Natsumi Hayashi, levitazione fotografica

10 anni fa

Ho avuto l’idea da un adagio inglese che dice che “avere i piedi ben piantati per terra è sinonimo di un tipo pratico di persona”.
In Giappone, abbiamo esattamente lo stesso pensiero. Ma io non sono una persona pratica, perciò cerco di non avere i piedi per terra nel mio autoritratto per mostrare il mio vero io.

In giovane età, Natsumi Hayashi ha avuto una rivelazione: Mantenere i piedi per terra è sopravvalutato. I suoi autoritratti sono così stravaganti e indimenticabili che stanno girando molto su Internet e stanno ottenendo l’attenzione di tutto il mondo. Che cosa li rende così insoliti? Beh, per cominciare, in ogni fotografia Hayashi sembra levitare.
Si raggiunge questo stato di magia a mezz’aria saltando su e giù. —A volte ho bisogno di saltare più di 300 volte per ottenere lo scatto perfetto—, ha spiegato. Ho impostato la fotocamera con la velocità dell’otturatore di 1/500 di secondo o più veloce per congelare il mio salto. Ci vogliono dai 10 ai 60 minuti per ottenere lo scatto giusto. A volte lavora da sola e si basa su un autoscatto, in altri casi, chiede ad un passante di venire avanti e premere il pulsante di scatto.
Le sue “levitazioni quotidiane” sul sito Yowayowacamera.com
Via

[nggallery id=8]

Il mio primo viaggio a Tokyo
Il mio primo viaggio a Tokyo
Vi presentiamo la nuova Ferrari J50
Vi presentiamo la nuova Ferrari J50
Le 100 viste di Tokyo secondo Shinji Tsuchimochi
Le 100 viste di Tokyo secondo Shinji Tsuchimochi
Edo VR, Tokyo feudale in Realtà Virtuale
Edo VR, Tokyo feudale in Realtà Virtuale
Tokyo, dalla realtà agli anime
Tokyo, dalla realtà agli anime
Tokyo in miniatura secondo Muji
Tokyo in miniatura secondo Muji
Famicase 2013
Famicase 2013