Se sei uno di noi:
ajax-loader
18 Avatar di Squitty Squitty

Dawn of the Planet of the Apes

In uscita a fine luglio il sequel di Rise of the planets of the apes, film che peraltro mi era piaciuto assai.

Non ci sarà più nel cast il bravo James Franco, mentre è confermato  Andy Serkis cui si affiancano Jason Clarke, Gary Oldman, Toby Kebbell, Kodi Smit-McPhee, Enrique Murciano, Kirk Acevedo e Judy Greer.

La pellicola è ambientata 10 anni dopo i fatti del primo capitolo.

La pellicola è ambientata 10 anni dopo i fatti del primo capitolo, dopo che sulla terra si è riusciti a stabilire una faticosa tregua tra uomo e animale.

Purtroppo la pace sembra essere destinata a finire ben presto e, come in passato una nuova battaglia è pronta a scoppiare sempre per mano (anche se sarebbe meglio dire zampa) di Cesare.

dawn-of-the-planet-of-the-apes

A firmare il sequel del reboot della saga fantascientifica più catastrofica di sempre non troviamo più Rupert Wyatt bensì Matt Reeves, autore di Cloverfield, che dovrebbe essere piuttosto ferrato in materia.

Da indiscrezioni pare che l’abbandono di Franco sia dovuto proprio a divergenze sulla scelta del regista e sulla sceneggiatura… speriamo bene.

In Italia arriverà con l’agghiacciante titolo “Il pianeta delle scimmie: revolution”… a voi il trailer:

 

Condividi questo Articolo:
Send to Kindle
Aree Tematiche Articolo:
Cinema Creatività Entertainment
Tag Articolo:
Andy Serkis cui si affiancano Jason Clarke
Enrique Murciano
Kirk Acevedo e Judy Greer
Kodi Smit-McPhee
Rise of the planets of the apes
Toby Kebbell
Loggati

12 Commenti

  1. Avatar di wizardark wizardark 20/12/2013 13:14

    perchè cambiare i titoli dei film, PERCHE’!?!?!?

    • Avatar di Sax Sax 20/12/2013 13:51

      Perchè sono dei geni, nel 2011 “Rise of the Planet of the Apes” l’hanno tradotto “L’alba del pianeta delle scimmie” (invece di un più sensato: “L’origine del Pianeta delle scimmie”), poi arriva il sequel e si chiama “Dawn of the Planet of the Apes”… :iani_facepalm:
      lo stesso nome non lo potevano usare, certo che un titolo meno stupido lo potevano trovare.

      • Avatar di Sax Sax 20/12/2013 13:54

        Reply Fail, aveva già risposto Itomi :iani_bang:

    • Avatar di alopower alopower 23/12/2013 15:06

      A sto punto era meglio “Il pianeta delle scimmie TERMINATOR!”

  2. Avatar di itomi itomi 20/12/2013 13:36

    2011 -> Rise of the planet of the apes > L’Alba del pianeta delle scimmie.
    2014 -> Dawn of the planet of the apes > DOH!

    Sono rimasti fottuti dalla loro stessa ignoranza.

  3. Avatar di wizardark wizardark 20/12/2013 13:58

    No ok questo l’avevo capito, la mia era più una infervorazione generica data dal fatto di voler “italianizzare” per forza i titoli dei film ;)

    • Avatar di itomi itomi 20/12/2013 14:09

      Perché ci sono ancora gli stessi dirigenti di trent’anni fa, quando proporre titoli in inglese voleva dire vendere meno biglietti.

      • Avatar di Devanac Devanac 21/12/2013 09:16

        Chi ama i film di arti marziali di qualche decennio fa sa bene di cosa parli. Il nome Bruce Lee lo infilavano ovunque e i termini karate e kung fu venivano utilizzati come sinonimi. Uno scempio. :rofl:

  4. avatar jacopino 20/12/2013 14:48

    più che sequel del reboot sarebbe un sequel del prequel del remake… se ammettiamo ci sia un legame col remake uscito una decina di anni fa. ma mi pare, per dirne una, che le grafiche delle locandine siano le stesse

    • Avatar di SebastianBleach SebastianBleach 21/12/2013 18:09

      “Il pianeta delle scimmie” del 2001 di Tim Burton non credo che sia collegato a questo. Se non ricordo male lì Cesare era una della varie scimmie usate come cavie su una astronave. L’astronauta protagonista per non so quale problema arrivava sul pinaneta (che non era la Terra) millenni dopo la nave madre, e durante questo periodo Cesare aveva dato il via alla civiltà delle scimmie.
      Credo che questo reboot sia più vicino alla saga originale.

    • Avatar di Squitty Squitty 24/12/2013 08:18

      @jacopino e @SebastianBleach La versione di Burton (per fortuna) non c’entra nulla. Ne “L’alba”, quando James Franco va a fare colazione in cucina, al notiziario della TV stanno trasmettendo un servizio su una missione spaziale esplorativa. Si tratta dell’equipaggio di cui faceva parte Charlton Eston e che finisce con l’atterrare sulla terra nel primo film della serie, il vero e originale capostipite.
      Questo ciclo di pellicole si inserisce nella continuity dell’originale cercando di spiegare cosa è accaduto sulla Terra intanto che gli astronauti del primo film erano in giro per lo spazio.

Lascia un Commento

Devi essere loggato per inviare un commento.

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd