SELECT

Mod: a way of life

Zed
2
21 Novembre 2010


Come penso vi sarete accorti (ma allora vuol dire che ne conoscete la storia) i Mod sono sempre di moda (scusate il teribbile gioco di parole): se ci pensate è notevole che un fenomeno giovanile nato cinquant’anni continui a fare presa sui giovani.

I Mod, abbreviazione di Modernist, sono apparsi nella Londra del dopoguerra come reazione alla povertà, morale e materiale, in cui i molti giovani proletari si trovavano a vivere nella squallide periferie industriali inglesi.

Questa “reazione” si è manifestata in una estetica ricercata, ispirata dapprima agli esistenzialisti francesi (Juliette Greco, Jean Paul Sartre, Simone de Beauvoir) sublimata quindi nel look ripreso dalle prestigiose e borghesi università americane della Ivy League: un’eleganza ricercata fatta abiti aderenti, cappelli Borsalino, giacche corte, cravattine sottili, Wayfarer neri, poi diventata un po’ esibizionista (giacche con la Union Jack, Lambrette e Vespe ricoperte di dozzine tra specchietti retrovisori e fari supplementari, dei veri alberi di Natale) ma sempre caratterizzate da pulizia ed eleganza, a rappresentare il desiderio di riscatto sociale, talvolta dai tratti quasi effeminati (l’eyeliner era consentito per i maschi).

Spoiler

Tutto questo in contrapposizione col machismo del fenomeno giovanile antagonista, i rocker, seguito poi dagli ancora più estremi punk.

I Mod negli anni ’60 e ’70 diventano un fenomeno diffuso, organizzato, nascono vere e proprie gang, locali per ritrovarsi e suonare la musica preferita (jazz, R&B, soul e ska), gruppi musicali (Who, Kinks, Small Faces, Jam etc), il look si codifica e si diffonde fuori dal Regno Unito (con quel fenomeno musicale poi definito come la British Invasion degli anni ’60) e lo stemma della RAF ne diventa la bandiera.

Gli epici scontri tra Mod e Rocker hanno ispirato una delle più importanti opere rock della storia, Quadrophenia degli Who, portata poi sul grande schermo dall’epico, imperdibile film col giovanissimo Sting ambientato in una Brighton favolosa.

Spoiler

Oggi, probabilmente, l’aspetto di rivalsa sociale si è perso, ma dopo Madness, Bowie e Paul Weller, nuove star della musica hanno riproposto e rielaborato il look Mod, vedi Liam Gallagher, Pete Doherty o i Franz Ferdinand per fare qualche esempio.
Spoiler

Recentemente è uscito un libro, Mod: vita pulita in circostanze difficili, di Terry Rawlings, che ripercorre la storia e l’evoluzione di uno dei fenomeni giovanili secondo me più stiloso e affascinante.

Spoiler

Per info e prenotazioni: ItaliaMod, un portale italiano al movimento.

Zed

Vic20, ZX Spectrum 48K, Commodore 64, Commodore 128, IBM PC (processore 8088, 4.77MHz). Poi sono diventato un Bot.
Aree Tematiche
Cinema Cultura Libri Select
Tag
domenica 21 novembre 2010 - 10:30
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd