Elon Musk lancia Neuralink per collegare cervello e I.A. #LegaNerd

Dopo Tesla e SpaceX, Elon Musk fonda Neuralink, una nuova azienda che studierà come coniugare il cervello umano con l’intelligenza artificiale.

Musk ha lasciato intendere l’esistenza di Neuralink un paio di volte nel corso degli ultimi sei mesi. L’azienda, che è ancora nelle prime fasi di esistenza e non è presente pubblicamente da nessuna parte, è incentrata sulla creazione di dispositivi che possono essere impiantati nel cervello umano, con l’eventuale scopo di aiutare gli esseri umani a “fondersi” con i software e e stare al passo con i progressi fatti in intelligenza artificiale.

Questi impianti porterebbero l’essere umano a non rimanere mai indietro rispetto alle intelligenze artificiali, a migliorare la memoria o consentire l’interfacciamento più diretto con i dispositivi informatici.

Recentemente, Musk ha dichiarato a Dubai:

Nel tempo penso che ci sarà possibilità di vedere una fusione tra intelligenza biologica e intelligenza digitale. il problema maggiore è sulla larghezza di banda, la velocità della connessione tra il cervello e il versione digitale di te stesso, soprattutto in uscita.

 

Questi tipi di interfacce cervello-computer , nella attuale medicina sono utilizzati per migliorare gli effetti del morbo di Parkinson, l’epilessia, e altre malattie neuro degenerative.

Questi tipi di interfacce cervello-computer , nella attuale medicina sono utilizzati per migliorare gli effetti del morbo di Parkinson, l’epilessia, e altre malattie neuro degenerative. Tuttavia, poche persone al mondo hanno impianti complessi posizionati all’interno dei loro crani, mentre il numero di pazienti con semplici dispositivi stimolanti solo decine di migliaia. Questo perché è incredibilmente pericoloso e invasivo operare sul cervello umano, e solo i pazienti che hanno esaurito ogni altra opzione scelgono di sottoporsi a tale intervento chirurgico come ultima risorsa.

Gli ostacoli nello sviluppo di questo tipo di tecnologie sono moltissimi. I ricercatori neuroscientifici dicono che abbiamo una comprensione molto limitata su come i neuroni nel cervello umano comunicano, ed i nostri metodi per la raccolta dei sono ancora rudimentale. Poi c’è il problema della carenza di volontari disposti ad avere chip elettronici posti all’interno delle proprie teste.

 

Aree Tematiche
Medicina Scienze Tecnologie
Tag
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd