Sony risponde al Congresso degli USA e punta il dito verso Anonymous

12 anni fa

La Sony ha risposto all’interrogazione fatta dal Congresso degli Stati Uniti dicendo fondamentalmente che si, tutti i 77 milioni di account del PlayStation Network sono stati “compromessi” (copiati, violati, mettetela come vi pare) e che no, non hanno nessuna prova, nessun indizio e non sanno neanche cosa esattamente sia stato copiato di quegli account (solo gli user/pass? anche le carte di credito?).

La novità è che Sony ha detto di aver trovato sul “luogo del delitto” un file dal nome “Anonymous” con al suo interno unicamente la frase “We are Legion”.

OOOOOH! finalmente! dopo una prima smentita che ho già criticato giorni fa allora finalmente viene fuori che chi è stato a distruggere l’immagine di Sony è stata effettivamente Anonymous! e allora non sono solo bravi ad affittare una botfarm cinese per fare dei DDOS da bimbiminchia! un po’ di congruenza finalmente con l’immagine da Black Hat che si sono dati.

La risposta ufficiale di Anonymous non mi è però piaciuta come al solito:

”Anonymous non ha mai partecipato ad operazioni che coinvolgessero il furto di carte di credito”.

Poletichese paraculo che non serve a nessuno secondo me, avrebbero dovuto semplicemente rispondere:

Siamo stati noi, ma non abbiamo rubato le carte di credito, vi abbiamo solo sputtanato davanti al mondo intero.

Un punto in più per gli hacker di Anonymous, dieci punti in meno per chi ne segue l’immagine e la comunicazione.

via

USA, gli hacker che hanno colpito la Florida hanno avuto vita facile
USA, gli hacker che hanno colpito la Florida hanno avuto vita facile
Lockdown effect: una persona su 5 ha comprato la sua prima console durante la pandemia
Lockdown effect: una persona su 5 ha comprato la sua prima console durante la pandemia
Intervista all'insolito nerd Salvatore Esposito
Intervista all'insolito nerd Salvatore Esposito
Trafugati i dati personali di oltre 20000 agenti FBI
Trafugati i dati personali di oltre 20000 agenti FBI
La Million Mask March e gli introiti di Warner Bros
La Million Mask March e gli introiti di Warner Bros
E3 2015: Sony
E3 2015: Sony
Sony brevetta la pubblicità in-game
Sony brevetta la pubblicità in-game

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.