L'Eureka di Archimede #LegaNerd
di
abbo
5

Con il termine Serendipity si indica quel fenomeno che si verifica quando, durante una ricerca, si scopre qualcosa di inaspettato, che non ha assolutamente niente a che vedere con quello che si stava realmente cercando.

Ecco una definizione ironica, ma efficace, di cosa è la serendipity:

”La serendipity è cercare un ago in un pagliaio e trovarci la figlia del contadino.”
-Julius H. Comroe, ricercatore biomedico

Con il passare del tempo l’uso di questa parola è stato ampliato di molto e oggi possiamo sentirla nominare in contesti molto differenti l’uno dall’altro: si va dalla ricerca scientifica, in cui il termine è utilizzato in modo appropriato, alla banale psicologia-del-senso-comune (anche detta Folk-psychology), nella quale un’intuizione colta quando si stava pensando ad altro viene erroneamente definita serendipica (con confusionari rimandi alla teoria dell’Insight della scuola psicologica della Gestalt); c’è perfino chi ha provato a catalogare i filosofi in “sistematici” da una parte e “serendipici” dall’altra.. e la lista di sfondoni potrebbe continuare.

In questa rubrica parlerò del fenomeno della serendipity solo nella sua accezione primaria (che volete? sono uno all’antica), approfondendo di volta in volta una delle millanta scoperte alle quali si è pervenuti “per caso”.

Mostra Approfondimento ∨

Essendo questa la presentazione della rubrica mi pare già abbastanza lunga e quindi non vi annoierò oltre con un articolo lungo un chilometro su come si è arrivati alla scoperta dei neuroni-specchio (quelli sono per la seconda puntata!).

Mi limiterò ad una curiosità.

L'Eureka di Archimede.
Per chi ancora non ne conoscesse l’origine vi racconto io come andò (o meglio, come la leggenda vuole che andò) la storia: Gerone II (re di Siracusa) commissionò una corona d’oro ad un orafo ma, quando questi gli consegnò il manufatto, il sovrano sospettò che parte dell’oro affidata all’artigiano fosse stata sostituita con un ferro di ugual peso ma ovviamente di minor pregio. Gerone II allora convocò Archimede e gli ordinò di scoprire se la corona era effettivamente piena d’oro o se, al suo interno, era stato collocato metallo di scarso valore. Il tutto senza danneggiare la corona! (perché nel caso in cui fosse stata davvero d’oro puro l’avrebbe irrimediabilmente rovinata). Archimede stette giorni e giorni a pensare ad un metodo per riuscire nell’impresa e l’idea gli venne quando, immergendosi nella vasca piena d’acqua della sua casa, capì che un corpo immerso in un liquido ottiene una spinta uguale e contraria proporzionale al peso del volume del liquido spostato (anche noto come “Principio di Archimede”). Così capì che immergendo in un liquido una bilancia a bracci che da una parte avesse la corona e dall’altra un pari volume d’oro massiccio avrebbe potuto verificare la qualità della corona: se la bilancia stava in equilibrio essa sarebbe stata d’oro puro, altrimenti Gerone II avrebbe avuto ragione dei suoi sospetti.

ps: secondo voi questo è un esempio buono o no dell’utilizzo del concetto di serendipity? E la leggendaria mela che cadde in testa a Newton, lo è?

Risposte:
1) No. 2) Nemmeno.

[Serendipity] è la rubrica a cura di @abbo che si occupa di scoperte accidentali.

abbo

Era chiaramente un uomo dalle molte qualità, anche se per lo più cattive. [D.N.A.] La matematica non si capisce: alla matematica ci si abitua. [John Von Neumann]
Aree Tematiche
Filosofia Scienze
Tag
mercoledì 6 aprile 2011 - 17:04
Edit

Lega Nerd Podcast

Lega Nerd Live

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd