80
2

Orfani - 002

Iniziamo con un fatto che forse non vi interessa non sapete: TEX è il fumetto più venduto del mondo.

Eh si, quel ranger dall’aspetto un po’ retrò, che esclama “Satanassi e tizzoni d’inferno” ignorando di essere letto nel 2013, vende più copie di Batman negli Stati Uniti; e mica poche! 200mila contro circa 130mila.

I giovani stanno sempre di più abbandonando il fumetto come forma di entertaining, in favore di TV e videogames.

Lo stato di salute della Bonelli insomma sembra non essere poi tanto male: ma siccome ogni brava azienda che si rispetti cerca di elaborare piani a lungo termine, ecco che in via Ripamonti si sono accorti che i ragazzini i giovani stanno sempre di più abbandonando il fumetto come forma di entertaining, in favore – com’è facile immaginare – di TV e videogames.

Orfani” è la nuova serie di fumetti Bonelli che si ripropone di riprendersi questa fascia di pubblico rubandola – almeno per una mezz’oretta – alla Playstation.

Orfani - 003
Autori
  • Roberto Recchioni
  • Emiliano Mammucari
Editore Sergio Bonelli Editore
1ª edizione Ottobre 2013 – Settembre 2014
Periodicità Mensile
Rilegatura Brossurato
Pagine 94
Genere
  • Fantascienza
  • Militare
  • Avventura
via Wikipedia

La cosa che mi ha colpito dell’operazione – oltre alla serie in sè – è il progetto completamente nuovo per un’azienda che opera ormai da anni nel mercato del fumetto, senza aver quasi mai subìto cambiamenti radicali (l’ultimo probabilmente fu Dylan Dog).

Si è sempre privilegiato il bianco e nero, per esempio; il colore rappresentava il festeggiamento per le occasioni speciali.

“Orfani” è invece completamente a colori, piccola grande concessione verso la spettacolarità. Spettacolari e vagamente “videoludiche” anche le tavole, ricche di azione e di “effetti”, quasi come fermoimmagini di un film sci-fi.

Si strizza l’occhio anche alla TV: l’opera è pensata come una serie di due stagioni, con un numero finito di albi. Continuerà o meno in base alle vendite.

Novità per la Bonelli anche il tamtam sui social network e sui siti specializzati. Diverse interviste e featurette sono state pubblicate per anticipare l’uscita del numero 1. Una pagina Facebook molto attiva raccoglie al momento più di 4000 like. Un’anteprima molto ghiotta è stata rilasciata gratuitamente.

orfani-head-mammucari-recchioni

Tutto ciò mettendo sul piatto la cifra record di tre milioni di euro.

Grande apprezzamento dunque per la lungimiranza e anche per il coraggio.

Viene da chiedersi però come mai in Italia non sia ancora arrivato un vero editore di fumetti digitali.

Viene da chiedersi però come mai in Italia non sia ancora arrivato un vero editore di fumetti digitali. Comprare fumetti italiani da leggere sul proprio tablet, in un formato decente e comodo da “sfogliare”, sembra impresa assai ardua; Comixology pubblica solo per il mercato americano. Panini Digits ha incredibilmente chiuso. Altri? Non pervenuti.

Orfani - 004

Può un genere, un’arte come il fumetto sopravvivere alla rivoluzione digitale, alla velocità dei videogiochi, all’immediatezza delle serie TV, ai popcorn movie?

Davvero si vuole attirare un nuovo pubblico, un pubblico giovane, un pubblico di nativi digitali, facendoli andare in edicola a comprarsi il giornalino (come lo chiamerebbe mia nonna) quando ormai è abituato a scaricarsi da internet qualsiasi cosa?

 

Scarica gratis il numero zero di Orfani: Download (pdf)
Aree Tematiche
Entertainment Fumetti Tecnologie
Tag
Digital Distribution
Panini Digits
venerdì 18 ottobre 2013
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd