Winter is coming: speculate finché siete in tempo

10 anni fa

Vorrei tanto sbagliarmi, ma la seconda grande bolla finanziaria di internet si sta avvicinando velocemente.

Le startup sono diventati grandi nomi e i grandi nomi hanno cominciato a quotarsi in borsa… suona familiare? a me si. Qualcuno c’era nel 2001? io purtroppo si.

Linkedin ha aperto a 45 dollari. Ha chiuso la giornata ad oltre 122 dollari, dando un market cap a LI di oltre 10 miliardi di dollari.
Poi nel mese successivo è sceso in picchiata fino a 63 dollari.. e poi su ancora e adesso è attorno ai 90 dollari. Il doppio dell’apertura. Avrei voluto investire… e vendere ora prima che scoppi un’altra volta.

*E’ un cazzo di social network*, non ha le revenue per giustificare una quotazione da 10 miliardi di dollari porca troia, ma ancora ci stiamo ricadendo veramente? ancora uguale?

Pandora ha tirato su 3 miliardi. Yandex oltre 11 miliardi.

Ora si sta muovendo Zynga… altri miliardi previsti, da 15 a 20 sicuro.

Ad aprile 2012 arriva la bomba: Facebook si quoterà con una detonazione da centinaia di miliardi di dollari

E’ poi? poi arriva il 21 dicembre 2012 e andate tutti affanculo, quindi vendete quelle azioni durante l’estate, mi sa che vi conviene.

Donald Trump fa causa a Facebook e Twitter
Donald Trump fa causa a Facebook e Twitter
Facebook: il Comitato di Controllo rimanda di sei mesi la decisione su Donald Trump
Facebook: il Comitato di Controllo rimanda di sei mesi la decisione su Donald Trump
Facebook: si sta formando una class action europea
Facebook: si sta formando una class action europea
Facebook ha investito 23 milioni per la sicurezza di Zuckerberg
Facebook ha investito 23 milioni per la sicurezza di Zuckerberg
Il presidente di Virgin Galactic vende le sue quote della società
Il presidente di Virgin Galactic vende le sue quote della società
Facebook, ora la battaglia per le news si sposta in Europa
Facebook, ora la battaglia per le news si sposta in Europa
Disinformazione e COVID-19: meglio affidarsi a TV e stampa tradizionale
Disinformazione e COVID-19: meglio affidarsi a TV e stampa tradizionale