Advertisement”>
	



<div id=
ajax-loader
4 Avatar di nightcrawler97 nightcrawler97
4
Tempo di Lettura in Minuti
di Maurizio Macchi

Persona

Ogni tanto è cosa buona e giusta non andare al cinema, ma dedicarsi al cinema, quello vero, quello con la ‘c’ maiuscola. E quando si parla di vero cinema non si può non parlare del Maestro svedese Ingmar Bergman, regista peraltro fra i miei preferiti che ha firmato pellicole straordinarie come “Il settimo sigillo”, “Il posto della fragole”, “Fanny e Alexander”, “Sussurri e grida” e molti altri. Con voi volevo condividere la mia recensione del magnifico “Persona”, anno 1966, con Bibi Andersson e Liv Ullmann.

La trama di questo film prevede solamente due personaggi principali, un’infermiera e un’attrice

La trama di questo film, che è sicuramente quello maggiormente sperimentale nella filmografia di Bergman, prevede solamente due personaggi principali, un’infermiera e un’attrice, interpretate magistralmente da Bibi Andersson e Liv Ullmann.

Elisabeth, l’attrice, dopo essere stata inspiegabilmente colta dal desiderio di ridere durante la messa in scena a teatro dell’Elettra, si è chiusa in un mutismo totale. La dottoressa ritiene che la ragazza è sana sia fisicamente, sia psicologicamente, e la affida ad Alma (che in spagnolo significa anima), l’infermiera.

Le due si trasferiscono in un’isolata villetta in riva al mare e, nonostante Elisabeth si ostini a non parlare, migliora a vista d’occhio. Proprio per questo fra lei e Alma si crea un profondo rapporto d’intesa, al limite dell’innamoramento, attraverso il quale l’infermiera trova occasione per aprirsi completamente. Fino a quando, un giorno, legge per caso una lettera di Elisabeth diretta alla dottoressa.

“Persona” è un film che, come pochissimi, colpisce lo spettatore trasversalmente, sotto diversi punti di vista: narrativo, stilistico, tematico, emotivo.

 

Persona

 

Narrativo

La trama, per quanto possa sembrare semplice, risulta invece complessa ed ambigua. Ogni scena è da valutare attentamente, dato che rivela particolari sui personaggi, sui loro sentimenti, sui loro caratteri.

Sin dal primo minuto il dialogo/monologo di Alma non è mai prolisso, ma anzi riesce a tenere incollati allo schermo. Il grande elemento di cambiamento è la lettera, che fa la sua apparizione circa a metà film; da questo punto in poi il rapporto fra le protagoniste cambia radicalmente, facendo diventare interessante anche un confronto del prima col dopo.

L’ultimo quarto d’ora poi, è di una bellezza semplicemente indescrivibile.

 

 

Stilistico

Come ho già detto verso l’inizio, questo è forse il più innovativo film del regista. Bergman usa coraggiosamente, ma sempre dimostrando piena padronanza di immagini e montaggio, scene drammatiche, inserimenti surreali, spunti metacinematografici (vedi l’inizio, la fine, oppure la pellicola rovinata inserita nella seconda parte del film). Trovo qui anche l’occasione per far notare l’idea per l’assolutamente indimenticabile monologo finale!

Le scenografie sono (quasi) ridotte a zero, di modo che lo spettatore si trovi a concentrarsi maggiormente sui personaggi; questa scelta è accentuata anche dall’uso frequentissimo di primi e primissimi piani. Indubbiamente adatta ed affascinante anche la fotografia di Sven Nykvist.

 

 

Tematico

“Persona” fu sottoposto ad una severa censura l’anno in cui uscì, dati alcuni temi trattati; uno degli aspetti alleggeriti fu certamente quello sessuale, infatti, per esempio, la descrizione dell’orgia era originariamente più esplicita.

Sotto il punto di vista dei significati, in “Persona” si possono ritrovare diverse tematiche, fra cui senz’altro alcune legate alla donna: l’aborto, il ruolo di madre. Inoltre, passando per valutazioni su egoismo e paura di nascita (di un figlio) e morte, è interessante il discorso persona vera/persona che sembra, attraverso il quale Bergman fa una significativa riflessione sull’uomo e sul suo modo di apparire: spesso, per rapportarsi con gli altri, le persone si trovano ad indossare una maschera, che snatura il loro vero e puro essere.

A questo proposito, mi pare superfluo ricordare che il personaggio di Elisabeth e’ un’attrice.

 

 

Emotivo

E’ vero che le innovative scelte registiche di Bergman si trovano in qualche modo a rendere la pellicola più fredda e più manieristica, ma incredibilmente “Persona” funziona anche sotto il punto di vista emotivo.

Lo spettatore infatti non può rimanere impassibile nell’ascoltare le parole di Alma, nel vedere lo sguardo di Elisabeth e nell’assistere alla pessimistica evoluzione del loro rapporto.

Insomma un grandissimo regista ci regala un grandissimo film, che come pochi è riuscito a farmi innamorare sin dalla prima visione. Probabilmente se non fosse esistito “Persona”, sarebbe mancata non solo buona parte di alcuni autori moderni (penso, per esempio, al Lynch di “Mulholland drive” e “Inland empire – L’impero della mente”, ma un tassello fondamentale nella storia del cinema.

 

Recensione pubblicata in contemporanea su pellicolascaduta.it.

Condividi questo Articolo:
Send to Kindle
Aree Tematiche Articolo:
Arte Cinema Cultura Recensioni
Tag Articolo:
Bibi Andersson
cinema svedese
Liv Ullman
Loggati

11 Commenti

  1. Avatar di ryam ryam 21/1/2013 15:06

    Letto le prime parole e subito il pensiero mi è andato a Mulholland drive.
    Grazie mille del consiglio, lo vedrò sicuramente e poi ti faccio sapere!!!

  2. Avatar di Riky_Freeman Riky_Freeman 21/1/2013 15:40

    Grazie mille per lo spunto, questo film mi mancava e mi hai dannatamente incuriosito!
    PS: questa è una recensione, quarzo!

  3. Avatar di Laido Laido 21/1/2013 15:53

    Adoro Bergman.

    • Avatar di Frodo Frodo 21/1/2013 17:33

      :res: Assolutamente contemporaneo, pensare che “Il Settimo Sigillo” ha l’età di mia madre.

  4. Avatar di gutul gutul 21/1/2013 16:17

    Gran bel film, straconsigliato!

  5. Avatar di Col. Kurtz Col. Kurtz 22/1/2013 01:20

    Persona deriva dal latino e indicava appunto la maschera indossata dagli attori di teatro. Nella psicanalisi Junghiana il termine Persona (con la p maiuscola) si riferisce all’ “interfaccia” comportamentale/emozionale che ognuno di noi si costruisce man mano al fine di relazionarsi efficacemente con la società e che, in casi particolari, può arrivare a sostituire quasi interamente l’essenza dell’individuo, il nostro Io.
    Non ho visto il film, ma dal poco che ho letto ho la netta impressione che si vada a parare proprio su questo discorso. Me lo segno, grazie.

    • Avatar di nightcrawler97 nightcrawler97 22/1/2013 09:19

      Ci hai visto assolutamente giusto. :res: Bergman, in mezzo alle diverse tracce tematiche, si collega direttamente all’espressione dramatis persona per mettere in scena il discorso sulla maschera dell’individuo nel rapporto con gli altri, una delle principali analisi del film.

      • Avatar di Darth Darth 22/1/2013 10:14

        Si rifà alla teoria delle maschere di Pirandello, o sbaglio?
        Bella recensione comunque. +1

  6. Avatar di networm | A65 networm | A65 22/1/2013 01:37

    Il posto delle fragole? Come fai ad ammirare uno che ha rubato il titolo di un suo film da una canzone di Masini?

  7. Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 22/1/2013 09:31

    Ogni tanto è cosa buona e giusta non andare al cinema, ma dedicarsi al cinema, quello vero, quello con la ‘c’ maiuscola.

    E perché l’hai messa sempre minuscola?
    :rofl: :D :rofl: :D
    +1 , comunque…
    :popcorn: :popcorn: :popcorn:

Lascia un Commento

Devi essere loggato per inviare un commento.

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd