Nanowire, la nuova generazione di batterie #LegaNerd
/
2

La scoperta arriva dall’Università della California grazie alla brillante idea di uan dottoranda che, quasi per gioco, ha provato un nuovo modo di stabilizzare le batteria a nanowire. Questa promettente tecnologia non è nuova, ma prima di oggi aveva qualche problemino…

I nanowire sono dei fili il cui diametro è di qualche nanometro

Le batteria a nanowire è una nuova tecnologia in fase di sviluppo che si basa sull’aumento della superficie degli elettrodi grazie all’uso di fili di dimensioni nanometriche (nanowire). I nanowire sono dei fili il cui diametro è di qualche nanometro (0,000000001 metri)  mentre la lunghezza è di diversi ordini di grandezza superiore. Le caratteristiche di questi fili sono molto interessanti perché, con queste dimensioni ridotte, mostrano una conduzione a livelli discreti, un po’ come avviene con il concetto di “quanto” in meccanica quantistica.

 

Una batteria è un dispositivo elettrochimico in grado di convertire l’energia chimica accumulata in energia elettrica. Si basa su due elettrodi, un anodo e un catodo, sui quali avvengono le trasformazioni chimiche che portano alla formazione di corrente. Quando la batteria viene ricaricata il processo si inverte riformando i reagenti di partenza. Durante questi cicli si formano reazioni indesiderate che, a lungo andare, rovinano gli elettrodi e rendono i cicli di carica e scarica sempre meno efficienti.

 

 

una batteria a nanowire è in grado di essere ricaricata centinaia di migliaia di volte

In buona sostanza una batteria a nanowire è in grado di essere ricaricata centinaia di migliaia di volte, molto più di una comune batteria a litio e quindi permette di rendere la vita dei più diffusi accumulatori di corrente virtualmente infinita. Basti pensare a quanta tecnologia buttiamo perché la batteria si scarica troppo in fretta per capire l’importanza di questa tecnologia.

 

Attualmente i cicli per le batterie al litio sono solo circa 1200

L’uso commerciale dei nanowire però è impedito dalla loro fragilità. Anche se virtualmente permettono ricariche pressoché illimitate, il loro spessore li rende estremamente fragili rendendo impossibile qualsiasi applicazione commerciale. Questo era vero fino a che una dottoranda dell’Università della California, giocando con dei nanowire, ha scoperto che, impregnandoli in una matrice plastica, è possibile conferire loro una notevole stabilità nel tempo.

 

 

Grazie a questa scoperta quasi casuale,

Mya Le Thai, è riuscito a ciclare un elettrodo di prova oltre 200.000 volte senza notare perdite di efficienza.

Questa ricerca dimostra che le batteria a nanowire possono essere una valida alternativa per gli accumulatori del futuro e che forse, un giorno non troppo lontano, il deterioramento della batteria non sarà più uno dei problemi maggiori delle tecnologie commerciali.

 

 

Aree Tematiche
Chimica News Scienze
Tag
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd