Se sei uno di noi:
ajax-loader
1 Avatar di StePhano StePhano
2
Tempo di Lettura in Minuti

Orfani - 002

Iniziamo con un fatto che forse non vi interessa non sapete: TEX è il fumetto più venduto del mondo.

Eh si, quel ranger dall’aspetto un po’ retrò, che esclama “Satanassi e tizzoni d’inferno” ignorando di essere letto nel 2013, vende più copie di Batman negli Stati Uniti; e mica poche! 200mila contro circa 130mila.

I giovani stanno sempre di più abbandonando il fumetto come forma di entertaining, in favore di TV e videogames.

Lo stato di salute della Bonelli insomma sembra non essere poi tanto male: ma siccome ogni brava azienda che si rispetti cerca di elaborare piani a lungo termine, ecco che in via Ripamonti si sono accorti che i ragazzini i giovani stanno sempre di più abbandonando il fumetto come forma di entertaining, in favore – com’è facile immaginare – di TV e videogames.

Orfani” è la nuova serie di fumetti Bonelli che si ripropone di riprendersi questa fascia di pubblico rubandola – almeno per una mezz’oretta – alla Playstation.

Orfani - 003
Autori
  • Roberto Recchioni
  • Emiliano Mammucari
Editore Sergio Bonelli Editore
1ª edizione Ottobre 2013 – Settembre 2014
Periodicità Mensile
Rilegatura Brossurato
Pagine 94
Genere
  • Fantascienza
  • Militare
  • Avventura
via Wikipedia

La cosa che mi ha colpito dell’operazione – oltre alla serie in sè – è il progetto completamente nuovo per un’azienda che opera ormai da anni nel mercato del fumetto, senza aver quasi mai subìto cambiamenti radicali (l’ultimo probabilmente fu Dylan Dog).

Si è sempre privilegiato il bianco e nero, per esempio; il colore rappresentava il festeggiamento per le occasioni speciali.

“Orfani” è invece completamente a colori, piccola grande concessione verso la spettacolarità. Spettacolari e vagamente “videoludiche” anche le tavole, ricche di azione e di “effetti”, quasi come fermoimmagini di un film sci-fi.

Si strizza l’occhio anche alla TV: l’opera è pensata come una serie di due stagioni, con un numero finito di albi. Continuerà o meno in base alle vendite.

Novità per la Bonelli anche il tamtam sui social network e sui siti specializzati. Diverse interviste e featurette sono state pubblicate per anticipare l’uscita del numero 1. Una pagina Facebook molto attiva raccoglie al momento più di 4000 like. Un’anteprima molto ghiotta è stata rilasciata gratuitamente.

orfani-head-mammucari-recchioni

Tutto ciò mettendo sul piatto la cifra record di tre milioni di euro.

Grande apprezzamento dunque per la lungimiranza e anche per il coraggio.

Viene da chiedersi però come mai in Italia non sia ancora arrivato un vero editore di fumetti digitali.

Viene da chiedersi però come mai in Italia non sia ancora arrivato un vero editore di fumetti digitali. Comprare fumetti italiani da leggere sul proprio tablet, in un formato decente e comodo da “sfogliare”, sembra impresa assai ardua; Comixology pubblica solo per il mercato americano. Panini Digits ha incredibilmente chiuso. Altri? Non pervenuti.

Orfani - 004

Può un genere, un’arte come il fumetto sopravvivere alla rivoluzione digitale, alla velocità dei videogiochi, all’immediatezza delle serie TV, ai popcorn movie?

Davvero si vuole attirare un nuovo pubblico, un pubblico giovane, un pubblico di nativi digitali, facendoli andare in edicola a comprarsi il giornalino (come lo chiamerebbe mia nonna) quando ormai è abituato a scaricarsi da internet qualsiasi cosa?

 

Scarica gratis il numero zero di Orfani: Download (pdf)
Condividi questo Articolo:
Send to Kindle
Aree Tematiche Articolo:
Entertainment Fumetti Tecnologie
Tag Articolo:
Digital Distribution
Panini Digits
Loggati

80 Commenti

  1. Avatar di Tommaso Tommaso 18/10/2013 11:03

    Sarà che non ho un Kindle o altri tablet e che comunque amo la sensazione della carta tra le dita e il suo profumo, ma ad esempio, a leggere al computer io non ce la faccio. È noiso, scomodo e dopo un po’ gli occhi mi salutano e se ne vanno per i cavoli loro.
    Detto questo, potrebbero forse in futuro pensarci a fare la versione eBook, anzi, mi pare che ci siano già fumetti italiani che danno questa possibilità…

    In sostanza, io non smetterò mai di preferire la carta allo schermo.

