Super - Recensione #LegaNerd
di
Dago
2

Kick-Ass in confronto è un film per ragazzini. In effetti lo è per davvero… Super racconta di Frank, un quarantenne brutto, sfigato, sociopatico con una moglie bona (Liv Tyler) e tossicodipendente. Un giorno lei fugge con un criminale trafficante di droga, scatenando le ire del marito. Ossessionato fin da bambino da strane visioni religiose, durante una crisi di pianto viene “visitato” da Dio e da uno strambo supereroe televisivo, un guerriero fondamentalista cristiano e interpretato dal meraviglioso Nathan Fillion. Frank diventa Crimson Bolt. Eroe mascherato che non sa nulla di eroi mascherati comincia a frequentare una fumetteria per imparare l’arte del combattimento per chi non ha superpoteri e conosce una commessa altrettanto fuori di testa, Libby (la ormai figa Ellen Page). Crimson Bolt comincia ad andare in giro fracassando teste con una chiave inglese, in nome di un malato senso di giustizia! Spacciatori di gangia, gente che salta la fila del per entrare al cinema, pedofili. Un po’ quello che capita, insomma. Ovviamente il nemico principale sarà colui che gli ha rubato la moglie, Jacques (Kevin Bacon).

Super è una perla che se ne sta comodamente adagiata tra il tipico film indie che strizza l’occhio alle commedie alla Michael Cera e il vecchio trash all’americana. Non è un caso che ci sia il cameo di Lloyd Kaufman, fondatore della Troma, leggendaria casa di produzione americana di film splatter. Le influenze dirette dello stile Troma ci sono tutte, anche perché lo sceneggiatore e regista del film, James Gunn, è stato uno degli sceneggiatori di Tromeo & Juliet, ma anche creatore e regista di alcune puntate The Tromaville Cafè. E’ stato anche il regista di quella zozzata che è stato Slither.

Super, insomma, è una sorta di versione iperviolenta e dissacrante di Kick-Ass, con battute volutamente stonanti in più di una scena, sangue che scorre a fiumi e con erotismo vagamente malato. Libby, poco più che maggiorenne, si innamora di Frank, o meglio, della possibilità che ha Frank di diventare un giustiziere notturno. E lei dimostra una gran voglia di cavalcarselo, ma lui, nonostante la possibilità, rifiuta con violenza in quanto toccato da Dio e quindi casto. Crimson Bolt, e ancor di più Libby, di buono hanno ben poco, e sono più simili a Bonny e Clyde che a Batman e Robin. Uccidono quasi per sfogarsi, e la giustizia pare più un mezzo che un fine.

Citazione spaccaculi: ”You don’t bud in line! You don’t sell drugs! You don’t molest little children! You don’t profit on the misery of others! The rules were set a long time ago!”

Link Imdb

Aree Tematiche
Cinema
Tag
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd