Cristalli di ghiaccio su Haumea, pianeta nano
di
Nutmeg
9

Questo articolo è un bazinga di Noble (@tino91) di cui la sottoscritta si lava le mani :D.

Il Very Large Telescope (VLT) dell’ European Southern Observatory in Cile scopre ghiaccio d’acqua su un pianeta nano: Haumea.

Mostra Approfondimento ∨

Esso è il quinto pianeta nano, in ordine di grandezza, del sistema solare, dopo Plutone, Cerere, Eris e Makemake, ed è dotato anche di due piccoli satelliti.

Mostra Approfondimento ∨

Il piccolo e strano pianeta si trova oltre l’orbita di Nettuno, ha la particolare forma di pallone da rugby ed è lungo approsimativamente 2000 km. La sua orbita è inclinata di 20° rispetto a quelle degli altri pianeti ed anche i suoi satelliti (Hi’iaka and Namaka) non ruotano sullo stesso piano. Il suo periodo di rotazione è inferiore a quello di qualunque altro corpo del sistema solare e si aggira intorno alle 4 ore (anche meno) ed essendo ricoperto di cristalli di ghiaccio ha la caratteristica di splendere nell’oscurità dello spazio.

La cosa più importante di questa scoperta riguarda la particolarità del ghiaccio che lo riveste: non il semplice ghiaccio amorfo formato grazie alla radiazione solare, ma un ghiaccio di tipo particolare, cristallizato e strutturato.

Poiché di per sé il Sole trasformerebbe con l’andare del tempo il ghiaccio cristallino in ghiaccio amorfo, dev’esserci una fonte di energia che permette la formazione del più raro ghiaccio cristallino. Si ritiene che questa fonte di energia siano le forze mareali, cioè quelle deformazioni causate dall’attrazione gravitazionale delle lune del pianeta nano.

Fonti: ScienceDaily, Science20, TechNews

Future Crazy Cat Lady Oompa loompa della scienza.
Aree Tematiche
Astronomia Cultura Scienze
Tag
venerdì 13 maggio 2011 - 18:51
Edit

Lega Nerd Podcast

Lega Nerd Live

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd