La malaria proviene dal gorilla

11 anni fa

La malaria, o meglio l’agente eziologico: il Plasmodium falciparum, deriva da un’evoluzione del plasmodio del gorilla, e non da quello trovato tempo fa nello scimpanzè (P. reichenowi).

Beatrice Hahn e colleghi della University of Alabama di Birmingham hanno analizzato il DNA di Plasmodium da 2500 campioni di feci di gorilla dell’est, ovest, bonobo e scimpanzè. Dagli studi è emerso che il predecessore comune sia del plasmodio dell’uomo che di quello dello scimpanzè è la specie che infetta i gorilla dell’ovest.

Comprendere l’evoluzione delle interazioni ospite-parassita e come una malattia passa da animale a uomo è molto importante per poter meglio combatterle e prevedere nuove epidemie.

Fonte: ScienceNews.
Immagine: wiki (quel gorilla sembra, e probabilmente è, molto più intelligente di certi politici)

Il DNA degli animali si può ora tracciare anche dall'aria
Il DNA degli animali si può ora tracciare anche dall'aria
Balene e delfini sono contro ogni logica super-resistenti ai tumori
Balene e delfini sono contro ogni logica super-resistenti ai tumori
I gorilla dello zoo di San Diego si sono ammalati di Covid
I gorilla dello zoo di San Diego si sono ammalati di Covid
Gufi: è il DNA che gli dà un potente vantaggio visivo nell'oscurità
Gufi: è il DNA che gli dà un potente vantaggio visivo nell'oscurità
Talpe: le femmine sviluppano testicoli per aumentare la resistenza
Talpe: le femmine sviluppano testicoli per aumentare la resistenza
Uccelli: scovato esemplare metà maschio e metà femmina
Uccelli: scovato esemplare metà maschio e metà femmina
La teoria dell'ambra di Jurassic Park: finzione o realtà?
La teoria dell'ambra di Jurassic Park: finzione o realtà?