    • Avatar di dkdib dkdib 18/10/2013 11:25

      È una questione di target: vogliono/vorrebbero attirare un mercato che invece si trova perfettamente a suo agio con smartphone e tablet, per cui una versione digitale dovrebbe essere d’obbligo.

    • Avatar di Nicholas | Nè Nicholas | Nè 18/10/2013 11:36

      Pdv, io leggo un sacco di fumetti sul tablet, non è il top come qualità ma ha un sacco di vantaggi, tipo che ne tiene centinaia e che posso procurarmi qualunque fumetto in qualunque momento e a un costo molto più accessibile del cartaceo.

    • Avatar di Komat Komat 18/10/2013 15:25

      Anch’io non sostituirei mai la lettura su carta con la lettura su PC, ma con quella su tablet (riviste, PDF e fumetti a colori) eBook (narrativa e bianco e nero con pagine più piccole) l’ho fatto e sono pienamente soddisfatto…

  2. Avatar di Arjuna Arjuna 18/10/2013 11:06

    La Bonelli ci ricorda perchè è l’azienda leader del fumetto in Italia.

    Grande cura degli albi proposti, mantenendone le caratteristiche storiche, da un lato.
    Dall’altro lato sempre pronta a lanciarsi in esperimenti, anche coraggiosi.

    Un altro personaggio ormai storico, Martin Mystere, presenta già alcuni albi disponibili online.

  3. Avatar di Nicholas | Nè Nicholas | Nè 18/10/2013 11:14

    Cmq la prima frase è ingannevole, sembra che Tex venda più copie di Batman negli USA.
    Non credo che così tanti leggano Tex negli USA…

  4. Avatar di SarahThrace SarahThrace 18/10/2013 11:16

    Il fumetto deve essere cartaceo. Ci devi perdere le ore a scegliere quello con la copertina e la costina più perfette, senza sfregi e senza macchie di stampa, senza pellicole che si staccano dai bordi… (cosa assai sempre più rara). Comunque sia lo proverò, i disegni mi piacciono. Spero solo che i dialoghi non abbiano quell’impronta hipster che contraddistingue il fumetto (oltre che il cinema) italiano a.k.a. non si capisce un catzo di quello che vogliono dire :D

    • Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 18/10/2013 12:08

      Il fumetto deve essere cartaceo.

      Se ne deduce che hai tanto spazio in casa… ;)

      Spero solo che i dialoghi non abbiano quell’impronta hipster che contraddistingue il fumetto (oltre che il cinema) italiano a.k.a. non si capisce un catzo di quello che vogliono dire

      Quoto…

      • Avatar di Kappei Kappei 18/10/2013 12:47

        L’autore è il buon RRobe, dovrebbe essere una garanzia di qualità. Tra l’altro è diventato di recente curatore di testata di Dylan Dog.

        • Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 18/10/2013 12:48

          dovrebbe essere una garanzia di qualità

          Anche Sean Connery lo si considerava una garanzia di qualità, ma vai a vedere Il Primo Cavaliere

  5. avatar babbobe 18/10/2013 11:17

    otaku mode on:
    io leggo le scan sul web, ma vuoi mettere il piacere di sfogliare ogni pagina dell’albo?
    è tuttaltracosa.
    otaku mode off.

  6. avatar Madda 18/10/2013 11:17

    Iniziamo con un fatto che forse non vi interessa non sapete: TEX è il fumetto più venduto del mondo.

    Escludendo i manga?

    • Avatar di dkdib dkdib 18/10/2013 11:29

      Non credo che i manga vendano poi così tanto, considerando la frammentazione (in Giappone i manga sono un po’ come la birra in Germania…) ed il fatto che il mercato giapponese sia in costante calo da diversi anni (od almeno, fino a qualche anno fa era in forte crisi).

      • Avatar di Gueznor Gueznor 18/10/2013 11:36

        Oddio, da quel che ho letto i numeri di riviste come Shonen Jump (ad esempio) sono impressionanti. Si parla di una tiratura media di 2 milioni e passa di copie, a volte quasi tre. Pare che durante la pubblicazione di Dragon Ball si arrivò addirittura a 6 milioni…
        Il fatto è che, appunto, si parla di “riviste contenitore” e non di serie “monografiche” a cadenza regolare come il buon vecchio Tex. E lì uno dovrebbe andare a spulciarsi i dati di vendita dei manga in tankobon per fare un eventuale paragone. Eventuale perché fine a sé stesso, visto che la cadenza dei Tankobon è in media semestrale/annuale… quindi non saprei, magari l’affermazione è un tantino esagerata ma diciamo che nella sua “nicchia” la prenderei per buona.

        • Avatar di zero92 zero92 18/10/2013 11:53

          giusto ciò che dice gueznor, che shonen jump non potremmo prenderlo a paragone, ma one piece, che è quello che vende di più in giappone, riesce a superare tranquillamente il milione, e parliamo del solo giappone

  7. avatar ConteOlaff 18/10/2013 11:27

    Se la Bonelli sta tentando di proporre una testata di stampo moderno, e dallo stile più americano vuol dire che ha paura davvero. L’italia è piena di case editrici indipendenti che pubblicano fumetti di quel tipo e qualità (a volte migliore, a volte peggiore) ma le ferree leggi del commercio in italia non ammettono robe da addetti ai lavori. Sicuramente la bonelli punta molto su questa testata, utilizzando Mammucari per il primo numero (come aveva fatto per Jhon Doe) , la speranza è solo che non si sputtani dopo con emergenti di dubbia qualità (o con vecchi disegnatori che dio solo sa come sono approdati alla bonelli e nonostante siano dei cani con le pulci nel disegnare sono sempre lì, e il popolino che non capisce un cazzo li acclama solo perchè non conosce la qualità). Voglio proprio andarmelo a comprare questo primo numero. Da una parte però sono contento, un progetto così farà riattizzare un pò la speranza nei giovani disegnatori che (come feci anche io un tempo) sperano di lavorare in italia nel fumetto e venire pagati decentemente (o venire pagati).

    • Avatar di Tommaso Tommaso 18/10/2013 15:48

      Un tempo? Ci hai rinunciato?

      Comunque sì, la Bonelli va bene, ma l’aria puzza di stantio. Stanno cercando di rinnovarsi. Più che di questo Orfani (non amo molto lo stile di Recchioni) sono curioso di vedere cosa faranno per il vecchio Dylan… La serie “Le Storie” poi per ora mi sta piacendo molto.

  8. Avatar di LightSpirit LightSpirit 18/10/2013 11:50

    Ormai da qualche anno i fumetti costano quanto l’oro. Un fumetto, a livello di intrattenimento con 4-5€ mi da 1-2h di lettura, invece con 2-15€ potrei avere un ottimo gioco da 30-70 ore di gioco!!! Alle superiori mi prendevo (fino) a 5 serie di fumetti ma ora ne seguo solo 2!!! Che escono 2 volte l’anno!!!

  9. Avatar di itomi itomi 18/10/2013 12:17

    Il fumetto più venduto in USA lo scorso settembre ha venduto 140k copie:
    http://www.comichron.com/monthlycomicssales/2013/2013-09.html

    I manga giocano in un altro campionato, One Piece da solo ha venduto quasi 8 milioni di copie nei primi sei mesi del 2013, 1.3 milioni al mese…
    http://www.animenewsnetwork.com/news/2013-06-02/top-selling-manga-in-japan-by-series/2013-first-half

  10. Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 18/10/2013 12:33

    Dopo aver letto la sezione sulla pagina Bonelli, dove si descrive il “cast”, mi è venuto da ridere.

    Tanti auguri, Bonelli, ai ragazzini potrà piacere, specie con quei termini, ma dopotutto il target è quello…

    • Avatar di Arjuna Arjuna 18/10/2013 13:01

      A me è piaciuto, e di anni ne ho ben 41. :o
      So gggvione ddentro. ;)

      Scherzi a parte quello è il cast inizaile, per nemmeno la prima metà dell’albo, poi c’è un salto temporale e li rivediamo adulti.
      E cazzuti. :res:

      • Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 18/10/2013 13:10

        Ma dai, siamo seri…

        Specializzazione: Portatrice di morte

        Che cos’é??????

        Specializzazione: Combattimento tattico

        Esiste qualcuno specializzato in combattimento casuale?

        “Non si è trattato di un evento naturale, ma di una aggressione da parte di una forza aliena, dotata di una tecnologia superiore alla nostra.” Professoressa Jsana Juric

        Tecnologia superiore, poi vanno in giro nudi e senz’armi?

        Queste cose vanno bene per i ragazzini, non per me, sorry…

        Magari dopo cambiano, ma le premesse sono orrende, imho…

        • avatar ConteOlaff 18/10/2013 14:29

          Il problema è il filtro.
          L’unico editore in italia che può permettersi di stampare fumetti in grandissima quantità è Bonelli, e che paga a sceneggiatori e disegnatori uno “stipendio” buono per campare.
          Il problema è che chi “inventa” o “promuove” queste storie, sono sceneggiatori con la mente ammuffita e convinti di poter fare ancora i “pischelli”, gente che ha credito, e quindi riesce a vendere qualsiasi prodotto nato vecchio che questa gente propone. Le premesse di Orfani non sono ottime, a parte il primo numero, queste persone vogliono vendere come “innovative” storie frutto dell’accozzaglia di filoni narrativi triti e ritriti, americani, francesi, o giapponesi.
          Quindi tutto quello che può nascere di fumetto nuovo in italia, o rimane nella nicchia, o passa per i filtri di queste persone, o per i filtri della Bonelli.
          Quella che pubblica ancora Tex, con le pistole che quando sparano fanno “zip”.

          • Avatar di Nicholas | Nè Nicholas | Nè 18/10/2013 14:31

            Tex rulla -.-“

            • Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 18/10/2013 14:33

              Le canne…
              E vede indiani e banditi ovunque…

              • Avatar di Nicholas | Nè Nicholas | Nè 18/10/2013 14:35

                Ma va, manco può più fumare.
                Ovvio che poi gli prudono le mani.

              • Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 18/10/2013 14:37

                E diventa campione mondiale di sega, per far passare il prurito…

              • Avatar di Nicholas | Nè Nicholas | Nè 18/10/2013 14:44

                Tzè Tex non ha bisogno di donne dopo i primi 100 numeri.
                Sfoga tutto con le sputafuoco o menando pugni nei saloon.

              • Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 18/10/2013 14:52

                Che vita di merda, farebbe meglio a ritirarsi…

              • Avatar di Nicholas | Nè Nicholas | Nè 18/10/2013 14:53

                Si, ma quando chiudi il fumetto e non lo guardi più magari si sbatte tutte le squaw della riserva.

              • Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 18/10/2013 14:55

                Pictures or didn’t happen!

              • Avatar di Nicholas | Nè Nicholas | Nè 18/10/2013 15:01

                Fossi in te non farei così lo spanizzo con Tex, ci mette un niente a darti una ripassata e poi a offrire da bere a tutto il saloon

              • Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 18/10/2013 15:03

                Qui sto…
                Lo aspetto…

          • Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 18/10/2013 14:32

            Ma infatti è quello che dicevo più sotto, in merito a cosa diventò Nathan Never (parlo al passato perché non lo leggo più da anni, ma non penso sia cambiato).

            Ripeto, per i ragazzini queste premesse possono andar bene, i personaggi sembrano le “classi” di un Battlefield #, ma per me non ci siamo proprio…

            • Avatar di Tommaso Tommaso 18/10/2013 15:55

              Anch’io speravo in un qualcosa di più “adulto” e “serio”, ma vabbè, non mi aspettavo molto di più da Recchioni.

              Mostra Spoiler ∨

              Nota positiva per Mammuccari (anche se i volti non mi piacciono molto) e i coloristi.

            • Avatar di maicolengel maicolengel 19/10/2013 00:14

              ps Nathan ha avuto un lungo momento buio…ma oggi si è ripreso molto, come anche era successo per Martin Mystere…chi sta passando un (lungo) brutto momento mi sa che è proprio il mio amato DYD che sono anni che ci da storie medie con rarissime puntate in alto, spero davvero che con Recchioni migliori…intanto il primo nuovo corso del passaggio dal voi al lei mi ha fatto un poco cagare…sono aglosassoni, o tu o voi…ma il lei è anacronistico ormai anche in Italia…

              • Avatar di Tommaso Tommaso 19/10/2013 10:44

                Anacronistico? Io lo uso sempre con persone che non conosco… E è un particolare talmente piccolo che quasi non si nota, secondo me… Il vero nuovo punto è che hanno inserito già da questo numero elementi moderni (Psp) e hanno già messo la pulce nell’orecchio ai lettori sul fatto che forse Dylan si comprerà un cellulare…

  11. Avatar di Kappei Kappei 18/10/2013 12:50

    Un piccolo appunto:

    l’ultimo probabilmente fu Dylan Dog

    Mi sa che ci siamo dimenticati Nathan Never, Brendon, Julia, Dampyr più altre miniserie varie (mi permetto di consigliare Gea e Lilith di Luca Enoch)

    • Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 18/10/2013 12:57

      Mi sa che ci siamo dimenticati Nathan Never, Brendon, Julia, Dampyr più altre miniserie varie (mi permetto di consigliare Gea e Lilith di Luca Enoch)

      Nathan Never preferisco dimenticarmelo…
      Dopo che hanno aggiunto Alien vs. Predator vs. Getter Robot vs. Star Trek TNG vs. Evangelion vs. Whatever ho iniziato a rompermi un po’ il cazzo…

      • Avatar di Kappei Kappei 18/10/2013 13:04

        Concordo, però non si può certo dire che la Bonelli non cerchi di innovare costantemente. Le cantonate, poi, le prendono quasi tutti…

        • Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 18/10/2013 13:11

          Verissimo, e vedremo come andrà, ma come ho scritto più su, le premesse attuali sono orrende, dal mio punto di vista…

    • Avatar di Aramil Aramil 18/10/2013 19:39

      Confermo che Lilith é molto bello. Grazie grazie a @maicolengel che me lo ha fatto conoscere! :-D

  12. Avatar di maicolengel maicolengel 18/10/2013 15:04

    Due piccoli appunti,
    -Comixology oggi pubblica in digitale anche fumetti francesi e spagnoli (in lingua originale destinati a pubblico francese e spagnolo)! L’Italia latita, ma non è vero che loro pubblicano solo per il pubblico americano!
    -La Bonelli non ha fatto l’ultima innovazione con DYD, dopo DYD abbiamo avuto cosine come Nathan Never, un salto nella comicità un po’ manga con Legs poi Gea, Brad Barron, ora il ritorno delle STORIE, insomma alla Bonelli non son MAI stati con le mani in mano, anzi, anche dopo la morte di Sergio si son sempre sbattuti non poco, suggerisco a tutti le Storie di Altrove ad esempio (molto nerde)!

    Per il resto: +1 A me l’anteprima è piaciuta, a breve leggerò tutto l’albo e dirò la mia.

  13. Avatar di kapa89 kapa89 18/10/2013 15:53

    Ma nessuno ha notato tipo che è uguale ad Halo Reach? :D

    • Avatar di Tommaso Tommaso 18/10/2013 15:57

      E se si guarda il trailer di Ender’s Game potrebbe benissimo sembrare anche il trailer di Orfani (a parte qualche piccolo particolare). :D

      • Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 18/10/2013 21:59

        Beh, l’idea dei “soldati bambini” non è nuova né originale (neanche dei “super” soldati, vedi Dark Angel).
        La grafica di Orfani, poi, prende chiaramente “un po’ di qua e un po’ di là”…

  14. Avatar di Harald Harald 18/10/2013 17:01

    Appena acquistato, e se qualcuno spoilera qualcosa gli violento il sederino mentre dorme.

    • Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 18/10/2013 21:57

      L’assassino è il maggiordomo, ed il cuoco è complice.

      • Avatar di Harald Harald 18/10/2013 22:33

        non chiudere la finestra stanotte, e lavati il culetto!

  15. avatar Mi.Chiamano.Prophet 18/10/2013 21:33

    Io ho avuto l’anteprima dal gamestop (NON MI ASSALITE, MI TROVAVO Lì A MANGIARE UNA PIZZA CON AMICI PERCHè SI TROVA IN UN CENTRO COMMERCIALE) e mi ha incuriosito molto… se solo non dovessi farmi il premium su bf4 al day-one lo comprerei (poco nerd mi dicono).

  16. Avatar di Harald Harald 18/10/2013 22:35

    Ok, appena finito di gustarmi il nuovo prodottone Bonelli
    Narrazione: d’effetto, efficace come si conviene a ogni sci-fi
    Disegni: degni di un prodotto Bonelli
    Colori: degni di un fumetto americano
    voto di getto dopo la prima lettura: 8 secco meritato.

  17. avatar rosario.giacalone1 19/10/2013 23:07

    Due righe sul numero uno di Orfani:

    http://l4gann.blogspot.it/2013/10/orfani-sergio-bonelli-editore.html#comment-form

    Posto il link alla mia recensione, non tanto per spammarvi il mio blog nei commenti, quanto per un amichevole scambio di opinioni.

    Un saluto, Rosario”L4GANN”Giacalone

  18. Avatar di ilsologheo00 ilsologheo00 21/10/2013 12:09

    Comprato sabato, reperito il numero 0 gratuito in versione cartacea al Gamestop (che ti consiglio) e posso solo accodarmi e dire che attendo almeno il numero 4/5 per pronunciarmi sulla reale validità dell’opera.
    In ogni caso per adesso sono abbastanza soddisfatto. E per rispondere all’argomento lanciato dell’articolo, i fumetti, come i libri sono da “sentire” sotto i polpastrelli, bisogna odorarne il profumo delle prime volte che vengono aperti e poi devono essere custoditi gelosamente, rigorosamente in ordine.

    • Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 21/10/2013 12:15

      E per rispondere all’argomento lanciato dell’articolo, i fumetti, come i libri sono da “sentire” sotto i polpastrelli, bisogna odorarne il profumo delle prime volte che vengono aperti e poi devono essere custoditi gelosamente, rigorosamente in ordine.

      Come risposto già a qualcun altro, se ne deduce che hai spazio disponibile in casa…
      Non tutti hanno questo lusso.

      • Avatar di ilsologheo00 ilsologheo00 21/10/2013 12:16

        La cosa divertente è che non ce l’ho, proprio ieri cercavo di capire come fare a crearne altro.

        • Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 21/10/2013 12:26

          Il problema è proprio quello.
          Ti faccio il mio esempio.
          In casa siamo in tre (io, mia moglie e nostro figlio), e gli scaffali non sono tanti.
          Io ho i miei DVD ed i miei libri (in cartaceo) ancora in Italia dai miei (che li hanno opportunamente impacchettati nei cartoni, per lo stesso problema).

          Con i libri in formato digitale, posso permettermi attualmente di avere i miei quasi 2000 titoli, ma in cartaceo, qui con me, ho solo sette libri.

          Con il bambino, poi, che ora ha 17 mesi, il “volume” disponibile ai genitori diminuisce sempre di più (i miei LEGO, per esempio, sono in uno scatolo in cantina, torneranno su solo quando il piccolo Satana avrà l’età per giocarci, e ci giocheremo insieme).

          Pensa se dovessi prendermi anche i fumetti in cartaceo, con tutte le saghe che mi interessano (e per fortuna le ho praticamente tagliate tutte via, complice la mancanza di negozi che mi vendano fumetti cartacei in italiano o inglese).

  19. Avatar di Obama "With Bazooka" Barack Obama "With Bazooka" Barack 26/6/2014 16:09

    Ragazzi, a distanza di 10 mesi vi confermo che questa serie è una bomba.
    Recuperatela se potete.

  20. avatar rosario.giacalone1 26/6/2014 17:04

    Io ho preso il penultimo numero per curiosità e l’ho trovato di una banalità sconcertante.
    I “colpi di scena” legati al vero motivo dell’esplosione che ha spazzato via l’europa, il ritorno dei soldati scartati sono tutte cose che erano largamente prevedibili già dal primo numero.
    Per me Orfani rimane sempre una ciofeca.

