Distopìa #LegaNerd
5

Oggi, come è già stato accennato pochi post fa, è la Giornata Mondiale del Libro, pertanto mi sono preso la libertà di scrivere questo articolo piuttosto personale e celebrativo riguardante uno dei miei generi letterari preferiti, ovvero quello distopico.

Innanzitutto una definizione.
Per Distopìa si intende, specialmente nella narrativa, una società indesiderabile e sgradevole sotto ogni punto di vista. Praticamente una distopìa è l’esatto opposto di un’utopia, con l’unica differenza che la prima è una condizione realizzabile, a differenza della seconda.

Nelle opere letterarie si presenta spesso una ipotetica società ambientata in un futuro prossimo, nella quale i vari aspetti non desiderabili della società stessa sono portati agli estremi. Va però ricordato che questi racconti non scaturiscono solamente dalla fantasia sfrenata dell’autore, ma anche da una sua critica personale alla società attuale. Pertanto i testi distopici possono essere considerati come satire e critiche rivolte alla società moderna (ai tempi dell’autore chiaramente).

È proprio questo basarsi sulla società umana, almeno a mio avviso, a rendere un romanzo distopìco particolarmente angosciante come neanche il miglior libro di Stephen King è in grado di fare. L’autore prende le sue personali idee riguardanti determinati aspetti della società, le sfrutta per creare un ambiente che a lui personalmente sarebbe totalmente ostico (come al protagonista dell’opera) e porta alle estreme conseguenze le manifestazioni di questi aspetti.
I generi prevalenti pertanto risultano essere la fantascienza post apocalittica e la fantapolitica, anche se sono comunque presenti altri generi e altre tematiche.

Sono innumerevoli le opere basate su questo genere, anche in campi diversi da quello letterario, cosa che però non ho intenzione di fare, dato che lo scopo del post era condividere con voi i due testi che a mio avviso rappresentano in maniera eccezionale questo tipo di narrativa.
Grazie alla tanto odiata wikipedia (devo ancora capire perché, tra l’altro) vi posso comunque fornire delle interessanti liste riguardanti:
Letteratura
Fumetti
Cinema
Musica, serie TV e giochi

Come dicevo poco fa lo scopo del post è (oltre al fornire una piccola descrizione del genere distopico) condividere con voi i due testi che più mi hanno colpito.

George Orwell – 1984
Mostra Approfondimento ∨

William Golding – Lord of the Flies
Mostra Approfondimento ∨

Spero di non avervi annoiato troppo, specialmente con le mie interpretazioni dei due testi e, nel caso, vi auguro buona lettura!

Aree Tematiche
Libri
Tag
sabato 23 aprile 2011 - 16:16
Edit

Lega Nerd Podcast

Lega Nerd Live

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd