Se sei uno di noi:
ajax-loader
4 Foto del profilo di Frodo Frodo
2
Tempo di Lettura in Minuti

Nomic è un gioco creato nel 1982 da Peter Suber, filosofo interessato, tra l’altro, alla logica e alla legge.

Le regole originali del gioco, pubblicate inizialmente su Scientific American, hanno trovato posto definitivamente in appendice al The Paradox of Self-Amendment del 1990 (scaricabile free).

Il libro (e il gioco) riflettono sull’autoreferenzialità di alcune leggi o frasi: celebre è il paradosso di Pinocchio [1].

In Logica e in Matematica il problema viene evitato così:

  • distinguendo il definiendum dal definiens;
  • imponendo l’assenza del definiendum nelle formule definienti, pur  ammettendo la possibilità di definire ricorsivamente, in qualche caso (da dimostrare!).

In Diritto si presuppone comunemente che, grazie a principi generali [2] e alla gerarchia delle fonti, il problema non sussista: di fatto, si fa largo uso dell’autoreferenzialità (basti vedere la Costituzione Italiana riguardo le revisioni costituzionali)!

Situazioni tragiche vengono (sovente) evitate grazie al buon senso e alla preparazione del Presidente, ma teoricamente è possibile il presentarsi della seguente legge:

Questa legge non deve essere rispettata. Se viene rispettata, tutte le Gallardo verdi divengono proprietà del sig. Moro Antonio (semicit.).

 

 

Il gioco :troll:

Una azione lecita è proporre una nuova regola, un emendamento o una abrogazione di una regola precedente.

Nomic si può giocare sia attorno a un tavolo che su un forum o via mail. Scopo del gioco è raggiungere un determinato punteggio. Nel gioco “da tavolo” si incrementa il proprio punteggio grazie al lancio di un dado; nel gioco via mail, proporzionalmente al risultato di una determinata votazione.

Il bello di Nomic è proprio questo: una azione lecita è proporre una nuova regola, un emendamento o una abrogazione di una regola precedente. Il tutto viene sottoposto a una votazione (almeno inizialmente) democratica. Il resto viene lasciato alla fantasia  dei giocatori.

Ho scoperto Nomic l’anno scorso e non ho vissuto la scene sulla rete degli anni ’90 e 2000, ma la potenza di questo gioco è possibile vederla in questo: la possibilità di “influenzare le regole” durante un gioco è apparsa commercialmente con Magic the Gathering, pubblicato 11 anni dopo.

#initial%20set”>Qui trovate le regole in inglese, mentre qui trovate una buona traduzione in italiano.

In alcuni forum si gioca ancora volentieri (anzi, su Agora Nomic si gioca dal 30 giugno 1993!) in modo sia serio che goliardico. L’ultima partita pubblica in italiano (a me conosciuta) è stata Decameronomic 2, finita il 22 febbraio 2003…

È giunto il momento di giocare a Nomic!

Il gioco è bello, divertente garantito. Organizziamo una LNomic?

 

[1] Qualcuno potrebbe non vedere immediatamente l’autoreferenzialità. Bisogna soffermarsi sulla definizione del “naso di Pinocchio” e accorgersi che la frase diventa equivalente a “Questa frase è falsa”…

[2] Ammetto la mia ignoranza, questi principi generali non li conosco e li saprei elencare solo dopo una lunga ed estenuante ricerca! Ma esistono.

Condividi questo Articolo:
Send to Kindle
Aree Tematiche Articolo:
Boardgames Filosofia Matematica
Tag Articolo:
Agora Nomic
autoreferenzialità
Decameronomic
gioco via mail
Nomic
Peter Suber
Loggati

9 Commenti

  1. Foto del profilo di dmonter dmonter 15/7/2013 10:55

    In realtà c’è COSMIC ENCOUNTER (1977!) che è dichiaratamente una fonte di ispirazione di Garfield (il creatore di M:tG) che precede Nomic, anticipando l’idea del gioco le cui regole cambiano… chissà se Suber ci aveva già giocato…

    • Foto del profilo di Frodo Frodo 16/7/2013 08:46

      Non lo conoscevo… il boardgame del 2008 è fedele a quello del 77?

      • Foto del profilo di dmonter dmonter 17/7/2013 12:14

        Sì è una riedizione, con piccoli aggiustamenti, ma la meccanica è quella.

  2. Foto del profilo di gutul gutul 15/7/2013 12:34

    ?
    Io non ho capito niente di quello che c’è scritto. Veramente, questo post non ha né capo né coda, non c’è la descrizione del gioco, viene citato un libro a cazzo, viene fatto riferimento ad oscuri (non spiegati) concetti di logica e matematica. Boh, anzi meh.

    Eppure il gioco mi incuriosisce, andrò a cercarmi qualcosa che me lo spieghi ;)

  3. Foto del profilo di GiuliusT GiuliusT 15/7/2013 22:32

    Queste si che sono faccende interessanti. Un bacino di persone potenzialmente sbloccate in certi argomenti. Grazie dell’articolo.

  4. Foto del profilo di salva salva 25/7/2013 23:01

    ……aah????

Lascia un Commento

You must be logged in to post a comment.