Se sei uno di noi:
ajax-loader
9 Avatar di Edran Edran
11
Tempo di Lettura in Minuti

By mid-21st century, a team of fully autonomous humanoid robot soccer players shall win the soccer game, complying with the official rule of the FIFA, against the winner of the most recent World Cup.

Questo non è un articolo normale. Questo non è quello che vi aspettereste dal vostro @Edran. Questo non è un nuovo articolo di ProPa. Questa è SPARTAAAA!
(S)fortunatamente, io non mi chiamo Leonida e nulla è cambiato rispetto ad un paio di settimane fa.

Quest’oggi, state per leggere di un’avventura creata nel 1993, iniziata 6 anni dopo e della durata stimata di 53 anni. State per leggere di cose che pochi fortunati occhi sono riusciti a vedere e che altrettante poche mani hanno realizzato. State per leggere del futuro che si realizza proprio sotto i vostri nasi. State per leggere del Campionato Mondiale di Calcio Robotizzato, anche conosciuto con il nome di RoboCup.

Quello che sta tra l’EUREKA! e l’OMFGITWORKS!

E’ molto difficile ricreare una buona storia su come la robotica si sia evoluta nel tempo, dato che essa è l’applicazione di tutte le ingegnerie e scienze possibili ed immaginabili (Esatto, non sto parlando di Ing. Gestionale!) e non è quindi facile distinguere i determinati periodi storici. Una cosa però è certa, nel 1997 avvenne un punto di svolta che verrà sicuramente ricordato per i prossimi decenni come il punto di svolta delle applicazioni robotiche, poichè ben tre importantissimi eventi accaddero alla grande: Deep Blue, supercomputer IBM, riuscì a battere il campione mondiale di scacchi Garry Kasparov per la prima volta dopo decenni di tentativi; la missione Mars Pathfinder della Nasa riuscì ed il primo rover avente una navigazione totalmente autonoma, Sojourner, incominciò l’analisi del pianeta rosso (@rorscach796, I choose you!); il primo campionato mondiale di calcio robotizzato si svolse a Nagoya, Giappone, e vide la partecipazione di più di 30 università da tutto il mondo che si batterono per la conquista delle prime coppe di quello che sarebbe diventato uno dei più importanti luoghi di sfida ed innovazione nel campo della robotica.

La storia ovviamente parte già agli inizi dei primi anni Novanta ed è ricca di ricerca, collaborazione e conventions cheneanchevipotetemaiimmaginare; quindi, se vi interessa saperne di più, fate un giro su questa pagina ed immergetevi nel magicamente magico racconto di come la competizione sia stata creata ed ideata. Un indizio: ringraziate @randO (e dite anche 10 volte ****** ****** prima di andare a letto).

Nella tana del drago

Sicuramente le vostre idee sono ancora più confuse di prima. Vediamo di fare un po’ di chiarezza.

In sostanza RoboCup è un campionato mondiale dove istituzioni scolastiche, sia pubbliche che private, hanno la possibilità di sfidarsi in gare regolamentate da una board interna alla Robocup Federation che di anno in anno stabilisce il dove, il perché ed il come di queste gare.

Esse sono divise ogni anno in categorie, sia per età che per tipologia di robot e sono dipendenti persino dal tipo di scuola accedente. La prima importante divisione è quella tra junior e senior, dove i primi sono tutti i partecipanti aventi un età minore di venti anni ed i secondi… beh, i secondi sono il resto, ecco.

Questo significa che, nella quasi totalità dei casi, questa divisione porta la divisione (della divisione che si divide con tanti dividendi e poi…) ad un ulteriore livello, dove praticamente tutti i senior sono squadre provenienti da università più o meno famose mentre gli junior hanno rappresentanti dalle età più disparate (True story: vedere squadre di undicenni giapponesi avere alla presa con robot più grandi di loro fa molto strano, in effetti)e di scuole quasi totalmente sconosciute in ambito internazionale.

Ovviamente, a causa della differenza di disponibilità e complessità tra queste due categorie, ci sono differenti sezioni e gare e, nell’effettiva, anche differenti scopi ed innovazioni. Tutto ciò è RoboCup.

Una fetta a me, una a te, mezza a ******

Come ho detto poche righe sopra, la gara è divisa in diverse sezioni dipendenti dall’età e dal tipo di regole e robot utilizzati. Dopo la distinzione tra junior e senior, vi è la ancora più importante divisione tra gare poichè, ebbene sì, la RoboCup non è assolutamente solo fatta di competizioni calcistiche ma anche di balli, servizi e salvataggi.
Avete letto benissimo!

Il mio robot non fa Kakà come il tuo

Il calcio, sport amato da tanti ed odiato da altrettanti, è stato il primo sport ad essere trasportato all’interno della RoboCup, poichè costituisce una sfida da tutti i punti di vista, che sia meccanico, elettronico o computeristico. Era e rimane la gara principale dell’evento, come sottolineato dall’obiettivo ufficiale della RoboCup Federation e dal suo stesso nome ed è anche quella più conosciuta e divisa in sottosezioni.

Le gare di calcio dei senior sono divise in questo particolare modo:

Standard Platform League, dove la Federazione della RoboCup decide ogni anno il tipo di robot, l’hardware, che tutte le squadre dovranno usare per così concentrarsi meglio sullo sviluppo del software. Solitamente vengono utilizzati robottini umanoidi dalle dimensioni piccole-medie. Da circa 4 anni, i robot utilizzati sono quelli della serie NAO e francamente sono una delle gare più simpatiche da vedere.

Soccer Humanoid League, dove robot dalle sembianze umanoidi e dalle dimensioni standardizzate in tre differenti sottoclassi (KidSize, TeenSize e AdultSize, arrivante sino a 130 centimetri!), cercano di avvicinarsi sia con lo studio dell’hardware che con quello del software all’obiettivo del 2050. Questa tipologia di gara ha lo scopo di studiare gli effetti di nuovi sensori, il riconoscimento della palla in tutte le salse possibili e le interazioni squadra-porta-avversario. La parte più bella di questa gare sono assolutamente le prove, poichè molto spesso, vi si nascondono i più incredibili nerd del pianeta ed è sempre una gioia parlare con i propri simili. Questa è assolutamente anche una delle gare più complesse, poichè i programmatori devono creare degli algoritmi per mantenere il bilanciamento del robot affinchè non cada (perchè vi voglio vedere a sollevare un affare di acciaio grosso il doppio di voi) ed è una cosa estremamente complicata.

Middle Size League, dove i robot sono delle macchinette di forma semi-piramidale, quasi sempre standardizzate. Questa è la sezione nella quale il gioco è più simile al calcio. Sono cose comuni falli, passaggi, pallonetti e calci d’angolo. Molto emozionante anch’essa, il lavoro si basa sul gioco di squadra e sull’interazione tra i vari giocatori. Questo #p/c/16/eWPtO4oFfJM" target="_blank">video è ottimo per vedere in azione dei provetti giocatori di calcio!

Small Size League, dove mini-robottini si sfidano alla velocità della luce per conquistare una delle coppe più ambite di tutto il torneo. Questi robottini, non più grandi di 18 centimetri, sono una delle cose più incredibili da vedere, poichè il livello del gioco è etteralmente affidato solamente alla qualità del software (poichè i robot vengono forniti dalla stessa federazione). Qua avviene lo studio matematico più difficoltoso, comprendente algoritmi di interazione, previsione e gestione di massa. Sono una delle gare più caotiche e confusionare da vedere ed alcune volte si può davvero rimanere a bocca aperta. Qua un altro bel video della finale dell’anno scorso a Singapore (C’ero anche io dietro la folla, ma ovviamente non mi si vede).

Sembrerebbe finita qui, e invece…

Ora che avete potuto dare un’occhiata alle diverse sezioni senior delle Soccer League, è venuto il momento che sappiate che tutto ciò è solo il 30-40% delle gare che si svolgono all’interno di questo evento. Non vi spaventate, eh.

RoboCup Rescue

Ebbene sì, non tutti hanno la volontà e la fortuna di diventare dei ricchissimi calciatori senza cervello. Alcuni preferiscono l’azione al divertimento, il coraggio e la forza.
Per tutti questi malati di mente, è nata la sezione Rescue (Salvataggio) della RoboCup.

Questo tipo di competizione è nata dalla volontà di sviluppare tecnologie adibite al salvataggio e alla gestione delle emergenze civili. Sempre ideata dalla uno dei popoli più devastati dai cataclismi naturali, non ha un obiettivo preciso bensì delle Sfide (Challenges) accettate dalle più indomite università del mondo. La maggior parte del lavoro, in questo campo, viene sfruttato sull’hardware e, perciò, le fattezze e caratteristiche dei robot sono molto spesso non delineate dal consiglio della federazione. Ogni anno le sfide cambiano ed anche le caratteristiche della catastrofe vengono modificate, così come il campo sul quale si svolgono le prove e quindi la tipologia di robot utilizzata. Ci possono essere simulazioni di incendi, terremoti ed esplosioni, tuttavia non è una gara estremamente ludica dal punto di vista dello spettatore esterno, poichè molto spesso il robot può essere visto solo all’interno di teleschermi proiettanti telecamere poste dentro questi particolari dungeon. Figata, insomma.

RoboCup @Home

Avete sempre desiderato una cameriera robotica che vi possa soddisfare in ogni vostra richiesta? Adorate così tanto guardare quel vostro robot-pulente che vi gironzola per la casa che ve lo portereste a letto? Siete così vogliosi di amore che oramai potreste farvi un cactus?
Bene, questa è la sezione adatta a voi!

Robocup @Home (A casa) è la sezione che sviluppa e progetta robot adibiti al servizio dell’uomo in sistuazioni casalinghe. Anche qua esistono sfide, però esse non cambiano nel tempo poichè lo scopo è sepre e solo quello: servire ed accontentare l’uomo nel miglior modo possibile. Questi robot sono normalmente di forma umanoide, grandi quanto un @mynameiskile, ed hanno tutto ciò che serve per rendere felice un uomo. Ovviamente, tutti quanti possono fare ottimi panini a richiesta.

La caratteristica di questa competizione è che il risultato è semi-soggettivo, poichè sono gli stessi giudici a decidere quanto bene un robot li ha aiutati e serviti. Anche qua un bel videozzo sulla finale dell’anno scorso che casualmente non ho visto poichè ero troppo impegnato a parlare con una bella spagnola.

E poi ci sono io!

Come avete potuto vedere, i senior hanno delle gare molto interessanti con altrettanto divertenti applicazioni e spettacolari sfide. Siamo quindi arrivati a circa il 75% di tutta la RoboCup. Cosa manca per completare l’opera?

Se siete stati attenti, saprete che ci sono gli Junior, tutti quei ragazzi dai diciannove anni in giù si sfidano esattamente come i senior per vincere le ambitissime coppe annuali. Per i più piccoli, esiste addirittura una gara di ballo dove vengono create sceneggiature e spettacoli attraverso l’utilizzo di robot ballerini che bambini delle elementari cercano di programmare alla meno peggio.

Centinaia di squadre partecipano a quelle che sono gare ridotte (ma non più facili) delle rispettive Senior. Il sottoscritto è titolare della squadra RoboITI dell’I.T.I. “P. Porciatti” di Grosseto che partecipa alla categoria più pesante della Junior Soccer League, dove quattro robot si scontrano per dar vita a delle incredibili partite. In queste gare, è necessaria la progettazione del software e dell’hardware (sebbene esistano pessimi kit che molti usano ma che vengono facilmente distrutti dalle suddette bestie) e la realizzazione di entrambi per poter procedere alle gare. Lascio la parola al prossimo video, girato ieri alla nostra presentazione durante l’Assemblea Generale degli Industriali della Provincia di Grosseto, dove potrete vedere in anteprima come funzionano questi quattro robottini che andranno a finire direttamente sui campi dell’ edizione 2011 del Campionato Mondiale di Robotica, ad Istambul, tra pochissimi giorni.

Ovviamente LN viaggerà con voi ed il sottoscritto per vivere (ancora una volta) questo bellissimo sogno.

Stay tuned on these pages!

Condividi questo Articolo:
Send to Kindle
Aree Tematiche Articolo:
Eventi Lega Nerd Robotica Scienze Tecnologie
Tag Articolo:
abroad
Loggati

50 Commenti

  1. Avatar di gas gas 2/7/2011 20:27

    :res:

  2. Avatar di Laido Laido 2/7/2011 20:31

    :fav: attendendo il report! ;)

    • Avatar di Bob Bob 2/7/2011 20:53

      Speriamo si sia attrezzato per il montaggio, altrimenti stiamo freschi.. :rofl:

      • Avatar di Snow4Life Snow4Life 2/7/2011 21:27

        LOL :rofl:

      • Avatar di Edran Edran 3/7/2011 00:20

        LOL, niente video, mi dispiace. Il report sarà fotografico e probabilmente molto saltuario. Per il resto, mi affiderò alla buona volontà degli altri team e farò uno dei miei soliti mega articoli:)

        • Avatar di Bob Bob 3/7/2011 11:06

          Ok, speriamo tu ti sia già attrezzato per la postproduzione allora! :rofl:

  3. Avatar di gas gas 2/7/2011 20:34

    ah: poi, vogliamo una foto del robottino con la maglia della lega eh :D

  4. Avatar di azraele100877 azraele100877 2/7/2011 20:39

    :res: Maremma Robotizzata!!! :res:

  5. Avatar di William J. William J. 2/7/2011 20:40

    Figata, non vedo l’ora di leggere il resto. :fav:

  6. Avatar di Guillaumeish Guillaumeish 2/7/2011 20:48

    +G +1 :fav: :res:
    PraFo. :cookie:

  7. avatar bradiposid 2/7/2011 20:49

    ci vuole una squadra di pignatta robot

  8. Avatar di mepanom mepanom 2/7/2011 20:52

    Two Girls one roboCup? Grande @edran! :fav:

  9. Avatar di itomi itomi 2/7/2011 20:56

    :res: :fav:

  10. Avatar di Golem | NC33 Golem | NC33 2/7/2011 21:07

    :res: :nt:

    • Avatar di William J. William J. 2/7/2011 21:56

      L’ :nt: lo metterei eventualmente nel post di reportage.
      IMHO

    • Avatar di Edran Edran 3/7/2011 00:10

      Troppo gentile. Se un’altra persona mi conferma l’ NT, lo taggo pure :)

  11. avatar BlindLord 2/7/2011 21:22

    Vai e spaccagli il culo :res: :res:

  12. Avatar di Snow4Life Snow4Life 2/7/2011 21:29

    Grande @Edran!!! :res: :fav: e :nt:

  13. Avatar di abbo abbo 2/7/2011 21:36

    machefficata! :res:

  14. Avatar di StigHelmer StigHelmer 2/7/2011 21:40

    Notti magiche

  15. Avatar di EkV EkV 2/7/2011 21:55

    :fav: :res: :nt: spettacolare! In bocca al lupo per il campionato.

  16. Avatar di Spaco Botilia Felix Spaco Botilia Felix 2/7/2011 22:44

    Pheego! Ma dunque dovete progettare sia hardware che software? In quale linguaggio programmate i robot?

    • Avatar di Edran Edran 3/7/2011 00:09

      I robot sono programmati in C, utilizzando l’ambiente ed i microprocessori della Cypress. L’hardware è tutto nostro tranne gli ultrasuoni e la bussola che sono standard e pre-costruiti.

      • Avatar di Snow4Life Snow4Life 3/7/2011 00:30

        I processori della Cypress sono imposti da regolamento?

        • Avatar di Edran Edran 3/7/2011 00:38

          No. Scelta personale (non avevo voglia di scrivermi le funzioni in assembly) e l’ambiente Cypress è ottimo come componentistica virtuale disponibile.

          • Avatar di Snow4Life Snow4Life 3/7/2011 00:42

            mi sono andato a guardare i prodotti della cypress, te quale usi nello specifico?

            • Avatar di Edran Edran 3/7/2011 01:12

              Un microcontrollore della famiglia CY8C29xxx. Non mi ricordo esattamente il modello, in questo momento, poichè è stato scelto un paio di anni fa.

              • Avatar di Snow4Life Snow4Life 3/7/2011 01:40

                In generale i micro della Cypress sono intuitivi? mi riferisco in particolare all’inizio quando bisogna prenderci la mano.

                • Avatar di Edran Edran 3/7/2011 10:05

                  La curva di apprendimento é relativamente bassa. L’unico neo é l’ide che é pesantissimo e compatibile solo con sistemi M$.

                • Avatar di Snow4Life Snow4Life 3/7/2011 10:25

                  Il sito non è molto generoso di screenshot ma mi è parso di capire che è grafico, confermi?

                • Avatar di Edran Edran 3/7/2011 22:00

                  Semi grafico. La programmazione logica viene generata graficamente (quindi l’inserimento di muxs, uart etc…). Teoricamente potresti fare tutto da editor, ma è molto scomodo.

  17. Avatar di BlueCarolina | NC64 BlueCarolina | NC64 2/7/2011 23:03

    Avevo quasi indovinato l’articolo allora :P
    BraFo amigo, aspetto il report :res:

  18. Avatar di Edran Edran 3/7/2011 00:14

    Grazie mille a tutti. Darò del mio meglio per spaccare il culo a tutti quanti per raggiungere le massime prestazioni possibili. Il report (o meglio, I reports) verranno (speriamo) “scritti” ogni giorno. Spero solamente di trovare oasi WI-FI dalle quali postare, altrimenti l’idea di @itomi non potrà essere eseguita appieno.

  19. Avatar di Phoenix Phoenix 3/7/2011 02:32

    “Scusi chi ha fatto palo?” :fav:

  20. Avatar di fuchikoma fuchikoma 3/7/2011 14:50

    Spettacolo :nt: :res: :fav:
    @edran Ti posso chiedere in cosa sei laureato? :D
    (mi sa che hai sbagliato il link a drugo, il drugo di CS è rorscach796 ;) )

    • Avatar di Edran Edran 3/7/2011 22:01

      Itomi non l’aveva modificato? LOL Cambio, grazie! ( e taggo NT )
      EDIT: Fatto. Sono laureato in scienze legaiole e nerdiche con specializzazione in trollaggio automatizzato :rofl:

  21. Avatar di Salamadonna Salamadonna 3/7/2011 15:25

    Grande! Ho partecipato anche io 3 anni fa alla robocup Junior, eravamo a Torino dentro al lingotto. Avevamo portato dei robot costruiti con le lego e comandati dal Mindstorm (che erano la nostra area di progetto per la maturità…) il problema era che quando ci scontravamo con squadre con robot seri i nostri cadevano letteralmente a pezzi :rofl: :rofl:
    comunque è stata una bella esperienza, ti faccio un grande in bocca al lupo ;)

    • Avatar di Spaco Botilia Felix Spaco Botilia Felix 3/7/2011 15:29

      Almeno il tuo si muoveva. Quando partecipai ad una competizione catanese due anni fa, il nostro Mindstorm RCX (mentre tutti avevano uno stillosissimo NXT) non si mosse di un centimetro. Figuraccia e programming fail. Per non parlare del fatto che era raccappezzato alla meno peggio…

  22. Avatar di Salamadonna Salamadonna 3/7/2011 16:03

    La cosa più brutta è stata che noi pensavamo che tutti i partecipanti alla competizione avessero robot fatti con le lego. :o Questa è stata la nostra faccia quando ci siamo visti contro i mostri tipo la foto del post. In ogni caso alla fine siamo stati i migliori tra quelli che avevano il robot costruito con le lego (Eravamo in 3, ma di solito non lo racconto :D )

    • Avatar di Spaco Botilia Felix Spaco Botilia Felix 3/7/2011 16:13

      Bella lì. Che avevate, RCX o NXT? La programmazione l’avete fatta in C++ o visuale?

      • Avatar di Salamadonna Salamadonna 3/7/2011 16:17

        NXT per nostra fortuna :D Per la programmazione avevamo iniziato con il visuale ma non riuscivamo a far combinare molto ai robottini, quindi siamo passati al C++!

        • Avatar di Edran Edran 3/7/2011 22:03

          Profondo odio verso la vostra falsa programmazione. I tizi che utilizzano i kit alla robocup non ce la fanno a passare ad i mondiali :rofl: E sono fiero di ditruggerli se me li trovo davanti :res:

Lascia un Commento

Devi essere loggato per inviare un commento.

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd