Biblioteca robotizzata #LegaNerd
di
yudoit
3

Robots Retrieve Books in University of Chicago’s New, Futuristic Library

Se Google Libri fosse un luogo fisico, invece di un servizio web, sarebbe stata molto come la nuova biblioteca dell’Università di Chicago.

La Biblioteca di Joe Mansueto e Rika, aprirà la prossima settimana, è concepita per ospitare il modo di studio e di ricerca di oggi – online. La struttura offre ampi spazi per lavorare al computer e non ha librerie tradizionali.

Invece, la biblioteca vanta una vasta area di stoccaggio sotterraneo di sharing di 3.500.000 volumi sugli scaffali di 50 piedi di altezza. La raccolta è gestita da sistemi robotici che consentono di creare un ambiente in cui gli studiosi possono setacciare la rete per ore per testi accademici ed in più risparmiano la fatica di estrarre i volumi dalle pile.

Con l’aumento della diffusione di libri e giornali facilmente accessibili on line, è facile chiedersi se le biblioteche di mattoni e malta potrebbero fare la fine dei negozi di video. La ricerca presso l’università ha dimostrato che più la gente guarda alle risorse digitali, più si consultano i materiali fisici e, secondo Judith Nadler, direttore della University of Chicago Library, “Per gli studiosi, i due formati si completano a vicenda, aprendo le porte a una nuova era nella ricerca – e le nuove librerie saranno progettate per fare un miglior uso della stampa e delle opzioni digitali”.
Nadler ha fatto le affermazioni in un messaggio e-mail a Wired.com annunciando la prossima apertura della biblioteca.

La cupola della nuova biblioteca di Ateneo dispone di 700 pannelli di vetro.
Mostra Approfondimento ∨

Video:
Mostra Approfondimento ∨

Progettata dall’architetto Helmut Jahn e coperta con 700 pannelli di vetro, la biblioteca si presenta come un uovo di cristallo Fabergé mezzo sepolto dall’esterno. Sotto la cupola si trova la stanza di 8.000 metri quadrati della biblioteca di lettura principale.

Tutti i libri possono essere richiesti on-line, poi tratti in superficie da un sistema di recupero automatico che tiene traccia di ogni volume tramite codici a barre. (Il video seguente spiega il processo.)

La sala di lettura della biblioteca apre Lunedi. L’università spera di avere in tempo tutti i materiali stampati spostati nella zona di stoccaggio sotterraneo.

La costruzione della Biblioteca Mansueto, che prende il nome grazie ad un omaggio di $ 25 milioni di Morningstar CEO (e UChicago allume) Joe Mansueto e sua moglie, è iniziata nell’autunno del 2008. La compattezza dell’impianto di stoccaggio sotterraneo attraverso i volumi della biblioteca richiede un settimo dello spazio che quei libri stessi avrebbero bisogno sugli scaffali tradizionali, non diversamente dallo spazio sugli scaffali salvato dal mantenere gli e-book sui server di Google.

Tutti i mezzi che la tecnologia offre agli studiosi in biblioteca non dovrà temere la frase “Alcune pagine sono state omesse da questa anteprima del libro”, o aspettare un paio di ore nella loro attività di ricerca solo per scoprire che un libro chiave che stanno cercando non è digitalmente disponibile.

Anche se molte università e biblioteche, tra cui l’Università di Chicago, hanno offerto le loro collezioni per la scansione e catalogazione attraverso la Google Books Library Project, i diritti d’autore impediscono a molti volumi di essere pubblicati in full-text online, lasciando un sacco di informazioni intrappolate sulla carta.

“I sondaggi hanno stimato che circa l’80 per cento delle aziende bibliotecarie di ricerca tipiche non sono di dominio pubblico, il che spesso significa che progetti come Google Books non posso condividere questi volumi nella loro interezza”, ha detto Nadler.

Fino a che tutto il sapere del mondo non è veramente in rete, alcuni studenti e ricercatori fortunati nella zona di Chicago saranno in grado di accedere al meglio dei due mondi digitali e fisici presso la Biblioteca Mansueto.

E potrebbe essere solo la prima biblioteca del futuro.

Via Wired

yudoit

I did enough, i like now yudo.it Autodidatta forzato dai tempi in cui c'era da chiedere solo ai libri, lettore forzato dalla professione di tipografo e sviluppatore forzato dalla necessità di vedere funzionare le proprie idee. Illustratore ad aerografo.
Aree Tematiche
Libri Stati Uniti Tecnologie
Tag
giovedì 12 maggio 2011 - 21:33
Edit

Lega Nerd Podcast

Lega Nerd Live

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd