Egobook

11 anni fa

Stampare un libro per conservare tutto ciò che si è pubblicato sulla propria pagina di Facebook. E’ la nuova possibilità offerta agli utenti dal social network di Mark Zuckerberg.

Egobook, questo il nome dell’applicazione, consente di stampare un vero e proprio libro compreso di copertina con la propria fotografia e, sullo sfondo, un mosaico di foto prese dai profili dei propri amici.

Facebook consente anche di confezionare, a sorpresa, il libro per un amico con le attività da lui svolte sul social network, sempre che la ‘bacheca’ della persona in questione non sia protetta dalle impostazioni di privacy.

Il libro, pubblicato nella lingua usata dall’utente, arriva a casa entro 48 ore dal momento della richiesta e ha un prezzo base di 29 dollari (20,40 euro) che può però variare a seconda del numero di pagine.

Per ora non sono disponibili i caratteri orientali o arabi.

L’applicazione la potete trovare, ovviamente su Facebook, a questo indirizzo.

Non vorrei fare commenti, ma a chi potrebbe mai interessare una cosa così? :-/

Via www.adnkronos.com
Fonte Facebook

Meta fermerà le pubblicità che prendono in considerazione argomenti sensibili
Meta fermerà le pubblicità che prendono in considerazione argomenti sensibili
Meta: Facebook ha usato il nome di una compagnia già esistente, che ora vuole 20 milioni di dollari per la cessione
Meta: Facebook ha usato il nome di una compagnia già esistente, che ora vuole 20 milioni di dollari per la cessione
Facebook cambia ufficialmente nome, si chiamerà Meta
Facebook cambia ufficialmente nome, si chiamerà Meta
Facebook: Zuckerberg potrebbe ancora non aver scelto il nuovo nome
Facebook: Zuckerberg potrebbe ancora non aver scelto il nuovo nome
Facebook Gaming introduce ufficialmente il co-streaming
Facebook Gaming introduce ufficialmente il co-streaming
Cosa è successo a Facebook? (e a Whatsapp, Instagram, Oculus...)
Cosa è successo a Facebook? (e a Whatsapp, Instagram, Oculus...)
Il Metaverso: il dopo Internet auspicato da Mark Zuckerberg
Il Metaverso: il dopo Internet auspicato da Mark Zuckerberg