articolo, oggi vi descriverò a grandi linee la Pikes Peak International Hill Climb: la più famosa cronoscalata del mondo.


Storia

La Pikes Peak ha una storia decisamente ricca. È la seconda gara automobilistica più antica di tutti gli Stati Uniti, disputata per la prima volta nel lontano 1916 (NdA: la prima risulta essere la Milwaukee Mile che è anche la più antica gara su circuito del mondo, 1903, mentre la nostra Targa Florio e la transalpina Le Mans sono del 1906).
Il record di questa prima scalata è stato di 20 minuti e 56 secondi segnato dal giovane Rea Lentz alla guida di una Romano Demon Special ( foto 1 in gallery).
Anche le moto si distinsero subito dal primo anno di vita, con ben 19 iscritti su 29 totali (foto 4 una foto delle prime due donne che arrivarono alla vetta della Pikes Peak in sella ad una moto Excelsior) categoria vinta quell’anno da una Excelsior con il tempo di 21 minuti e 58 secondi.
Al suo primo anno di vita la gara contava solo la categoria “Open Wheel” e “Motorcycle”; negli anni seguenti le categorie sono aumentate con l’aumentare delle auto sulle strade cittadine e con l’avvento degli sport motoristici. Dunque arrivarono le Stock Car (1927) , la Open Rally (dal 1981, cambiò nome e regole nel 1990 divenendo Unlimited), la Production Rally (dal 1981 al 1991), la Alternative Fuel (dal 1973), la Electric (dal 1981), e molte altre che sono nate, morte, modificate e/o riproposte nel corso del tempo.
Il record per le auto è stato abbassato sotto il muro dei 10 minuti nel 2011: Nobuhiro “Monster” Tajima con la sua Suzuki Monster SX4 ha stabilito il tempo pazzesco di 9 minuti e 51 secondi.

[more]
Come ha fatto?
Ecco a voi il video della sua gara record:


[/more]

Per le moto invece il record è detenuto da Carlin Dunne che, sempre nel 2011, con la sua Ducati Multistrada 1200 ha staccato un tempo di 11 minuti ed 11 secondi.

[more]
Come ha fatto?
The Ducati Story:


[/more]

I tempi dei record in realtà sono in centesimi di secondo, ma per praticità li ho arrotondati al secondo, se vi interessano i tempi precisi vi lascio l’albo d’oro di tutte le classi dal 1916 ad oggi: Qui

Come richiesto da molti qua sotto vi segnalo questo bellissimo video del 1990, commissionato da Peugeot Sport per commemorare la vittoria ed il record stabilito da Vatanen nel 1988 con un tempo di 10 minuti e 47 secondi, record ufficialmente imbattuto fino al 1994 : The Climb Dance.
Questo video in particolare era stato già visto su :ln: , per essere precisi qua, in un articolo a lui tutto dedicato :).

Anche il percorso si è modificato nel tempo, sopratutto per quanto riguarda la tipologia di fondo che nei primi anni era interamente sterrato per poi, complice anche il progresso, diminuire fino al 30% su quella tipologia di fondo nel 2011.
Dal 2012 il tracciatto sarà completamente asfaltato poichè gli ambientalisti più antichi d’america, i The Sierra Club, hanno vinto una causa che impone alla giunta di Colorado Spring l’asfaltatura completa del tracciato per salvaguardare la falda acquifera.

[spoiler]
La falda acquifera di Colorado Spring è sporca (di terra immagino vista la richiesta), quindi gli ambientalisti hanno indetto una causa legale che obblighi Colorado Spring di asfaltare la Pikes Peak Highway e quindi tagliare in due un parco naturale nazionale con una striscia d’asfalto da 4 corsie lunga 19miglia (31km).
SEEMS LEGIT!
Su questo punto se qualcuno di voi mi sa dare qualche spiegazione logica ne sarei grato in ogni caso.

Moar info
[/spoiler]

Tecnica

La classe maggiore e di maggior attrattiva della PPIH è indubbiamente la Unlimited che, come si può intuire dal nome, non ha alcun tipo di regola, basta solo che passi le ispezioni di sicurezza su gomme e rollbar.
Questa classe ha portato alla luce mostri come la mitica Suzuki Escudo(foto 13) (i fan della serie di Gran Turismo capiranno) e la Monster SX4 (foto 7) mentre negli anni 80 ha permesso alle Gruppo B(foto 14 e 15) di avere altri momenti di gloria dopo l’esclusione dalle competizioni internazionali.

[more]
Ci sono troppe classi e troppe sotto categorie per descriverle tutte, vi lascio i regolamenti per il vostro gradimento.

[/more]

Concludo con alcune foto d’epoca e non:

[nggallery id=489]

Fonti:
Sito ufficiale
Wiki
Tajima Monster Sport

[Motorsport Fact] rubrica a cura di @ygy2020 che parla di motori e competizioni.

Ducati: niente moto elettriche, non nell'immediato almeno
Ducati: niente moto elettriche, non nell'immediato almeno
Laurea Honoris Causa in Ingegneria del Veicolo a Kazunori Yamauchi
Laurea Honoris Causa in Ingegneria del Veicolo a Kazunori Yamauchi
Cosworth DFV: il propulsore più longevo e vincente nella storia della Formula 1
Cosworth DFV: il propulsore più longevo e vincente nella storia della Formula 1
Nissan GT-R: la leggendaria supercar giapponese
Nissan GT-R: la leggendaria supercar giapponese
Il Dakar Rally
Il Dakar Rally
BMW S70
BMW S70
Honda NR: la storia del motore a pistoni ovali
Honda NR: la storia del motore a pistoni ovali