  21. Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 29/6/2014 20:55

    Numero 2 – Non per odio ma per amore
    Pagina 38
    Il ragazzino spara con un revolver.
    Quel revoler non concluderebbe un cazzo nella realtà.
    Nei revolver, il tamburo agisce anche da camera di sparo. Se il tamburo è aperto come nel fumetto (si vedono i bossoli, quindi è aperto sul fianco), al momento della deflagrazione della polvere, il bossolo si squarterebbe, provocando l’uscita dei gas in espansione, che quindi non premerebbero più contro il proiettile, che di conseguenza non partirebbe.

    Just my two cents.

    Quando riuscirò a scaricare comprare gli altri numeri potrò commentare ulteriormente.

    Ah, vale ancora, comunque, il commento che ho dato dopo il numero 1:
    http://leganerd.com/2013/10/21/orfani-piccoli-spaventati-guerrieri/#comment-569883

    • Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 29/6/2014 21:08

      Aggiungo.
      Pagina 46: Boyscout dice “Terra. Daremo meno nell’occhio.”
      Pagina 48: Corrono in quad, con i fari accesi, e sollevando un polverone non indifferente.

    • Avatar di Obama "With Bazooka" Barack Obama "With Bazooka" Barack 30/6/2014 10:00

      Senza offesa, con te non vedrei mai un film.
      :iani_trancecat: lol

      • Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 30/6/2014 10:34

        Nessuna offesa, non preoccuparti.
        Queste cazzate le accetto nei trash movie, ma nelle produzioni “serie” (o autodefinitesi tali) non le ammetto, sorry.

        Queste cazzate sono al pari dell’hacker che digita tasti a tromba ad una schermata di login, e riesce a violare il sistema…

        • Avatar di Obama "With Bazooka" Barack Obama "With Bazooka" Barack 30/6/2014 14:26

          Capisco il tuo pov.
          Ecco, non sono uno che presta attenzione a ste cose.
          L’hacker che digita a man bassa roba a caso è ormai talmente fastidioso che non ci faccio più caso.
          Le armi con munizioni infinite le accetto, poichè mi sono svezzato con John Woo. I film in cui l’eroe, nonostante ecatombi di botte non sviene neanche lo accetto (Die Hard docet).
          Per il resto ci faccio sopra una risata e non lascio che tutto ciò mi distragga. Se mi diverto è ok.
          Pacific Rim m’ha fatto cacà e non accetto nessuna delle sue menate.

          • Avatar di Obama "With Bazooka" Barack Obama "With Bazooka" Barack 30/6/2014 14:27

            Pardon, la frase su Die Hard non è capibile. Riscrivo.
            I film in cui l’eroe nonostante ecatombi di botte non sviene, lo accetto (Die Hard docet).

          • Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 30/6/2014 15:11

            Il punto è: è funzionale alla storia?
            Se sì, ci passo sopra, soprattutto se è un qualcosa che può normalmente avvenire nei cambi di inquadratura (che Axel Foley si veda ricaricare la pistola solo nel momento in cui crea pathos perché si avvicina il cattivo, ad esempio, lo lascio correre).
            In caso contrario, mi fa incazzare.
            Il caso del revolver è la solita porcata di chi “parla senza cognizione di causa” (in questo caso “disegna”), andando a creare qualcosa che manca completamente di realismo, e mi dà fastidio…

            Il mio punto di vista è che se non sai una sega di forze armate, tattica, strategia ed armi, non ne devi parlare. Io non parlo mai di filosofia, né tanto meno di medicina, perché non ne so una sega.

            • Avatar di Tommaso Tommaso 30/6/2014 15:52

              Il mio punto di vista è che se non sai una sega di forze armate, tattica, strategia ed armi, non ne devi parlare. Io non parlo mai di filosofia, né tanto meno di medicina, perché non ne so una sega.

              +1
              Oppure ti informi a dovere o fai vedere il tuo lavoro a uno del settore in modo che lo supervisioni e corregga tali schifezze sbadataggini.

              C’è da dire che non tutti i disegnatori sono così, però. Molti si documentano in maniera impressionante per disegnare anche solo una vignetta.

              • Avatar di Nicholas | Nè Nicholas | Nè 30/6/2014 15:53

                Stesso discorso nella letteratura: se non sai le cose studia.
                Che cazzo ti pagano per fare quello!

Lascia un Commento

Devi essere loggato per inviare un commento.

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd