Limbo

29 Agosto 2011

Stasera esco dall’esperienza videoludica più intensa, allucinante e coinvolgente da molto, moltissimo tempo a questa parte. Ho trovato in un platform qualcosa di onirico, unico, originale, angosciante, intenso e drammatico, e non sono riuscito a staccarmi prima di aver raggiunto la fine, conscio di aver avuto fra le mani una piccola gemma. Questo gioco si chiama Limbo, ed è giunto finalmente su PC.

Trama e Gameplay

Se non si è capito, Limbo mi ha folgorato, vediamo perché.

In questo platform a scorrimento gli sviluppatori della Playdead hanno ricreato un ambiente minimalista: un ragazzino, un ambiente dark dipinto da contrasti fra luci (poche) e ombre (molte), una cornice onirica e una serie di trappole mortali che richiederanno al giocatore niente più che qualche salto e spostamento di oggetti.

In questo senso il gameplay lo rende un puzzle game minimalista. Ad arricchire il tutto è l’assenza totale di dialogo, testo, spiegazioni: tutto è lasciato alla forza visiva delle immagini.

Data la breve durata del gioco (tre ore e mezza circa nel mio caso) sarebbe un crimine spoilerare, per cui lascio la parola ai trailer. Il mio consiglio personale, ora che è giunto su PC, è di non lasciarselo scappare per nessun motivo, eccetto siate particolarmente spilorci (un deca su Steam) o aracnofobici. Nel secondo caso fate come me e portatevi dei sali accanto al monitor.

Spoiler
C’è un ragno grande metà schermo. Non dite che non vi ho avvisati.

Limbo è disponibile per XBOX 360, PS3 (annunciato poco tempo fa da Code2) e PC.
9,99 € su Steam

Aree Tematiche
Videogames
Tag
lunedì 29 Agosto 2011 - 22:30
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd