Un buon posto per morire

Un buon posto per morire

Alzando gli occhi al cielo non si vede, eppure è lì. Il Sole Nero.
Il Distruttore. Fra trenta giorni se ne accorgeranno tutti, ma allora sarà troppo tardi. Pochissimi sanno cosa sta per accadere: politici, industriali e finanzieri, vertici religiosi e militari.
Ogni gruppo di iniziati al segreto trama ai danni degli altri, con un proprio obiettivo… Ma esiste una speranza.
Secoli fa qualcuno ha creato uno strumento per opporsi a questa diabolica cospirazione.
Un Gioco di codici ed enigmi pensato per addestrare in segreto i Salvatori dell’Umanità, adeguandolo alle tecnologie delle diverse epoche. Tocca a due estranei, Leo e Claire, un uomo e una donna feriti e disperati, e ignari del pericolo, raccogliere la sfida.
E cercare di fermare il conto alla rovescia verso il Giorno del Giudizio, costi quel che costi. Alleandosi anche con il diavolo.
Perché il mondo, dopotutto, è un buon posto per vivere.

Questa che avete appena letto è la quarta di copertina di un romanzo appena uscito e nato dalle menti di due personaggio abbastanza conosciuti nei loro rispettivi ambienti: Tullio Avoledo con i suoi tanti romanzi a partire dal famoso esordio L’elenco telefonico di Atlantide e Davide “Boosta” Dileo, fondatore dei Subsonica.

Il libro, scritto a quattro mani, parla di un prossimo futuro dove un misterioso asteroide chiamato Sole Nero incombe sulla terra; intrighi e misteri si accavallano tra l’Italia, la California, il Venezuela e l’Antartide con i due protagonisti, Leonardo Contrera a Claire Madigan, coinvolti in un complotto mondiale che ruota attorno ad un videogioco che Leonardo riceve dal figlio prima di morire.

Mostra Approfondimento ∨

Fonte.

Aree Tematiche
Libri
Tag
mercoledì 6 luglio 2011 - 9:52
Edit

Lega Nerd Podcast

Lega Nerd Live

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd