Apple primo marchio del mondo per valore

10 anni fa

Apple grew 84 percent in brand value
to become the world’s most valuable
brand. And it surpassed Microsoft in market capitalization.
With a 246 percent increase in brand value, Facebook
entered the BrandZ Top 100 for the first time at No. 35.
These developments reflected both the strength of the
Apple and Facebook brands and the dramatic changes
taking place in the always-dynamic technology sector.

Nella annuale classifica della Brandz, sviluppata da Millward Brown Optimor, Apple è stato eletto il marchio con maggior valore stimato a livello globale. Con un aumento dell’86%, la mela morsicata si impone su Google – primo in classifica dal 2006 – che registra invece un triste -2%.
I valori sono di 153 vs 111 miliardi di dollari, specchio di una capitalizzazione di 319,4 miliardi di dollari, contro i 172,4 miliardi di Google.. Sticazzi!

Notevole anche il balzo in avanti di Facebook, che debutta nella top 100 direttamente al 35esimo posto con un clamoroso +246%.
Interessante il crollo di Nintendo, che perde il 37% passando dalla posizione 32 alla numero 79, mentre Microsoft perde una posizione facendosi sorpassare da McDonald’s, ora quarto.

Lascio a voi ogni altra elucubrazione, qui per consultare il rapporto completo del 2011, qua invece quello del 2010. Vi lascio in approfondimento la classifica video. Engiòi!

[more]

[/more]

via

Facebook: si sta formando una class action europea
Facebook: si sta formando una class action europea
Apple, 200 milioni per il rimboschimento
Apple, 200 milioni per il rimboschimento
Facebook ha investito 23 milioni per la sicurezza di Zuckerberg
Facebook ha investito 23 milioni per la sicurezza di Zuckerberg
Google, dipendenti e azionisti chiedono un cambiamento
Google, dipendenti e azionisti chiedono un cambiamento
Apple porta in tribunale un ex-dipendente spifferone
Apple porta in tribunale un ex-dipendente spifferone
Microsoft sfida Google e le chiede di pagare il giornalismo
Microsoft sfida Google e le chiede di pagare il giornalismo
Disinformazione e COVID-19: meglio affidarsi a TV e stampa tradizionale
Disinformazione e COVID-19: meglio affidarsi a TV e stampa tradizionale