Verso la 4G delle reti

10 anni fa

La IEEE (Institute of Electrical and Electronics Engineers) ha da poco dato il suo consenso allo standard 802.16m o conosciuto anche come WiMax2, che potrebbe raggiungere un downstream (velocità di trasferimento dei dati dal server verso il client) di 300Mbps.

Attualmente parte sfavorito perchè la maggior parte di “vettori” che si sono impegnati a costruire il cosiddetto 4G, hanno scelto lo standard LTE (Long-Term Evolution) o Super 3G, che condivide alcune caratteristiche di fondo con il WiMax, ma proviene dal corpo di un diverso standard.

Al CEATAC di Tokyo dell’anno scorso, Samsung ha dimostrato un pre-standard 802.16m che ha raggiunto una velocità di 330Mbps. Può utilizzare diverse tecniche per superare le attuali prestazioni del WiMAX, tra cui MIMO (multiple-in, multiple-out), tecnologia per l’invio di più di un flusso di dati. Può essere utilizzato anche con stazioni di base piccole chiamate femtocelle e/o reti di auto-organizzazione, secondo la IEEE. Il nuovo standard ovviamente è compatibile con il WiMax attuale.

Fonti e more info:
ComputerWorld
Engadget
Networkworld

(nel luglio del 2013) Il governo italiano ha finalmente liberalizzato il Wi-Fi
(nel luglio del 2013) Il governo italiano ha finalmente liberalizzato il Wi-Fi
Apple pubblica la lista di ciò che Samsung non deve fare
Apple pubblica la lista di ciò che Samsung non deve fare
Steve Jobs si incazzò parecchio alla nascita di Android
Steve Jobs si incazzò parecchio alla nascita di Android
L'iPad domina e gli altri stanno a guardare.
L'iPad domina e gli altri stanno a guardare.
iPhone 4s? Non in Italia
iPhone 4s? Non in Italia
I primi dieci produttori mondiali di Smartphone nel 2011
I primi dieci produttori mondiali di Smartphone nel 2011
Iniziativa Wi-Fi a Bologna
Iniziativa Wi-Fi a Bologna